Home / Articoli / Musica / Festival Time in Jazz a Berchidda e altre località del nord Sardegna
Unica Radio App
Time in Jazz

Festival Time in Jazz a Berchidda e altre località del nord Sardegna

A Time in Jazz, lunedì 13 Agosto il progetto Blackline di Francesco Diodati a Telti (ore 11) Enrico Zanisi, Luca Bulgarelli e Francesco Lento a Porto Taverna (ore 18) e la Nils Landgren Funk Unit in serata a Berchidda (ore 21.30)

Apre lunedì 13 agosto il Time in Jazz a Telti il festival diretto da Paolo Fresu, in pieno svolgimento, fino a giovedì 16, tra Berchidda   (Ss), il paese natale del trombettista, e altri sedici centri del nord Sardegna. Alle 11, nella chiesa di Santa Vittoria, è di scena Blackline, il recente progetto di Francesco Diodati, un chitarrista (classe 1983) che prende ispirazione dalla tradizione e guarda alla musica contemporanea, rock, folk, per sviluppare un linguaggio personale, combinando un approccio spontaneo alla melodia e al suono acustico con un brillante utilizzo di elettronica e effetti. Leader del gruppo Neko e del quintetto Yellow Squeeds, membro del New Quartet del trombettista Enrico Rava, Francesco Diodati è qui affiancato dalla voce versatile e le tastiere di Leila Martial e da Stefano Tamborrino (già applaudito nei giorni precedenti con il trio ClarOscuro e il progetto Seacup), uno dei più richiesti batteristi del momento oltre che sapiente utilizzatore dell’elettronica: un nuovo concerto della serie “Mediterranea”, il progetto che coinvolge musicisti under 35, realizzato con il sostegno di MiBACT e SIAE.

Il pomeriggio porta il pubblico del festival sulla costa, a Porto Taverna, in territorio di Loiri Porto San Paolo, per ascoltare, alle 18, un nuovo trio, con il pianista Enrico Zanisi (premio Top Jazz nel 2012 come Miglior Giovane Talento, Premio SIAE nel 2014 per la Creatività; cinque dischi a suo nome, compreso un piano solo), il contrabbassista Luca Bulgarelli (classe 1972, un ampio bagaglio di esperienze e collaborazioni con jazzisti come Enrico Rava, Rita Marcotulli, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi, Maria Pia De Vito, Stefano Bollani, Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Kenny Wheeler, John Abercrombie, Dave Liebman e, nella musica leggera, con Mimmo Locasciulli, Francesco De Gregori, Peppe Servillo, Paola Turci, Gino Paoli, Sergio Cammariere) e il trombettista Francesco Lento (classe 1986, partito dall’Orchestra Jazz della Sardegna, nel 2009 è approdato Roma, dove ha cominciato a suonare in varie formazioni con Paolo Damiani, Roberto Gatto, Gege Munari, Max Jonata, Marco Ferri, poi a New York e in giro per il mondo, suonando dalla Grecia a Londra fino agli Emirati Arabi).

Al rientro a Berchidda, dopo una nuova parata della Fanfaraï Big Band con la sua miscela di raï, chaabi, musica gnawa, ottoni jazz, afro-cubani e tzigani, la seconda serata in Piazza del Popolo vede sul palco, alle 21.30Nils Landgren conla sua esplosiva Funk Unit. La solida formazione classica e le incursioni nella musica folk scandinava non hanno impedito al trombonista svedese (classe 1956) di avventurarsi nei territori dell’improvvisazione e della black music, fino ad approdare al funk, per raggiungere un successo internazionale con la Funk Unit a fine anni Novanta, in particolare a seguito dell’album “Paint It Blue” (1997), e altri importanti traguardi che sono valsi al gruppo il titolo di migliore funk band in Europa. Accanto a Nils Landgren col suo tipico trombone rosso, saranno sul palco di Time in Jazz Jonas Wall al sax, Petter Bergander alle tastiere, Andy Pfeiler alla chitarra, Magnum Coltrane Price al basso e Robert Ikiz alla batteria.

Al termine, intorno alla mezzanotte, la musica prosegue nella piazzetta adiacente all’arena di Piazza del Popolo, con il secondo appuntamento di “Time is over”, il momento post-concerto curato da Gianluca Petrella: protagonista, in questa occasione, Tommaso Cappellato, produttore, musicista, dj e compositore capace di spaziare dalla free-form techno alle produzioni hip hop e all’improvvisazione jazz, con il suo progetto solista Aforemention”.

Non solo musica a Time in Jazz: alle 15, negli spazi della Casara prosegue la mostra CasArte – Casa d’Arte Time in Jazz, un’esposizione della collezione permanente di opere degli artisti sardi e internazionali frutto delle donazioni raccolte dall’associazione Time in Jazz nei suoi trent’anni di festival: visitabile fino al 16 agosto dalle 15 alle 21.

Al Cinema Santa Crocealle 17.30, prosegue la rassegna di film e documentari di Time in Jazz curata e presentata da Gianfranco Cabiddu, che quest’anno propone un suo percorso personale attraverso i film e documentari realizzati attraverso i materiali d’archivio del festival: in visione domani (lunedì 13) “TIJ E2”, firmato dallo stesso regista sardo e Ferdinando Vicentini Orgnani, sui primi vent’anni del festival.

Alle 19, nuovo appuntamento con Winebook, la serie di presentazioni editoriali ospitate dai bar di Berchidda. Protagonista, al K2, il compositore, musicista e musicologo Enrico Merlin, già nel cartellone dei concerti di Time in Jazz nel 2005, che stavolta ritorna al festival nelle vesti di autore ed esperto della musica di Miles Davis per presentare la sua recente opera Miles Davis 1959. A day-by-day Chronology: una cronologia in grande formato (30 x 30 cm), completamente a colori, che in 630 pagine segue giorno per giorno la vita e la musica di Miles Davis in un anno importante per il musicista e per il jazz, attraverso un incredibile lavoro di ricerca sulla stampa internazionale, con l’ausilio di dettagliate discografie, note biografiche, interviste e analisi musicali.

Dopo il concerto a Berchidda, un nuovo impegno attende Nils Landgren la mattina di martedì 14, a Sorso (ore 11, villa romana di Santa Filitica) per un duo all’insegna dell’improvvisazione e della sperimentazione con il chitarrista Francesco Diodati (reduce dal concerto del giorno prima a Telti con il progetto Blackline).

Nel pomeriggio il festival si sposta a Ploaghe dove, dalle 18 al Convento dei Cappuccini, tiene banco Gegè Munari, decano dei batteristi jazz italiani, alla guida di un quartetto con Ettore Carucci al pianoforte,Luca Bulgarellial contrabbasso e Francesco Lento alla tromba e al flicorno; un nuovo coinvolgente progetto che spazia dal bebop all’hard bop, con standard rivisitati e arrangiati in chiave moderna. 

In serata a Berchidda (19.45), la festosa parata della Fanfaraï Big Band animerà le vie del paese prima dell’attesissimo concerto sul palco centrale di Piazza del Popolo (alle 21.30), che vedrà protagonisti Steve Coleman and Five Elements. Classe 1956, il sassofonista chicagoano è uno dei nomi di maggior rilievo della scena jazzistica contemporanea; la sua ricerca artistica, imperniata sul vivere la musica come parte delle energie che regolano l’universo, in cui si stratificano e convivono le esperienze più diverse, è perfettamente sintetizzata nel progetto Five Elements, in cui il suo sax alto sarà affiancato dalla voce di Kokayi, artista e produttore nominato ai Grammy, e dai suoi storici compagni Jonathan Finlayson alla tromba, Anthony Tidd al basso elettrico e Sean Rickman alla batteria.

Al termine del concerto, ancora musica con il dopofestival “Time is over”, che stavolta vedrà in azione dj Gruff (voce e giradisco) insieme allo stesso Gianluca Petrella: rap e scratch incontrano note e improvvisazione, beat, elettronica e rime in un prezioso e imperdibile mix.

Non solo musica a Berchidda per Time in Jazz: alle 15, negli spazi della Casara prosegue la mostra CasArte – Casa d’Arte Time in Jazz, un’esposizione della collezione permanente di opere degli artisti sardi e internazionali frutto delle donazioni raccolte dall’associazione Time in Jazz nei suoi trent’anni di festival, visitabile fino al 16 agosto dalle 15 alle 21.

Al Cinema Santa Crocealle 17.30, un nuovo appuntamento con la rassegna di film e documentari di Time in Jazz curata e presentata daGianfranco Cabiddu, con Faber in Sardegna docufilm a opera dello stesso regista, che racconta il legame di Fabrizio De André con l’Isola, in un viaggio musicale ed emotivo, ricostruito attraverso interviste, suggestioni e documenti d’archivio.

Alle 19, alla Caffetteria della Piazza, il quinto e ultimo appuntamento con Winebook, lo spazio dedicato alle presentazioni editoriali con aperitivo: al centro dell’incontro “Sardegna, Jazz e dintorni. Tradizioni, viaggi, musiche, insularità”, libro fresco di stampa per la casa editrice Aipsa (giugno 2018), a firma di Simone Cavagnino e Claudio Loi, dedicato alla scena jazzistica sarda.

Francesco Renga Tour 2019

About Simona Tessitore

Simona Tessitore

Controlla anche

Time in Jazz: il trombettista Nils Petter Molvaer questa sera a Berchidda

Time in Jazz: un solo del pianista cubano Omar Sosa a Telti e del violoncellista …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: