Home / Articoli / Incontri e workshop / Torna a Cagliari il festival Marina Café Noir
Unica Radio App
Marina Cafè noir

Torna a Cagliari il festival Marina Café Noir

Marina Café Noir, Festival di letterature applicate arriva alla sedicesima edizione. Tema: SUD DI NESSUN NORD

Prende il via a Cagliari il Marina Cafè Noir. Dal 19 al 23 giugno la piazza San Domenico  e piazza Garibaldi ospiterà Jan Brokken, Fredrik Sjoberg, Frank Westerman, Elisabeth Asbrink, Francesco Abate, Marta Fana, Alberto Prunetti, collettivo Ippolita, Megan Mayhew Bergman, Josè Munoz, Andrea Staid, Giuliano Santoro, Carmen Pisanello, Shi Yang, Gavino Murgia Trio, Aquaragia Drom, Ratapignata, Stefano Guzzetti, Arrogalla, Mauro Palmas, Lia Careddu, Felice Montervino, Emilia Agnesa, Astrid Meloni

Nuove date e nuovi luoghi per il sedicesimo Marina Cafè Noir, il primo e più longevo Festival letterario della Sardegna organizzato dall’associazione culturale Chourmo. Dopo il giro di boa della scorsa edizione, il Festival si rinnova profondamente e torna a svolgersi nel mese di giugno: appuntamento da mercoledì 20 a sabato 23, con anterprima martedì 19. Cambiano anche i luoghi: dopo un lungo percorso in Marina e tre fortunate edizioni tra il Giardino sotto le Mura e il Terrapieno, incontri, reading e concerti saranno allestiti nella nuova piazza Garibaldi e nella suggestiva piazza San
Domenico, nel quartiere di Villanova. Una nuova sfida per il Chourmo, che ribadisce così la sua propensione a ripensare i luoghi della città, a farli vivere sotto una luce nuova.

Un Festival in forte evoluzione anche nella sostanza, con le prime due giornate che segnano un importante rilancio della collaborazione con la casa editrice Iperborea per la realizzazione dei “Boreali off”, sezione estiva dello storico festival milanese dedicato alla letteratura nordica ospitata quest’anno all’interno del Marina Cafè Noir. Una due giorni fitta, il 20 e il 21 giugno, con i grandi autori del panorama interazionale. Ricca e dai vasti orizzonti anche la seconda parte del Festival, soprattutto grazie al consolidato rapporto con alcune delle più interessanti case editrici quali NNeditore, Sur, Alegre, Milieu, Einaudi, e alla vasta rete di collaborazioni sul territorio con associazioni e istituzioni, in primo luogo il comune di Cagliari.
Marina Cafè Noir sarà infatti anticipato da un incontro speciale che rientra nel calendario di Cagliari paesaggio: martedì 19 giugno lo scrittore Francesco Abate presenterà, in anteprima nazionale, “Torpedone trapiantati”, in uscita il 12 giugno per
Einaudi Stile Libero. Un racconto ironico e commovente legato a doppio filo con la profondissima vicenda umana che ispirò otto anni fa il fortunato “Chiedo scusa”.

Appuntamento al Chiostro di San Domenico insieme a Giacomo Casti, Marco Noce e Matteo Sau. Un Festival, insomma, che guarda ai cambiamenti senza snaturare il percorso che lo ha reso unico, ossia quella naturale tensione verso il concetto di  “letterature applicate” che significa portare i libri e le storie tra la gente, grazie a una maniera informale di approcciarsi agli incontri con gli autori, favorendo la convivialità e gli scambi attraverso reading, musica, cibo e concerti dal vivo.

Il tema. A Sud di nessun Nord è certo una citazione dal titolo di una raccolta di Associazione Culturale Chourmo racconti del ‘73 di Charles Bukowski (South of No North). Ma la frase, oltre il semplice omaggio, va intesa come la possibilità (o l’impossibilità) geografica, sociale, esistenziale e poetica che caratterizza il nostro tempo, in positivo e in negativo. Un Sud che è anche metafora in senso politico, il posto dove è ancora possibile immaginare e realizzare convivenze, in un tempo che sembra voler negare questa possibilità ai più.

Gli ospiti. Le prime due serate del Mcn, mercoledì 20 e giovedì 21 giugno, saranno dedicate agli scrittori della casa editrice Iperborea e in particolare alla sua sezione tutta nordica “I Boreali Off”; ma anche alla presentazione, in anteprima e ad opera dei curatori Pietro Biancardi e Cristina Gerosa, del magazine monografico The Passenger, un primo numero all’insegna delle grandi firme internazionali e delle più importanti voci della letteratura islandese.

In programma poi gli incontri con gli autori. Si comincia mercoledì con Jan Brokken, scrittore e giornalista olandese diventato conosciutissimo e amato in Italia grazie a libri come “Nella casa del pianista” e “Anime baltiche”. Dall’Olanda alla Svezia con Fredrik Sjoberg, penna tra le più intense, scorrevoli e godibili sia nella scrittura che nei contenuti, con una voce unica che brilla per umorismo ed empatia, arrivato al successo nel 2015 con “L’arte di collezionare mosche”.

Apre invece la giornata di giovedì Elisabeth Asbrink, che con il suo “1947” ha messo d’accordo pubblico e critica a pochi mesi dall’arrivo in libreria. Merito di una visione complessa e di un’accurata indagine storica in cui i fatti minori si mischiano con gli avvenimenti più decisivi. Chiuderà il focus sulla letteratura nordica un grande giornalista e scrittore: l’olandese Frank Westerman, definito da Goffredo Fofi il più grande erede di Ryszard Kapuscinski e descritto da Roberto Saviano come chi “viaggia tra i relitti insanguinati della storia alla ricerca di tracce di dialogo”.

Venerdì 22 e sabato 23 spazio ai temi cari a Marina Café Noir: il lavoro e il precariato, le migrazioni, la retorica del potere, il controllo sociale, il cambiamento delle città. Ospiti gli autori Marta Fana e Alberto Prunetti per un incontro dal titolo “Lavoro, sfruttamento e new working class heroes”, il collettivo di ricerca su tecnologie del dominio Ippolita, la scrittrice americana Megan Mayhew Bergman, il celebre illustratore e fumettista argentino José Munoz, e ancora Andrea Staid, Giuliano Santoro e Carmen Pisanello che dialogheranno attorno al tema delle città e delle loro trasformazioni, l’attore e scrittore cinese Shi Yang, arrivato in Italia da immigrato e protagonista di un singolare percorso personale che da venditore ambulante lo ha portato a lavorare per il cinema e la tv, e a scrivere con successo fino alla pubblicazione del suo libro con Mondadori.

Live e omaggi

Concerti, reading, omaggi, produzioni originali. Le storie che escono dai libri per salire sul palco. Anche quest’anno sono tanti gli appuntamenti performativi del Marina Cafè Noir. A partire dal concerto in anteprima nazionale di mercoledì 20 giugno, dal titolo African Inspirations, con un eccezionale trio composto da Gavino Murgia al sax insieme al polistrumentista marocchino Majid Bekkas, con Hamid Drake da Chigago, uno dei più importanti batteristi jazz in attività. Giovedì 21 un concerto che è soprattutto una festa: i Ratapignata celebrano sul palco vent’anni di carriera, al gran completo e con molti ospiti che hanno accompagnato la storia della band. La Fiesta Final di sabato 23, invece, è affidata agli Acquaragia Drom, musica e storie dalle province zingare d’Italia, lo spettacolo vibrante e ironico di uno dei pilastri della musica popolare italiana, che accompagnerà la performance di teatro-cucina a cura di Kenzedomu entertainment.

E ancora, sei i reading/concerto tratti dai libri degli autori ospiti e nati come produzioni originali all’interno del Festival: mercoledì 20 giugno Emilia Agnesa e Stefano Guzzetti Ensemble sul testo di Jan Brokken; e a seguire Daniel Dwerryhouse con Arrogalla e Mauro Palmas su Fredrik Sjoberg. Giovedì 21 Lia Careddu sui testi di Frank Westerman e Elisabeth Asbrink, accompagnata da Stefania Secci, Fabrizio Lai e Simone Soro. Venerdì 22 Astrid Meloni con i Dancefloor Stompers su Megan M. Bergman; a seguire Angelo Trofa, Alberto Sanna e Dj Palitrotu accompagneranno le parole di Prunetti e Fana. E ancora sabato 23 Felice Montervino e i Roundella su “El persecutor”, un tributo al grande Charlie Parker con testi di Cortàzar e illustrazioni di Munoz.

Infine gli omaggi, il tributo del Chourmo ad alcuni degli autori più amati, con letture di Camilla Soru, mercoledì 20 in omaggio a Stig Dagerman; Stefano Raccis giovedì 20 in omaggio a Arto Paasilinna; Antonello Fogheri e Dimitri Porcu sabato 23 con “Fragole e sangue – Omaggio al ‘68”. Jail café break a Uta. Pochi giorni prima dell’avvio del Festival, la casa circondariale di Uta, a pochi chilometri da Cagliari, ospiterà un evento speciale creato nei mesi scorsi con un laboratorio di lettura e scrittura da Chourmo in collaborazione con l’associazione Tusitala. Quindici detenuti del carcere porteranno in scena davanti ai compagni di detenzione “Senza volpi, né boschi”, le storie del criminale Oiva Juntunen in Lapponia raccontate da Arto Paasilinna in “Il bosco delle volpi” pubblicato da Iperborea.

Spazio ragazzi. Tornano quest’anno, con inizio alle 18 di giovedì, venerdì e sabato, gli appuntamenti pensati per i più piccoli: ci sarà un laboratorio sugli aquiloni e le animazioni di Tiziana Martucci, Pietro Olla, Luca Gasole, Dimitri Porcu, Ditta Vigliacci e le amatissime Filastrocche Rock’roll del duo Cugis & Liori.

Listen Unica Radio on Spotify

About Riccardo Fanni

Riccardo Fanni
Laureato in Giurisprudenza, lettore appassionato, sportivo mancato e viaggiatore compulsivo. "Chi viaggia senza incontrare l'altro, non viaggia, si sposta"

Controlla anche

Emirates cerca personale a Cagliari: selezioni a Ferragosto

La compagnia aerea con base a Dubai prosegue la ricerca di candidati italiani da inserire …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: