Home / Articoli / Teatro / Toni Servillo legge Napoli in cartellone al Teatro Massimo di Cagliari
Unica Radio App
Toni Servillo

Toni Servillo legge Napoli in cartellone al Teatro Massimo di Cagliari

Da mercoledì 25 aprile alle 20.30 fino a domenica 29 aprile al Teatro Massimo di Cagliari per la Stagione 2017-18 de La Grande Prosa firmata CeDAC: Toni Servillo legge Napoli

Un affascinante ritratto della città partenopea attraverso le voci di scrittori, drammaturghi e poeti: “Toni Servillo legge Napoli” – in cartellone da mercoledì 25 aprile alle 20.30 fino a domenica 29 aprile al Teatro Massimo di Cagliari (tutti i giorni da mercoledì a sabato alle 20.30 e domenica alle 19) per la Stagione 2017-18 de La Grande Prosa firmata CeDAC – nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna, è un viaggio tra le mille mille anime della capitale del Mezzogiorno d’Italia e del Rogno delle Due Sicilie, dalla straordinaria e a tratti struggente bellezza.

Sotto i riflettori Toni Servillo – raffinato e versatile interprete, attore di teatro e cinema nonché regista, artefice di splendide e applauditissime mise en scène di classici come “Il misantropo” e “Tartufo” di Moliere, la Trilogia della villeggiatura” di Carlo Goldoni,Sabato domenica e lunedi” e “Le voci di dentro” di Eduardo De Filippo oltre che di opere liriche – svela i molteplici aspetti e le intime contraddizioni della città che incantò (anche) Johann Wolfgang von Goethe.

L’artista (noto e apprezzato in Europa e nel mondo, protagonista di film emblematici come “L’uomo in più” e“Le Conseguenze dell’amore”, “Il divo” e “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, che l’ha diretto anche in “Loro”, prossimamente sul grande schermo per un icastico e amaro affresco del Belpaese, e ancora “Viva la libertà” e “Le confessioni” di Roberto Andò, “Gomorra” di Matteo Garrone e “Bella addormentata” di Marco Bellocchio ispirato alla vicenda di Eluana Englaro, l’enigma de “La ragazza del lago” e il passato che ritorna in “Una vita tranquilla”) propone un itinerario fra luci e ombre, tra vicoli e palazzi, nel cuore di Napoli.

Un’antologia di testi “classici” e contemporanei – in versi e in prosa – per trasportare sulla scena i suoni e i colori, gli umori di una città seducente e misteriosa, accogliente e “pericolosa”, ricca di storia e specchio del mondo: Toni Servillo interpreta frammenti di teatro e poesia, attingendo al vasto repertorio della tradizione partenopea e alle opere dei nuovi autori, per mettere l’accento sulle ingiustizie di ieri e di oggi e sul contrasto tra ricchezza e povertà, tra pathos e sferzante ironia.

Sguardo sugli ultimi in “Lassammo fa’ Dio” del giornalista e scrittore Salvatore Di G.acomo quasi una favola dolceamara, così come crudele è la sorte di “Vincenzo De Pretore”, protagonista del poemetto di Eduardo De Filippo poi trasformato in commedia, mentre il poeta Ferdinando Russo firma “A Madonna d’e’ mandarine” e “E’ sfogliatelle” – due apologhi “celesti” che svelano la dolcezza della madre di Cristo e mostrano tracce d’umanità – e guapperia – perfino in Paradiso.

Un dramma di dolorosa attualità in “Fravecature” di Raffaele Viviani e la feroce invettiva di “A sciaveca” di Mimmo Borrelli lasciano il posto all’immagine del degrado in “Litoranea” di Enzo Moscato – già inserita nello spettacolo “Rasoi” – e ancora lo struggente racconto de “‘O vecchio sott’o ponte” di Maurizio De Giovanni che sfiora l’indicibile e il “Sogno napoletano” di Giuseppe Montesano che in chiave onirica conduce dall’apocalisse a un auspicato risveglio delle coscienze.

E poi c’è il ritratto di “Napule” di Mimmo Borrelli e l’ideale della semplicità e austerità che volge in parodia in “Primitivamente” di Raffaele Viviani, tutta la verità racchiusa nelle parole e la capacità di trasformare il mondo intessendo racconti in “Cose sta lengua sperduta” di Michele Sovente e infine, prima della scanzonata “‘A casciaforte” di Alfonso Mangione, piena di ricordi e cimeli, la celeberrima “ ‘A Livella” di Antonio De Curtis (in arte Totò) in cui un incontro notturno spazza via alterigia e pregiudizi in nome di una estrema e “definitiva” abolizione delle differenze sociali – nell’aldilà.

Un istrionico Toni Servillo presta corpo e voce ai personaggi di un teatro dell’immaginario, confrontandosi con le sonorità – e le asperità – di una lingua arcaica e viva, in un monologo che si fa narrazione corale, dai dialoghi tra Dio e San Pietro della novellistica popolare ai coloriti bozzetti dell’altro mondo – in Paradiso o nell’Inferno in terra che noi stessi contribuiamo a creare. Il fascino di poesie scritte come canzoni – e canzoni che sembrano poesie per uno spettacolo che tocca le corde della mente e del cuore, accende la fantasia, fa sorridere e pensare, con il gusto di farsi gioco dei potenti e dei prepotenti e l’amarezza di chi ogni giorno lotta per sopravvivere.

Nel segno della commedia – nell’accezione dantesca – l’attore, nato ad Afragola ma napoletano nell’anima, testimone delle metamorfosi della città e tra i protagonisti della scena partenopea, dalla stagione del teatro di ricerca al Teatro Studio di Caserta, all’esperienza di Falso Movimento e alla fondazione di Teatri Uniti con Mario Martone (con cui ha anche girato “Morte di un matematico napoletano”, “Rasoi”, “Teatro di guerra” e “Noi credevamo”) e Antonio Neiwiller – offre una visione ammaliante e inquietante della città sorta sull’omonimo golfo ai piedi del Vesuvio.

Toni Servillo legge Napoli” è un’occasione per riscoprire la radice antica del teatro, in un’epica moderna i cui “eroi” sono gente comune, spesso poveri e diseredati, ladri e mendicanti, i quali narrano le proprie gesta o le proprie disgrazie con il garbo smaliziato e la disinvoltura di chi pur coltivando in segreto ambizioni si trova comunque a proprio agio nei propri panni ed è ancora capace di ridere – di sé e degli altri – e sognare.

Francesco Renga Tour 2019

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Zucchero e Catrame il libro di Giacomo Cardaci

L’autore Giacomo Cardaci presenta il suo libro a Cagliari all’interno del progetto del Cedac “Zucchero …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: