Home / Articoli / Università e Ricerca / tIDS è la nuova tecnica per curare i disturbi neurologici
Unica Radio App
tIDS

tIDS è la nuova tecnica per curare i disturbi neurologici

Si chiama tIDS il metodo per regolare la stimolazione cerebrale sulle caratteristiche individuali della persona malata da trattare.

L’acronimo tIDS sta per “stimolazione transcranica neurodinamica individuale” si applica su pazienti epilettici che non rispondono alle terapie convenzionali. È stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Istc-Cnr. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Neuroscience.

Il cervello umano usa i segnali che gli giungono dai sensi per adattare a essi i comportamenti. Infatti nelle persone affette da malattie neurologiche o psichiatriche come ictus, sclerosi multipla e schizofrenia, questi meccanismi sono compromessi. Poiché l’elaborazione dei segnali sensoriali in arrivo è alterata, una via per ristabilire il normale funzionamento è stata studiata dai ricercatori Istc-Cnr. La una nuova tecnica di stimolazione elettrica, non invasiva e personalizzata, è in grado di modificare l’eccitabilità della regione target con risultati migliori ai metodi oggi in uso.

La tIDS consiste in una stimolazione elettrica a bassa intensità. Questa, prima di agire, è in grado di capire come lavora l’area cerebrale su cui va a operare. Con tale metodologia si riesce a migliorare la capacità di reazione della zona target. La stimolazione non invasiva e personalizzata del cervello consente di aumentare la validità dell’intervento.

La tecnica è stata messa a punto e testata nell’area motoria del cervello ma il gruppo di ricerca intende estenderne l’uso.

Francesco Renga Tour 2019

About Matteo Pinna

Matteo Pinna
Ho 28 anni. Sono appassionato di musica, libri, film, serie tv e Dylan Dog. Da qualche anno nutro una forte passione per tutto ciò che gira intorno ai vinili.

Controlla anche

Mar Adriatico: cent’anni di riscaldamento

La temperatura marina superficiale del nord Adriatico è sempre aumentata nell’ultimo secolo La temperatura marina …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: