Alexa Unica Radio
Con i primi freddi, torna la campagna "Proteggi i tuoi polmoni"

Con i primi freddi, torna la campagna ‘Proteggi i tuoi polmoni’

Il nome della campagna e i suoi consigli

Sottrarsi a veloci cambi di temperatura, detergere frequentemente le mani, non fumare, far prendere aria agli ambienti dove ci troviamo e tener puliti i filtri dei climatizzatori, riempirsi di antiossidanti in quantità corrette. La campagna “Proteggi i tuoi polmoni” con la sessione invernale di “Viaggio nel respiro” si ripropone all’attenzione dei cittadini con questi piccoli ma importanti consigli, una guida per prendersi cura della salute dei polmoni nei mesi più freddi dell’anno.

Come le temperature nei mesi invernali influenzano il nostro sistema immunitario

Le situazioni legate all’umidità e alle temperatura particolarmente rigide, infatti, sommato al maggior tempo trascorso nei luoghi chiusi, possono porre alcuni ostacoli al benessere dei nostri polmoni e in generale del nostro apparato respiratorio. Durante i mesi invernali infatti siamo maggiormente in pericolo riguardo problematiche respiratorie. Le temperature particolarmente fredde per di più frenano alcuni basilari meccanismi di difesa del nostro corpo. Esso diventa più esposto a virus e batteri, mettendo quindi a dura prova il nostro sistema immunitario.

Le considerazioni di un importante professore italiano in merito alla questione

“I primi freddi – afferma Maria Pia Foschino Barbaro, insegnante ordinario di Malattie dell’apparato respiratorio – Università di Foggia, Policlinico di Foggia – possono portare a una maggior passaggio e incremento di problematiche relative all’apparato respiratorio a causa di cambiamenti della “clearance muco-ciliare”, un fondamentale meccanismo di protezione dei polmoni e dell’apparato respiratorio in generale in grado di impedire e fermare l’entrata nei polmoni di sostanze non salutari oltre a elementi (certe volte molto pericolosi) come virus e batteri”.

Lo studio effettuato da un ospedale e una università statunitensi

Inoltre vi è un ultima ricerca fatta dagli studiosi della Massachusetts Eye and Ear e della Northeastern University. Essa afferma che le temperature particolarmente fredde causano una forte decremento delle vescicole extracellulari situate nel naso. Queste sono le nostre chiare e autentiche barriere che in genere mettono k.o. i virus ancor prima che essi abbiano l’opportunità di contagiare le cellule. Non essendo presente il filtro naturale del naso, le infezioni espongono i polmoni talvolta in maniera pesante a infezioni se non vengono adoperate alcune semplici ma importanti accortezze.

I pericoli per i nostri polmoni oltre le temperature rigide

“Oltre ai pericoli connessi all’azione sul nostro corpo delle temperature fredde tipiche dei mesi invernali – continua Foschino Barbaro(la persona che ha curato la guida) vanno sommati anche i parametri che provocano danni ai polmoni durante l’intero anno. Tra questi abbiamo ad esempio il fumo, l’inquinamento e l’azione dei radicali liberi che sono alla base dello stress ossidativi. Questa è la ragione principale perchè in particolar modo nei mesi invernali è fondamentale adottare alcune piccole arguzie e possedere alcune importanti consuetudini. Queste consentono al nostro corpo di combattere lo stress ossidativo, per esempio facilitando la fabbricazione del glutatione grazie a micronutrienti che possiedono in maniera cospicua anti ossidanti o sostanze come l’N-Acetilcisteina”.

I consigli per conservare il nostro apparato respiratorio in buona salute

I “5 consigli” per preservare al meglio l’apparato respiratorio sono indicate nel prontuario: difendere bocca e naso fuori di casa come nella propria abitazione o in ufficio, in particolar modo se essi sono super affollati (anche con la mascherina); far proprie alcune ottime consuetudini di salvaguardia (sciacquarsi con particolare cura le mani, riparare naso e bocca ogni qual volta si fa uno starnuto o tossisce, ingerire frutta e verdura, sottoporsi a vaccinazioni); evitare di fumare; assicurarsi che l’aria dei luoghi in cui ci troviamo sia un’ aria di ottima qualità e mangiamo comunque cibi che contengono proprietà antiossidanti. E’ importante anche le vaccino-terapia che, seppur non c’è per qualunque virus e i batteri che mettono a rischio il nostro respiro, sono il primo fondamentale baluardo per sfuggire a conseguenze anche di particolare rilevanza in primo luogo per anziani e bambini.

Il nemico più pericoloso per i nostri polmoni

L’avversario più pericoloso del benessere dei polmoni rimane il fumo. “Il periodo invernale, in virtù anche delle temperature fredde che non porta le persone ad uscire fuori per fumare – conclude la studiosa – potrebbero essere il attimo buono per smettere”.

Il sito che ci può aiutare dando alcune importanti indicazioni

Sul sito www.proteggiituoipolmoni.it, oltre ai contenuti della campagna, si può prendere visione delle indicazioni pratiche e degli avvenimenti della serie animata nella forma di documentario per avere indicazioni importanti su come occuparsi in maniera ottima dell’apparato respiratorio. Dalla qualità di vita all’esercitazione del respiro, avendo anche chiari i pericoli che si devono evitare, fino alle prove pratiche per apprendere come sentire il proprio fiato, allenarlo e facendolo stare in salute.

About Giorgio Saitz

Giorgio Saitz
Appassionato di calcio a livello enciclopedico con la passione per l'economia e la giurisprudenza

Controlla anche

virus

Virus sinciziale e bronchiolite: cosa devono sapere i genitori

L’arrivo del freddo porta con sé diversi virus. Il virus sincinziale e la bronchiolite sono …