Alexa Unica Radio
Le nevicate un toccasana per i vitigni

Le nevicate, un toccasana per i vitigni

Per il grande esperto di vino Andrea Pala le nevicate di questi giorni “garantiscono risorse idriche e protezione delle piante”

“Le nevicate rafforzano le piante, le proteggono e le preparano al meglio per il risveglio della primavera”, spiega l’esperto di vino Andrea Pala che vanta anche un altro importante riconoscimento, il premio Franz Haas per aver meglio incarnato in Italia i valori del pioniere altoatesino, re dei pinot neri.

Franz Haas, enologo, winemaker, produttore e vignaiuolo. Innovatore e rivoluzionario. Conosciuto in tutto il mondo per le sue etichette dei pinot neri, tanto da essere unanimemente considerato il re di questa tipologia di vitigno, è stato il proprietario di una delle principali e più conosciute cantine altoatesine.

Franz Haas è stato questo e molto di più. Scomparso improvvisamente qualche mese fa, Haas ha lasciato un’eredità pesante a tutti coloro che hanno l’ambizione di creare in bottiglia “il vino perfetto”.

Il più importante evento dedicato al vino in Sardegna

Non è un caso che Wine Experience di Oschiri, il più importante evento dedicato al vino in Sardegna, capace di attrarre ogni anno migliaia di visitatori, ha istituito un premio dedicato a chi in Italia ha meglio incarnato i valori del pioniere altoatesino, un premio creato per ricordare una personalità unica.

Ad attribuirselo è stato appunto il gallurese Andrea Pala, eletto miglior giovane enologo in Italia e da anni consulente di importanti aziende viticole, sparse in varie regione dello Stivale.

Andrea Pala è stato il miglior Giovane Enologo Italiano 2021. Il 2022 è stato un anno importante per Andrea Pala grazie ai numerosi premi che i suoi vini hanno ottenuto nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali. Un anno caratterizzato sempre di più dallo studio, dalla ricerca e dalla sperimentazione. Come dimostra il progetto realizzato nell’isola di Culuccia, davanti all’arcipelago della Maddalena, nel
Nord Sardegna, dove è stato recentemente imbottigliato un vermentino le cui uve, dopo essere state chiuse in nasse per ostriche, sono state immerse per un breve periodo in mare.

L’enologo rassicura i viticoltori per le intense nevicate

Alla luce dello scenario di questi giorni con diverse zone della Sardegna che si sono svegliate sotto una bella coltre bianca, l’enologo rassicura i viticoltori per le intense nevicate: “la neve non incide sulla naturale crescita e sviluppo della pianta, anzi, chiarisce Pala, garantisce una risorsa idrica per i mesi futuri: sciogliendosi, molto lentamente, rilascia umidità a piccole dosi, favorendo così la crescita della pianta. Migliora così lo stato di salute della pianta riducendo la possibilità di sviluppo di patologie perché il gelo crea uno strato protettivo. La neve protegge dal freddo e impedisce al gelo di entrare a fondo nel terreno”. A quanto pare le nevicate sono una vera panacea per i vitigni.

Sulla stessa linea Mariano Murru, presidente regionale e consigliere nazionale di Assoenologi. “Le nevicate sono state accolte con entusiasmo. C’era infatti preoccupazione per le scarse piogge di novembre e dicembre del 2022 e le temperature troppo alte. La neve quindi è un toccasana, molto meglio di acquazzoni torrenziali perché l’acqua penetra nel modo e in quantità giusta nel terreno. Ora le basse temperature del periodo invernale ristabiliscono l’equilibrio della vite e il suo naturale decorso”. 

Ricerca, sperimentazione e tradizione nel conoscere le cure della natura, dunque, sono l’obiettivo per creare vini di grande qualità capaci di imporsi sul mercato internazionale.



About Samuel Pes

Appassionato di storia e di geopolitica, di lettura e di cinema. Il più grande desiderio? Diventare giornalista freelance e docente.

Controlla anche

Walter Lazzaro, Giorno della Memoria

Walter Lazzaro: a Quartu i disegni dal lager per il Giorno della Memoria

Get Widget Una straordinaria testimonianza lasciataci da Walter Lazzaro, pittore sopravvissuto ai campi di concentramento. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *