Alexa Unica Radio
CONFARTIGIANATO GIOVANI IMPRENDITORI DELEGAZIONE SARDEGNA RIMINI 02 12 2022

Under 35 sardi contro la crisi con un progetto di imprenditoria

Quasi 15 mila imprese giovanili con oltre 2.600 realtà artigiane. Gli under 35 sardi si mettono in gioco e combattono la crisi con imprese e lavoro.

Gli under 35 sardi non si arrendono alla crisi e si mettono in gioco in prima persona. Per questo in Sardegna una impresa giovanile su 5 è artigiana. Nell’Isola, infatti, delle 14.950 giovani aziende, 2.608 sono gestite da artigiani under 35. Queste ultime sono il 7,6% del totale di quelle artigiane registrate presso le Camere di Commercio e il 17,4% del totale delle imprese gestite da giovani imprenditori. Il 25,2% delle giovani imprese artigiane under35 è gestito da donne mentre solo il 5,8% è guidato da stranieri.

Sono questi i dati che emergono dall’analisi realizzata dall’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna sulla “Young Econonomy e sull’occupazione giovanile ” nell’Isola, su dati Istat e UnionCamere-Movimprese nel 2021.

Le attività imprenditoriali

Tra le attività preferite dai giovani artigiani troviamo quelle che che trattano l’energia (16,7%) seguite da costruzioni (12,2%), alloggio e ristorazione (12%), attività di supporto alle imprese (11,1%), attività tecniche e professionali (9%), servizi alla persona e sanitari (8,7%). Seguono il manifatturiero, il commercio e la riparazione di veicoli, il trasporto, e l’informazione e comunicazione.

E la delegazione sarda del Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato sta partecipando al meeting formativo degli “Next Generation Leadership – Leadership e cambiamento nelle organizzazioni: il ruolo del Movimento”, in programma Rimini. I lavori si svilupperanno sul tema della leadership e sulla capacità di gestire i cambiamenti, continuando a valorizzare quel ruolo di soggetto propositivo che è proprio di Confartigianato.

“I giovani hanno un impatto di vitale importanza per l’economia e l’identità sarda – afferma Riccardo Porta, giovane artigiano sardo e componente della Giunta Nazionale di Confartigianato Giovani Imprenditori – per questo è indispensabile continuare a sostenere in modo incisivo queste realtà che rappresentano l’avvenire dell’intera economia sarda”. “Dobbiamo impegnarci per tutelare, valorizzare e innovare la tradizione e le abilità legate ai nostri mestieri – prosegue Porta – ed è necessario incentivare la nascita di nuove realtà, supportando quelle già esistenti, offrendo soluzioni e sviluppando opportunità con strumenti innovativi”.

E le nuove generazioni stanno prendendo in mano le redini delle aziende di famiglia. “Loro stanno innovando e avendo una nuova visione di imprenditorialità – continua il componente della Giunta Nazionale di Confartigianato Giovani Imprenditori – il passaggio generazionale è fondamentale per la crescita non solo della propria realtà produttiva ma dell’intero sistema economico regionale. E’ quindi fondamentale sostenere i progetti d’imprenditorialità giovanile, per favorire la trasmissione d’impresa e l’innovazione tecnologica, per promuovere la collaborazione tra scuola e impresa e la formazione professionale, imprenditoriale e manageriale”.

Una situazione di fragilità dovuta al Covid

Ma l’analisi di Confartigianato dice anche che imprese giovanili sarde, tra il 2012 e 2021, hanno subito una pesante flessione del 21% mentre il resto delle attività è cresciuto del 4,6%. Sono, infatti, tante le difficoltà che le imprese giovanili devono affrontare: in primis la fragilità patrimoniale. “Il momento dell’avvio di un’impresa, per un giovane, è molto delicato – rimarca Porta – oltre alle tante difficoltà burocratiche, ai dubbi su come reagirà il mercato, all’investimento economico iniziale, a una concorrenza sleale di chi invece decide comodamente di rimanere nel sommerso, si aggiungono dei costi importanti che il giovane deve sostenere, a partire da quelli previdenziali e fiscali”. “La fase di start up – continua – dovrebbe essere quella più tutelata quella nella quale lo Stato interviene per aiutare l’impresa a germogliare e a camminare poi da sola, con tutti i risvolti positivi che derivano poi all’intera società”.

E ad appesantire questa situazione di fragilità c’è stato anche il Covid. Una indagine del Centro Studi Tagliacarne ha rivelato come nel 2020 il 70% delle giovani imprese artigiane abbi subito una riduzione di fatturato contro il 63% delle altre aziende. E anche sul futuro gli artigiani sono molto cauti: solo il 54% prevede di recuperare i livelli produttivi entro il prossimo anno, una quota che scende addirittura al 46% per quelle realtà artigianali alle prese con problemi di passaggio generazionale.

I NEET in Sardegna

E la questione dei NEET anche per gli imprenditori under35 sardi è seria. Nonostante nel quadriennio 2018-2021 la percentuale sarda sia calata del 4,3%, l’Isola, con un preoccupante 23,6% di NEET, occupa il 7° posto in Italia (al primo posto la Sicilia e all’ultimo Bolzano). Secondo una rilevazione nazionale di Confartigianato, la distanza dei ragazzi italiani dal mondo del lavoro colloca il nostro Paese al primo posto nella Ue per la maggiore percentuale di Neet, pari al 23,1%, sul totale dei giovani tra 15 e 29 anni. La media europea si attesta, invece, al 13,1%. Addirittura, nel 2020, è stato toccato il numero più alto nell’ultimo decennio di under 35 inattivi che non studiano e non sono disponibili a lavorare.

Per i giovani artigiani under 35, in ogni caso, occorre avviare importanti investimenti sulle competenze professionali per superare criticità strutturali del nostro Paese: il mismatch tra le competenze richieste dal mondo del lavoro e quelle acquisite nel sistema educativo, la carenza nelle competenze, le basse percentuali di raggiungimento dei titoli di studio secondari e terziari e i livelli preoccupanti di abbandono precoce degli studi, sono fattori da risolvere.

Per Confartigianato, quindi, occorre investire “sulla formazione on the job”, incentivando il ricorso all’apprendistato, sia duale sia professionalizzante. Gli interventi a sostegno di questi contratti dovrebbero essere accompagnati da un intervento finalizzato a ripristinare la decontribuzione totale per i primi tre anni di contratto per le imprese che ne farebbero uso.

Qual è il futuro?

Per Porta “i numeri mettono in luce l’urgenza di cambiare passo nelle politiche giovanili. Il futuro è già oggi. Quindi servono interventi immediati per ridurre il gap tra scuola, sistema della formazione e mondo del lavoro, investimenti per favorire il passaggio generazionale nelle imprese, sostegni per i giovani che si mettono in proprio soprattutto sul fronte dell’innovazione, della ricerca e dell’internazionalizzazione”. E poi sulla Sardegna “puntiamo a un’Isola a misura di giovani e di piccola impresa, con riforme che liberino energie e talenti, accrescano le competenze, migliorino l’efficienza dei servizi pubblici, eliminino ostacoli e oneri fiscali e burocratici. Solo investendo sulle nuove generazioni e sulla loro formazione possiamo garantire futuro al made in Italy”.

“I giovani rappresentano il futuro di un sistema produttivo che da sempre dimostra una spiccata vocazione all’auto imprenditorialità, la loro capacità di iniziativa è indice della vitalità di un territorio che non si arrende alla crisi, anzi reagisce in modo costruttivo, facendo impresa e dando così vita a nuovi posti di lavoro e opportunità di sviluppo con la forza della creatività, con la costanza e con l’impegno quotidiano – conclude il giovane dirigente di Confartigianato – sono certo poi che un ruolo sull’avvicinamento dei giovani all’artigianato lo abbia anche il lavoro costante e capillare su tutto il territorio regionale della Confartigianato con le scuole di tutti i livelli e anche con le famiglie: è fondamentale infatti raccontare ai ragazzi il fascino e le soddisfazioni che le centinaia di mestieri possono offrire”.

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Spiagge di Arzachena

G20 delle spiagge 2023 ad Arzachena dal 3 al 5 maggio

Get Widget È in corso ad Arzachena la visita della delegazione del G20, la rete …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *