Alexa Unica Radio
42698218 AEE0 45DE BDE7 E13CF8F2D968
42698218 AEE0 45DE BDE7 E13CF8F2D968

Presentazione tesi di dottorato sullo Stemmario alla MEM

Il 1° dicembre alle ore 17.00, con la partecipazione della dottoressa Monica Grossi

Presentazione tesi

 
Il 1° dicembre alle ore 17.00 la MEM – Mediateca del Mediterraneo, con la partecipazione della dottoressa Monica Grossi, Soprintendente archivistica della Sardegna, avrà luogo la presentazione della tesi di dottorato del dott. Fabio Manuel Serra dal titolo “Un armorial manuscrito de Cagliari: análisis documental, histórico y heráldico de un documento del siglo XVI”. La tesi incentrata sullo Stemmario, lo splendido codice manoscritto, redatto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, appartenente al fondo manoscritti dell’Archivio storico comunale.  

La tesi

L’evento proposto è la presentazione alla cittadinanza della tesi di dottorato – difesa dal concittadino Fabio Manuel Serra – presso la Universidad de Salamanca, in Spagna.
La tesi si intitola: “Un armorial manuscrito de Cagliari: análisis documental, histórico y heráldico de un documento del siglo XVI”, ed è lo studio incentrato sull’unico stemmario presente negli archivi della Sardegna. Il Ms. 14 dell’Archivio Storico Comunale di Cagliari. La tesi ha fruttato i massimi voti e la lode, e ha permesso di gettare nuova luce su un documento che riguarda in gran parte tanto la storia sarda quanto quella del Regno d’Aragona e diverse entità statuali dell’Europa della prima Età Moderna (tra cui spicca Firenze).
La conversazione, pensata secondo caratteri divulgativi, si propone di presentare agli interessati i frutti di un lavoro durato ben 4 anni.

Storia dello stemma

La vicenda dell’emblema con i quattro mori si sviluppa nel contesto delle complesse relazioni mediterranee nelle quali l’insularità della Sardegna ha un importante ruolo di integrazione.

Lo stemma dei quattro mori compare per la prima volta nei sigilli in piombo della Cancelleria reale aragonese. L’esemplare più antico risale al 1281, sotto il regno di Pietro il Grande. Dopo che la Sardegna entra a far parte della Corona d’Aragona tali sigilli vi giungono a chiusura dei documenti dei re Giacomo II (1326), Alfonso il Benigno (1327-1336) e Pietro IV (1336-1387); alcuni esemplari sono conservati nell’Archivio storico comunale di Cagliari.
Risale al Trecento anche lo “Stemmario di Gelre”, un manoscritto compilativo conservato a Bruxelles, che riproduce gli stemmi di tutta Europa e riporta per la Sardegna la bandiera con i quattro mori. E’ però possibile che lo stemma sardo sia stato aggiunto qualche decennio dopo perchè all’epoca della stesura (1370-1386) esisteva il “Regno di Sardegna e di Corsica” comprendente entrambe le isole.

Nel Quattrocento si consolida la leggenda che spiega i quattro mori sullo stemma con l’intervento di san Giorgio nella battaglia di Alcoraz nel Nord della Spagna, vinta nel 1096 dagli Aragonesi contro i mori invasori che lasciarono sul campo di battaglia anche le teste coronate di quattro loro sovrani.

 

About Elena Pusceddu

Sono una studentessa di Beni culturali e spettacolo. Forte appassionata di arte e moda. Amo viaggiare alla scoperta di nuove culture!

Controlla anche

L'Università di Cagliari e la Giornata della Memoria

L’Università di Cagliari e la Giornata della Memoria

Get Widget L’iniziativa dell’Università di Cagliari per ricordare tre docenti vittime delle leggi razziali Due …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *