Alexa Unica Radio

L’UE: più boschi per assorbire la CO2

L’UE approva una legge per espandere boschi, paludi e altri pozzi al fine di assorbire la CO2 e ridurre le emissioni di gas serra.

L’Unione Europea ha approvato una legge per espandere le foreste, le paludi e altri “pozzi” che assorbono CO2. Una misura che potrebbe consentire di aumentare l’obiettivo europeo di riduzione delle emissioni nette di gas serra. Il provvedimento fissa il target di tonnellate di CO2 da eliminare attraverso l’uso di suolo, alberi e altre piante e biomassa, in 310 milioni entro il 2030. Se raggiunto, potrebbe portare la UE ad aumentare il suo obiettivo di riduzione delle emissioni nette di gas serra a quasi il 57% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, rispetto all’attuale 55%.
La nuova strategia forestale si inserisce nel Green Deal europeo. Lo scopo è migliorare la quantità e la qualità delle foreste. Fondamentale per risolvere il problema dei cambiamenti climatici e quello della perdità di biodiversità. Con la nuova strategia l’UE si impegna a piantare 3 miliardi di alberi in più entro il 2030.
Gli alberi in più che verranno messi a dimora saranno piantati e cresciuti nel pieno rispetto dei principi ecologici e tutto questo richiederà una pianificazione ed un monitoraggio a lungo termine. Tutti i cittadini europei avranno la possibilità di seguire e tenere traccia della messa a dimora degli alberi. Attraverso un sito web ed una mappa online interattiva con un contatore integrato “Map-My-Tree” sviluppato dalla Commissione Europea insieme all’Agenzia Europea dell’Ambiente.
La legge Europea sul Clima sarà implementata dalle misure previste dal recente Pacchetto di leggi su energia e clima della CE Fit for 55% package. Oltre alla nuova strategia forestale UE il pacchetto Fit for 55% package include anche le seguenti nuove proposte legislative. Meccanismo di regolazione del carbonio alle frontiere (CBAM); uno strumento sociale per l’azione per il clima; ReFuelEU Aviation – sui carburanti per l’aviazione sostenibili; FuelEU Maritime, per rendere più verde lo spazio marittimo europeo.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

analysis 1841158 1920

Cancro: Il 10% dei casi è dovuto all’inquinamento ambientale

Get Widget Secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente, l’inquinamento dell’aria è responsabile solo dell’1% dei casi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *