Alexa Unica Radio

Arriva in Sardegna il numero unico emergenze 112

Entro l’anno nasce in Sardegna il numero unico emergenze (NUE) 112: presentato il primo atto aziendale dell’Areus.

Entro fine anno sarà attivato il Numero Unico dell’Emergenza (NUE) 112. Dando così attuazione alla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione europea. Che accorpa sotto una Centrale Unica di Risposta i numeri di emergenza di 118, Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Capitaneria.

Un’importante innovazione nel sistema dell’emergenza urgenza che inserirà l’isola tra le regioni italiane che hanno già avviato il modello. E’ una delle novità contenute nel primo atto aziendale dell’Areus, presentato ai sindacati e pronto per essere sottoposto al vaglio della Regione per essere approvato in via definitiva. Un’altra novità è l’operatività, a partire dal 2023, del Numero Unico Armonizzato 116117. Il servizio telefonico gratuito per le cure mediche non urgenti, che darà così seguito a quanto previsto dal Pnrr.

“Dotare l’Areus di un atto aziendale rappresenta una tappa fondamentale per il consolidamento di questa azienda sanitaria – dice il direttore generale dell’Areus Simonetta Bettelini -. L’atto consentirà di sviluppare a pieno tutte le funzioni assegnate dalla Regione Sardegna e renderà Areus punto di riferimento regionale per la gestione dell’urgenza-emergenza sanitaria prima dell’arrivo in ospedale“.

L’112, tramite la Centrale Unica di risposta (Cur) e i suoi operatori formati, si occupa della presa in carico della chiamata, l’individuazione del tipo di emergenza richiesta e il trasferimento della stessa alle Centrali Operative di secondo livello (Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco, Emergenza sanitaria). Che si occupano poi della gestione del contatto ricevuto e dell’insieme delle attività necessarie alla risoluzione della specifica emergenza. Il servizio consente anche la localizzazione e l’identificazione del chiamante.
La fase di “Call Taking” permette anche di filtrare le chiamate in arrivo eliminando le cosiddette “false chiamate”, che costituiscono una percentuale rilevante delle chiamate totali ricevute.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

A Cabras il primo borsino internazionale della bottarga

Get Widget Per portare il caviale sardo nelle tavole dei ristoranti esteri. In arrivo 50 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *