Alexa Unica Radio
nature g0646cf18d 1920
nature g0646cf18d 1920

Lo stato della Green Economy italiana

Il costante cambiamento della green economy ha portato l’Italia a raggiungere notevoli traguardi sul campo. Il made in Italy punta sempre più alla qualità ecologica. Accanto ai traguardi permangono, però, alcune criticità.

Energia in continuo cambiamento

L’elettricità del fotovoltaico e dell’eolico cresce costantemente. A causa del forte calo dell’energia idroelettrica è diminuita la quota di rinnovabili sul consumo finale di energia. In calo anche la quota delle rinnovabili nei consumi di natura elettrica. L’economia circolare e l’agricoltura biologica continuano ad avere buone performance; aumentano le immatricolazioni di auto elettriche e riprende la sharing mobility. Il consumo di suolo sembra invece senza freni: nel 2021 ha toccato il massimo degli ultimi 10 anni.

Questi sono i risultati emersi dalla Relazione sullo Stato della Green Economy presentata in apertura degli Stati Generali della Green Economy 2022. Quest’anno, il summit verde è dedicato a “La nuova sfida della transizione ecologica per le imprese italiane”, promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il ministero della Transizione ecologica e il patrocinio della Commissione Europea. Si svolge alla Fiera di Rimini, nell’ambito di Ecomondo-Key Energy.

Come sostenuto da Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, la Green economy in Italia dispone di buoni potenziali di sviluppo. Numerose imprese hanno intrapreso un percorso verso la transizione green non solo per necessità, ma come opportunità di sviluppo sui mercati internazionali. L’aumento dei costi dell’energia, la scarsità delle materie prime, possono fungere da acceleratore verso una direzione ecologica.

Nove tematiche Green prese in esame

Nella relazione, sono state esaminate nove tematiche: clima, green city, rinnovabili, risparmio energetico, economia circolare, capitale naturale, consumo di suolo e risorse idriche, agricoltura, mobilità.

Nel 2021 le emissioni di gas serra in Italia sono aumentate del 6,8% annullando la gran parte della diminuzione del 2020 dovuta alla pandemia. In Italia manca ancora una legge sul clima e il 2022 è stato un anno che ha visto la crisi climatica colpire duramente l’Italia.

Le rinnovabili crescono troppo poco e lentamente. Nel 2021 il consumo di energia da fonti rinnovabili è cresciuto del 3% sull’anno precedente. Poiché i consumi di energia sono aumentati, la quota di rinnovabili sul consumo finale di energia è diminuita. Con le autorizzazioni rilasciate per nuovi impianti eolici e solari emerge un miglioramento degli impianti installati entro la fine del 2021. Ma nonostante ciò, l’ Italia non riuscirebbe a rispettare la traiettoria del nuovo target europeo al 2030. L’aumento dei consumi di energia ha riguardato un po’ tutti i settori: in modo più consistente i trasporti, ma anche terziario, industria, agricoltura e edifici a uso abitativo. 

Sul fronte dell’economia circolare si confermano le buone performance. Gli indicatori confermano una buona posizione dell’Italia nella circolarità delle economie europee. Nel 2022, con il rallentamento economico e le attività di riciclo di alcune filiere, stanno entrando in una fase di difficoltà di collocazione dei materiali riciclati.

A causa della crisi climatica, delle ondate di calore e dei lunghi periodi di siccità, il corretto uso, il risparmio e la tutela delle risorse idriche sono di crescente importanza. Gli sprechi sono ancora insostenibili.

Cambia il mercato italiano dell’auto. La transizione ecologica e climatica investe il mercato dell’auto che vede in Italia una forte presenza industriale nella produzione delle auto tradizionali. I dati del 2021 dimostrano che nel 2021 sono state immatricolate 468.000 auto in meno di quelle vendute nel 2019. Le auto diesel vendute sono state il 29% in meno dell’anno precedente e quelle a benzina il 16%. Nel 2021 sono state immatricolate 136.000 auto elettriche (+127%) e 423.000 auto ibride (+91%), mentre ha ripreso a crescere la sharing mobility.

About Michela Corona

Studentessa in Scienze della Comunicazione, diplomata in Scienze Umane. Appassionata di musica, sport e fotografia. Esperienza lavorativa in vendita assistita, animazione e delivery. Nel tempo libero amo andare al mare o in montagna.

Controlla anche

Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile. Due workshop sulla sostenibilità nelle imprese.

Get Widget Via all’attuazione della Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile con 2 corsi online sulla sostenibilità economica, sociale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *