Alexa Unica Radio

Tre biker sarde sfidano deserto e donano farmaci

Impresa Marocco expedition Women Challenge: tre biker sarde sfidano il deserto e donano farmaci col patrocinio dell’Aou Sassari.

Dopo avere vinto la lotta contro il tumore, le biker Donatella Mereu, Paola Zonza e Daniela Tocco, in sella alle loro mountain bike, hanno percorso 350 km in sei giorni. Attraversando montagne, colline e il deserto del Marocco.

La “Marocco expedition Women challenge” è un’impresa patrocinata dall’Azienda ospedaliera universitaria di Sassari. Conclusa con la donazione di presidi medici, farmaci e kit pronto soccorso agli abitanti del villaggio di Agdz.

Un gesto di solidarietà compiuto per mano di Rita Nonnis, chirurgo senologo dell’Aou di Sassari. Che ha partecipato alla spedizione insieme con il capo carovana Maurizio Doro, biker d’esperienza e fine conoscitore del Marocco, il coach Antonio Marino, Michele Marongiu, ideatore dell’avventura, e il videomaker Pierandrea Maxia.

Un’impresa che l’Aou di Sassari ha sostenuto sin dall’inizio, patrocinandola e donando un kit di pronto soccorso. Sul sito web dell’Aou sono stati pubblicati i resoconti quotidiani delle tappe e le immagini della loro sfida. Attraverso i monitor aziendali posizionati agli ingressi delle strutture e nelle sale d’attesa, sono state trasmesse le immagini delle biker in sella alle loro mountain bike durante tutti i sei giorni. Un modo per dimostrare la vicinanza a queste donne che, dopo un percorso assistenziale di cura oncologica, hanno voluto promuovere un messaggio di coraggio. E dimostrare che tutte le difficoltà si possono superare con tanto impegno, dedizione e forza interiore.

Le parole delle tre biker

La spedizione era partita dalla Sardegna il 23 ottobre e si è conclusa sabato con l’arrivo delle biker a Tamnouglt al termine di un’ultima tappa di 46 km. “Abbiamo smesso di sentire dolori a 20 km dall’arrivo e ci è venuta un’esplosione di lacrime, di emozioni, vissute da ciascuna in modo proprio”. Racconta Paola Zonza. “Ci siamo emozionate, non abbiamo sentito neanche qualche dislivello. Eravamo più unite del solito, e non solo con le ragazze ma con tutto il gruppo“. Afferma Daniela Tocco. “Su 46 km, 20 li ho pedalati con le lacrime agli occhi – aggiunge Donatella Mereu -. Mi fermavo ogni tanto, anche a emozionarmi davanti a questi panorami davvero unici e splendidi”.

Il progetto è stato organizzato e realizzato da ACentro per il sociale di Cagliari con il patrocinio della Regione Sardegna, Comune di Cagliari, Asl Cagliari, Aou Sassari, Lilt,Ail Cagliari, Fondazione Taccia, Mai più Sole e Associazione sinergia femminile, con il supporto inoltre di numerose aziende del territorio.

 

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

Tumore al seno: “Note di Vita” la prima guida per capire cosa sentono le donne

Get Widget Nasce la prima guida per capire gli stati d’animo, i pensieri e le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *