Alexa Unica Radio

L’Accabadora, tra mito e realtà alla DoMusArT

Nuovo appuntamento con un nuovo libro alla DoMusArT, la casa della cultura in via Neghelli a Quartucciu

L’associazione culturale “Impari po Imparai“, venerdì alle 18, presenterà il libro “Accabadora mito e realtà. Storia e reperti di un ritrovamento“, scritto da Aldo Cinus, Roberto Demontis, Augusto Marini e Mariano Staffa. Un incontro inserito nel progetto “Identità e valore tra passato e presente”

La trama del libro

Da tempo ci domandiamo se il mito, la tradizione e il rituale de s’accabadora siano mai esistiti. Questa nostra riflessione vuole portare a farci ragiornare e aggiungere qualche mattoncino verso l’esistenza di una reale tradizione. E’ impossibile affermare con certezza l’assoluta l’esistenza de s’accabadora, ma è anche difficile negarlo. Per oltre venticinque secoli abbiamo fantasticato sull’esistenza di particolari figure che agevolavano la morte non per cattiveria o per trarne qualche vantaggio, ma solo per misericordiosa e pietà al fine di abbreviare la sofferenza pre-morte.

Le dichiarazioni dell’assessore alla cultura

«Si tratta di un’indagine oggettiva su quella che per molti può essere identificata come una legenda, ma che in realtà crea un flebile legame tra il sacro e il profano», spiega il vice Sindaco, Elisabetta Contini.

«È indubbio il valore scientifico della ricerca e dei ritrovamenti che vengono documentati nel libro». Negli anni scorsi l’assessorato aveva provato a ricostruire, con un evento culturale sempre in via Neghelli, uno spaccato della tradizione e del passato teatralizzando “S’attittu o attitidu“.
«Ora attraverso il racconto degli autori del libro abbiamo la possibilità di riscoprire uno spaccato di storia e cultura sarda e comprenderne le tradizioni e chissà, magari scopriamo che anche a Quartucciu questo rito esisteva», conclude Contini.

L’evento

A presentare la serata ci sarà Alessandra Porru, presidente di “Impari po Imparai”. Ci saranno anche intervalli musicali curati dalla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz e della Pro Loco.

About Irene Pes

Studentessa in Scienze della comunicazione. Amo tutto ciò che riguarda le tradizioni della mia terra. Adoro viaggiare, ascoltare musica, catturare momenti indimenticabili e scoprire cose nuove. Mi prendo cura di me stessa andando in palestra e negli anni con le mie esperienze lavorative ho acquisito molta creatività, tenacia e abilità comunicative.

Controlla anche

Quartucciu valorizza lingua sarda

Quartucciu: il testo teatrale bilingue sardo-italiano

Get Widget Il Comune di Quartucciu promuove l’evento per scoprire la lingua sarda L’obiettivo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *