Alexa Unica Radio

Cambia il decreto anti-rave

Cambia il decreto anti-rave: riduzione della pena e modifiche per le intercettazioni in seguito alle criticità rilevate.

Il decreto anti-rave è pronto per essere modificato. A poco più di 48 ore dall’approvazione in Consiglio dei ministri e dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la norma fortemente voluta dal Governo – in seguito ai fatti di Modena – sta per subire una o più variazioni. Sul tavolo ci sono almeno due criticità, sollevate nelle scorse dalle forze politiche – anche appartenenti alla maggioranza – e dai costituzionalisti che hanno deciso di vederci chiaro. In particolare si contesta l’eccessiva genericità della norma per definire “l’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati” e la possibilità di intercettare anche gli adolescenti alla ricerca di ipotetici responsabili del nuovo reato.

Le modifiche potrebbero partire dalla riduzione della pena, che passerebbe da sei a quattro anni. In modo da non prevedere l’arresto immediato. Quindi le intercettazioni, che scatterebbero come automatismo con le pene superiori ai 5 anni di reclusione. La strada, comunque, è quella già tracciata dal ministro della Giustizia Carlo Nordio che ha precisato come “il decreto non incida sui diritti della libera riunione”.

Il decreto anti-rave prevede fino a 6 anni di reclusione. Almeno per come stanno le cose adesso. Organizzare e partecipare a questo tipo di eventi non autorizzati è diventato un reato, il 434-bis. La stretta era arrivata durante il primo Consiglio dei ministri dell’era Meloni. Ed era nata in seguito a quanto stava accadendo a Modena, dove circa 3mila persone si erano riunite in un capannone abusivo per festeggiare Halloween. Dunque secondo il decreto, il 434-bis del codice penale istituisce una nuova fattispecie di reato: “Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica”. A cui si aggiunge la confisca dei veicoli e degli strumenti, l’obbligo del ripristino dei luoghi e l’utilizzo di intercettazioni per indagare sul reato.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

Bonus terme

Bonus terme, si parte con il click day per gli enti termali

Get Widget Partito il click day per il Bonus terme 2021. Ed è subito polemica. Dalle ore 12 di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *