Alexa Unica Radio
DONNE GUERRIERE 2 vert medium

Stagione 2022-2023 de La Grande prosa

Parte a Olbia la Stagione 2022-2023 de La Grande Prosa organizzata dal CeDAC. Ouverture giovedì 1 dicembre.

Storie d’amore e d’amicizia, voci di donne e ritratti di famiglia. Arriva la Stagione 2022-2023 de La Grande Prosa, organizzata da Cedac/Circuito dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna al Cine/Teatro “Olbia”. Con il patrocinio e il sostegno del Comune di Olbia, della Regione Sardegna e del MiC / Ministero della Cultura e con il contributo della Fondazione di Sardegna.
Otto titoli in cartellone da dicembre ad aprile per la Grande Prosa. Tra riletture di classici e testi contemporanei con i nomi di punta della scena italiana. Da Chiara Francini a Benedicta Boccoli e Lorenza Mario con Stefano Artissunch, Debora Caprioglio con Pino Quartullo e Gianluca Ramazzotti. Caterina Costantini e Eva Grimaldi con Eva Robin’s e Evelina Nazzari, Michele Sinisi con Stefania Medri e Stefano Braschi. La cantante Ginevra Di Marco con Gaia Nanni, l’attore e comico Gabriele Cirill. E tre giovani talenti isolani come Noemi Medas, Federico Giaime Nonnis e Leonardo Tomasi.
Una programmazione variegata che spazia tra ironia e dramma, tra intriganti e divertenti monologhi come “Una ragazza come io” con Chiara Francini e “Duepuntozero” di e con Gabriele Cirilli. A scoppiettanti commedie come “Preziose Ridicole” da Molière, “Buoni da morire” di Gianni Clementi e “Tutto per Lola” di Roberta Skerl. Accanto a testi cult del Novecento come “Tradimenti” di Harold Pinter e “Due Fratelli” di Fausto Paravidino e le vicende esemplari e l’impegno delle “Donne Guerriere”.
Uno sguardo attento sulla drammaturgia contemporanea per una Stagione 2022-2023 de La Grande Prosa capace di soddisfare il gusto di un pubblico di appassionati e esperti. Ma anche di attrarre nuovi spettatori, in particolare fra le giovani generazioni. Privilegiando l’humour e la leggerezza per mettere in risalto gli aspetti tragicomici e paradossali dell’esistenza. Confrontandosi con pregiudizi e stereotipi, in un colorato affresco della società.

Una ragazza come io

Ouverture giovedì 1 dicembre alle 21 con “Una ragazza come io”. Originale one-woman-show scritto a quattro mani con Nicola Borghese (che firma la regia) e interpretato dall’eclettica attrice, scrittrice e conduttrice Chiara Francini. Dove l’artista «ripercorre la sua vita. Unica eppure così simile a quella di tanti altri, l’infanzia di paese, i nonni con cui è cresciuta. La famiglia matriarcale, l’adolescenza, il percorso di ragazza di provincia sano e caparbio. Il desiderio odierno combattuto e vivissimo di voler diventare mamma. E la fierezza dell’essere ora e sempre una diversa, una strana, una fuoriposto, un’inadeguata, una parvenue». Un’intensa prova d’attrice per Chiara Francini che rivela, tra umorismo e qualche nota malinconica, in un elegante gioco di contrasti, «cosa significhi per lei essere una donna oggi. Ma in modo rivoluzionario: dicendo la verità».

Preziose Ridicole

La Grande Prosa continua con il genio di Molière  giovedì 12 gennaio alle 21  per “Preziose Ridicole” con Benedicta Boccoli e Lorenza Mario. Protagoniste sulla scena con Stefano Artissunch, che ha curato adattamento e regia della celebre commedia sulle disavventure di due giovani di provincia, ammaliate dai fasti parigini. In questa versione la vicenda è ambientata nell’Italia degli Anni Quaranta, dove due artiste d’avanspettacolo si esibiscono in un varietà stile “Café Chantant”. Sullo sfondo di «una società delle apparenze dove “le persone di qualità sanno tutto senza aver mai imparato nulla”». Come ricorda Artissunch sottolineando le analogie con il presente. Sotto le luci della ribalta, Caterina e Maddalena riescono comunque a conquistare il pubblico con il loro talento e la loro vulnerabilità, tra melodie indimenticabili da “Milord” a “Maramao Perché Sei Morto” e “Ma L’Amore No”.

Tradimenti

Una riflessione sull’amore e il disamore, sulla fragilità e precarietà delle relazioni martedì 31 gennaio alle 21 con “Tradimenti” di Harold Pinter. Con Stefano Braschi, Stefania Medri e Michele Sinisi. Che firma la regia della pièce, incentrata sui delicati equilibri di un triangolo sentimentale. Un classico del Novecento, nella rilettura moderna di uno degli artisti più interessanti del panorama contemporaneo. Che scandisce i momenti significativi di una narrazione a ritroso, dalla fine della storia ai suoi inizi. Utilizzando in maniera originale le “didascalie”, in una scansione temporale irregolare, dettata dai ricordi e dalle emozioni. «Il teatro dev’essere divertente e coinvolgente. Il pubblico deve dunque trovare qualcosa di se stesso». Aferma Sinisi. «“Tradimenti” deve riuscire ad appassionare, a muovere ad una riflessione, ad essere parte del presente».

Due Fratelli

Un inquietante “ritratto di famigliagiovedì 9 febbraio alle 21 con “Due Fratelli” di Fausto Paravidino. Con Noemi Medas, Federico Giaime Nonnis e Leonardo Tomasi. Per la regia di Maria Assunta Calvisi. La cucina di un appartamento in città diventa teatro di una vicenda emblematica, che sintetizza il disagio di una gioventù disorientata. Un testo cult (vincitore del Premio Riccione Teatro 1999) costruito attorno a dialoghi serrati, un flusso di pensieri e parole in cui i dettagli del quotidiano si mescolano a questioni esistenziali e temi cruciali. Come il legame apparentemente conflittuale, in realtà quasi simbiotico che unisce i due ragazzi e la difficile convivenza con la loro coinquilina Erica. Una giovane donna con molti segreti. Tra discorsi ellittici, densi di allusioni e accese discussioni, la vicenda prosegue in un drammatico crescendo fino all’inatteso finale.

Donne Guerriere

Un omaggio alle eroine e alle rivoluzionarie di ieri e di oggi martedì 28 febbraio alle 21 con “Donne Guerriere” con Ginevra Di Marco e Gaia Nanni. Che tra racconti e canzoni, sulle note di Francesco Magnelli (pianoforte e magnellophoni) e Andrea Salvadori (chitarre, tzouras e elettronica), rievocano figure come Rosa Parks e Nilde Jotti, Anna Magnani e Virginia Woolf. Accanto alle musiciste Rosa Balistreri e Caterina Bueno. Storie di donne famose o sconosciute, come la badante Ludmilla o l’operaia Luciana. Che hanno lottato, giorno dopo giorno, per rivendicare dignità e diritti negati e per cambiare il mondo. «“Donne Guerriere” parla di chi si batte – con le armi delle parole, del racconto, del canto, dei gesti esemplari – contro le violenze e le discriminazioni». Spiega il regista Francesco Pedullà. «lo spettacolo è dedicato a tutte le donne che creano e ricreano simbolicamente la vita».

Buoni da morire

Un sapido affresco della società giovedì 9 marzo alle 21 con “Buoni da morire” di Gianni Clementi  inserito nel cartellone de La Grande Prosa. Nell’interpretazione di Debora Caprioglio e Pino Quartullo con Gianluca Ramazzotti, per la regia di Emilio Solfrizzi. Una coppia della medio-alta borghesia, preoccupata per il futuro del figlio, una sorta di “sbandato”, decide di trascorrere una vigilia di Natale diversa, insieme ai volontari che assistono i clochards. Un’esperienza che li induce a riscoprire valori e ideali dimenticati, a ripensare il significato stesso dell’esistenza. Finché alla porta di casa si presenta un ospite inatteso, ex compagno di scuola del figlio, con tutte le caratteristiche di chi vive per la strada. Un arduo dilemma per i protagonisti, costretti a decidere se accogliere quello che è in fondo un perfetto estraneo, o lasciarlo fuori, nel gelo dell’inverno.

Tutto per Lola

Una commedia in giallo venerdì 31 marzo alle 21 con “Tutto per Lola” di Roberta Skerl. Una pièce ironica e coinvolgente, ricca di colpi di scena, che vede protagoniste Caterina Costantini, Eva Grimaldi, Eva Robin’s e Evelina Nazzari. Accanto a Geremia Longobardo per la regia di Silvio Giordani. Quattro professioniste dell’amore in pensione abitano insieme in una villetta, in un microcosmo fatto di ricordi al riparo da pregiudizi e cattiverie, una preziosa oasi di serenità. La tranquilla routine domestica viene però infranta a causa di un delitto in cui le signore rischiano di venire coinvolte, anche in virtù dei loro trascorsi peccaminosi. Mentre le indagini continuano, emergono i temperamenti differenti delle quattro donne, e soprattutto il forte legame di amicizia e solidarietà che unisce queste creature appassionate e fragili, vissute ai margini della società.

Duepuntozero

La difficoltà di restare al passo con i tempi venerdì 21 aprile alle 21 nell’esilarante “Duepuntozero”. Il nuovo spettacolo di e con Gabriele Cirilli, scritto con Mattia Cirilli, Maria De Luca, Lucio Leone, Gianluca Giugliarelli e diretto da Valter Lupo chiude La Grande Prosa.  Un one-man-show, in cui l’artista si cimenta con differenti generi, dalla commedia degli equivoci al cabaret. Alternando «racconti di vita vissuta comici ma che toccano anche le corde del cuore, canzoni, monologhi e gag irresistibili». Uno spettacolo ispirato alla velocità dei continui cambiamenti della realtà che ci circonda. La necessità di aggiornarsi e confrontarsi con l’evoluzione tecnologica e le nuove forme di comunicazione. Insomma il ritmo incessante e lo stress della vita moderna, raccontati con ironia, tra battute e spunti di riflessione, per far sorridere e pensare.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

Hermaea Foto squadra

Hermaea, inizia un altro tour de force

Get Widget Biancoblù impegnate in infrasettimanale sul campo della Futura Giovani Busto Arsizio. Domenica c’è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *