Alexa Unica Radio
rumundu4 1

In arrivo il nuovo progetto di Rumundu con le scuole

In arrivo il nuovo progetto di Rumundu con le scuole “Giovani che cambiano il mondo”. In attivo dal 28 ottobre con oltre duecentocinquanta studenti.

Il nuovo progetto di Rumundu per le scuole prevede workshop e lezioni online, un hackathon a Sassari e un viaggio premio per il miglior progetto di innovazione a Bruxelles. Il nuovo progetto dell’associazione risponde al bando per iniziative a favore del sistema scolastico della Fondazione di Sardegna, mettendo i giovani al centro.

Oltre duecentocinquanta studenti, provenienti da 14 istituti dell’Isola, proveranno a dare una visione di Sardegna sostenibile, in linea con i 17 obiettivi delle Nazioni Unite, conosciuti anche come Agenda 2030. Il percorso formativo ideato da Rumundu parte proprio dalle iniziative delle Nazioni Unite volte a responsabilizzare i giovani a livello globale. Affrontare problemi come la povertà, la disoccupazione, la scarsa scolarizzazione, le disuguaglianze di genere e il divario digitale richiedono competenze e una forte cittadinanza attiva comune.

L’ambizione di Rumundu è quella di formare una nuova classe dirigente pronta a condurre la Sardegna verso un futuro di sostenibilità economica, sociale ed ambientale. Partendo dai giovani. E nell’Isola quasi trecento studenti avranno la possibilità di pensare davvero come i ‘grandi’, cimentandosi in nuove modalità di apprendimento, laboratori d’impresa e di progettazione sociale tenuti da esperti e professionisti.

Si parte il 28 ottobre con workshop online rivolti a studenti e docenti, e si continuerà fino al 16 dicembre. Nella stessa giornata è previsto il gran evento finale a Sassari con un hackathon, dove gli studenti si riuniranno in presenza e si sfideranno per trovare la migliore soluzione di sviluppo locale per la Sardegna. Il team che presenterà il miglior progetto vincerà un viaggio premio formativo a Bruxelles (di una settimana), alla scoperta delle istituzioni europee.

Le dichiarazioni di Stefano Cucca, presidente di Rumundu

Stefano Cucca, presidente di Rumundu dichiara “Abbiamo iniziato le nostre attività supportando aziende, pubbliche amministrazioni e startup per lo sviluppo di progetti sostenibili. Ci siamo aperti anche a percorsi di alta formazione internazionale collaborando direttamente con la Commissione Europea e diverse istituzioni internazionali, ma sentivamo che non stavamo rispondendo ad una fascia della popolazione importantissima: i giovani. Negli ultimi anni abbiamo così iniziato a collaborare con le scuole integrando programmi internazionali con gli studenti prima sardi ed oggi abbiamo diversi progetti che vedono coinvolti ogni anno circa 500 studenti”.

Obiettivi del progetto

”Tra gli obiettivi vi è quello di mettere in atto processi cognitivi per affrontare e risolvere problemi la cui soluzione non è evidente nell’immediato. Il tutto per favorire il pensiero critico e la capacità di lavorare in gruppo per trovare soluzioni applicabili ai vari contesti sociali attraverso progetti di sviluppo locale” dichiara sempre Stefano Cucca. Il progetto mira inoltre a favorire la mobilità internazionale fin dalla giovane età. I giovani aderenti hanno potuto visitare gli Stati Uniti e ad oggi Rumundu detiene una collaborazione con le istituzioni per coinvolgere sempre di più i suoi giovani per farli sentire cittadini europei. Infatti anche con il Progetto Scuola della Fondazione di Sardegna ci sarà l’occasione di regalare un viaggio presso le istituzioni europee.

About Marta Collu

Appassionata di storia dal 1996, amo scrivere da quando ho memoria. Quando non ascolto i podcast di Barbero ascolto le playlist più disparate in base all'umore del giorno (e ovviamente Unica Radio). Lavoro come animatrice in una casa di cura e provo ad affrontare il mondo con gentilezza.

Controlla anche

Uniss investe grazie ai fondi del PAC

Get Widget L’Università di Sassari investe in azioni a sostegno degli studenti e delle studentesse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *