Alexa Unica Radio

Il 65% dei consumatori dichiara di interessarsi all’impatto ambientale

Un rapporto di Bain&Company e Wwf Italia riguardo l’interesse verso la sostenibilità e il clima da parte dei consumatori

Il 65% dei consumatori afferma di preoccuparsi per all’ambiente, ma solamente il 15% circa dei consumatori sta prendendo decisioni di acquisto costanti per ridurre l’impatto su di esso. Ma, secondo le previsioni, quella percentuale è destinata a salire al 50%. Questo è il nuovo rapporto ‘How Brands Can Embrace the Sustainable Fashion Opportunity’ (Come i brand possono cogliere l’opportunità della moda sostenibile), risultato da Bain&Company e dal WWF Italia. I due partner hanno esaminato le pratiche di sostenibilità e moda di circa 5900 consumatori di moda in sei paesi intervistati: Cina, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti.

Previsioni di Bain&Company e WWF Italia.

Di conseguenza, i consumatori di tutto il mondo sono sempre più preoccupati per l’impatto ambientale e sociale dei prodotti di moda che acquistano. Ad oggi, tuttavia, solo alcune persone hanno regolarmente dato la priorità alla sostenibilità dei loro acquisti (circa il 15%), ma WWF Italia e Bain si aspettano che questa tendenza aumenti in modo significativo, raggiungendo più della metà dei consumatori di moda.

“Lo shopping sostenibile è un cambiamento inevitabile. Nel complesso, l’attenzione alla sostenibilità sta aumentando, soprattutto tra le giovani generazioni. I marchi della moda devono quindi accogliere con favore questo cambiamento, abbracciare il business verde e rendere lo shopping sostenibile più facile e conveniente per tutti i consumatori”. Claudia D’Arpizio, senior partner e Responsabile Globale del Settore Moda e Lusso di Bain, ha inoltre dichiarato: “I marchi che integrano proattivamente la sostenibilità nelle loro strategie e attività rafforzeranno la loro rilevanza sul mercato e affronteranno l’enorme potenziale di domanda non soddisfatta, sia oggi che in futuro”.

Mentre la responsabile globale del Settore Abbigliamento e Tessile del Wwf, Payal Luthra ha affermato: “È giunto il momento per i brand di agire sulla sostenibilità. Non solo beneficeranno di una maggiore resilienza della natura, ma avranno l’incredibile opportunità di costruire la fedeltà al brand di consumatori sempre più consapevoli”.

Informazioni tratte da: Moda, 65% dei consumatori dichiara di avere a cuore l’ambiente – Adnkronos.com

About Michela Noga

Studentessa del III anno di Lingue e Comunicazione residente a Oristano. Studio inglese e cinese e ho una grande passione per la danza sportiva. Aspiro a lavorare in un contesto internazionale.

Controlla anche

image 2

Carabinieri: calendario storico 2023 nel segno dell’ambiente

Get Widget Carabinieri: un milione e 200mila copie del calendario storico 2023, 16mila in 9 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *