Alexa Unica Radio
image 1

Is Mascareddas, quinta edizione di ANIMA IF a Cagliari

A Is Mascareddas. Quinta edizione di ANIMA IF: dal 25 al 30 ottobre, da tutto il mondo, gli spettacoli del grande teatro di figura

Torna a Cagliari ANIMA IF, festival internazionale del teatro di figura, organizzato dalla compagnia Is Mascareddas che da martedì 25 a domenica 30 ottobre porta in scena – a Sa Manifattura – alcuni tra i più significativi spettacoli dall’Italia, dall’Europa e dal mondo.

Danza, corpo e movimento sono i tre elementi al centro dell’indagine di questa quinta edizione. Tre elementi e un comune filo rosso, l’energia, la forza propulsiva che agisce sulla reazione, fa palpitare, rende vivo. Ma anche quella che serve, sempre, a chi da oltre 40 anni fa della cultura la sua arte e il suo lavoro, in tempi incerti e sospesi come quelli che corrono.

Da questa prospettiva è nata una fitta programmazione che dalla tradizione del teatro di figura si muove verso la sperimentazione di nuovi linguaggi di animazione, più ibridi e inaspettati. Una proposta eterogenea interamente rivolta a un pubblico adulto (a partire dai 14 anni), con artisti dalla Sardegna, dal Piemonte, dalla Slovenia, dalla Spagna, dalla Francia, dal Giappone.

Saranno 17 gli appuntamenti in cartellone divisi su 2 palchi, con 13 spettacoli, 2 workshop, 2 letture e 1 allestimento TEMPORANEO, in 6 giorni di festival. Non solo performance ma anche incontri, proiezioni, dibattiti, laboratori e momenti di creazione partecipativa. E ogni giorno un aperitivo a cura di Stazione di Transito, un momento conviviale attorno cui raccogliere la comunità del festival, il pubblico e gli artisti.

Spettacoli di ANIMA IF

Si parte martedì 25 ottobre con Esercizio d’archivio (18,30), un corto d’autore di e con Ornella d’Agostino, in cui il corpo è un archivio in movimento, la danza un esercizio di scavo nella contemporaneità. Si prosegue poi con Esercizi per scomparire (19,30), di e con Amalia Franco: una riflessione sulla nostra frammentarietà espressa nella tensione tra corpo danzante e corpo del fantoccio, corpo dell’attore e corpo del manipolatore.

A chiudere la prima giornata sarà Preludes (20,30), di e con Laura Bartolomei che racconta una favola surreale capace di parlare dell’innocenza e delle paure nella fine della vita. Una visione in cui la danza non nasconde la sofferenza del corpo ma la rincuora.

Mercoledì 26 ottobre si riparte con la replica di Esercizi per scomparire (19,30), cui seguirà l’appuntamento con una delle più importanti e longeve compagnie marionettistiche d’Italia, la Carlo Colla & Figli, che porta in scena Marionette che passione! Danzare con i fili (20,30). Un percorso marionettistico fra movimento, gesto e danza, attraverso estratti dagli spettacoli allestiti in due secoli di attività. Tre marionettisti della storica compagnia – Franco Citterio, Piero Corbella e Giovanni Schiavolin – muoveranno una dozzina di personaggi a fili corti mostrando l’arte e la natura della marionetta a filo.

Il giovedì di ANIMA IF (26 ottobre) sarà invece all’insegna delle grandi compagnie internazionali. Si comincia con Yumehina Theatre Dondoro, dal Giappone, che presenta a Cagliari la sua opera più rappresentativa: Keshin (19,30), una danza spirituale e potente tra un uomo e una donna che simboleggia il ritorno alla montagna. In scena Michika Iida, unica apprendista del compianto Hoichi Okamoto, autore dello spettacolo e fondatore della compagnia.

Teatro Matita e Is Mascareddas

A seguire si va in Slovenia con la compagnia Teatro Matita e il suo Happy bones (20,30), di e con Matija Solce: un mucchio d’ossa vere, tutte provenienti da diverse parti del mondo, e un burattinaio, che come un allegro alchimista racconta la storia della loro solitudine.

Venerdì 28 ottobre, dopo la replica di Keshin (19,30), toccherà invece alla compagnia di casa, Is Mascareddas, che proporrà Venti Contrari (20,30). Protagoniste Donatella Pau e Claudia Dettori che animeranno i personaggi di una piccola città su cui il vento soffia in senso contrario; tutti, però, opporranno una forza altrettanto ostinata e altrettanto contraria.

Sesta giornata del festival

Sesta giornata del festival, sabato 29 ottobre, e nuovi artisti coinvolti. In apertura un Caffè/confronto (18,00) con le maestre di danza Ornella D’Agostino, Raimonda Falchi e Simonetta Pusceddu, che insieme agli artisti del festival daranno vita a una tavola rotonda sull’arte del teatro di figura, della danza e sulle contaminazioni contemporanee. Quindi spazio all’intervento di Betti Pau con Un due trè (19,00) lettura ironica tra ricordi e sogni irrealizzati, venata di una leggera malinconia. A seguire Silvia Bandini sarà al centro di 752 giorni (19,15), un dialogo sospeso tra una donna e un omino di legno; mentre la compagnia francese La Pendue presenta Tria Fata (20,30): sul palco Estelle Charlier e Martin KasparOrkestar. Lei burattinaia, lui musicista, nel loro cabaret giocano la vita e la morte.

Saranno quattro, invece, gli appuntamenti in programma per la giornata conclusiva di domenica 30 ottobre. In apertura Napiòn (18,30) della compagnia spagnola La Víspera con protagonista Vinka Delgado: due personaggi che condividono lo stesso corpo eppure si cercano, senza trovarsi. Si prosegue poi con un nuovo intervento di Betti Pau dal titolo Lettera alla danza (19,00). Sipario infine sulla quinta edizione del festival con El Clamor (20,30), firmato ancora da La Víspera e da Vinka Delgado; e con lo spettacolo Zoologia (20,45) della compagnia Oltrenotte, di e con Lucrezia Maimone: un progetto di ricerca coreografica per la creazione di diverse figure di natura animale.

Proiezioni

A impreziosire il cartellone di ANIMA IF due film strettamente legati al tema del festival. Sabato 29 ottobre si proietta Con la S maiuscola (11,00), un lavoro dell’associazione culturale InMediazione sulla lingua, la cultura e l’identità delle persone sorde. Un film in cui il corpo e il movimento si ritrovano spesso a sostituire la parola. Un’opera dedicata all’accessibilità culturale con l’intento di indagare le difficoltà della comunicazione.

Domenica 30 ottobre, invece, appuntamento con Incognitum (20,30), di Sara Angius. Un viaggio metafisico e surreale nelle profondità dell’inconscio, in cui il linguaggio della danza contemporanea, della marionetta e delle illusioni cinematografiche esplora lo stato di isolamento sociale.

Workshop

Due i laboratori di questa edizione. Il primo, La marionetta aperta, è a cura di Damiano Privitera, direttore dell’accademia MAAF. I partecipanti prenderanno conoscenza della tecnica attraverso esercizi di improvvisazione, rilettura di alcuni movimenti e individuazione di gesti simbolici. In programma anche una piccola messa in scena dello studio in una forma lineare.

Il secondo, In-Segni, è a cura invece dell’associazione di promozione sociale Inmediazione. Un breve laboratorio pratico di avvicinamento alla LIS, per scoprire che una lingua può essere segnata, non solo parlata e scritta, e utilizzata per esprimere bisogni, sentimenti, emozioni, raccontare fatti e storie.

Dance box

Un progetto che nasce dalla volontà giocosa di creare una video memoria collettiva del movimento. Durante i sei giorni del festival sarà allestista una sorta di grande scatola colorata, una stanza color senape. Una persona alla volta verrà invitata a entrare, indossare delle cuffie e lasciarsi guidare dalle istruzioni. Una musica suggerirà il ritmo, un momento privato da restituire alla comunità sotto forma di danza. Un archivio indistruttibile del movimento, una testimonianza visiva e del contributo personale e variegato della comunità.

Aperitivi

Come raccordo tra la prima e la seconda parte di ogni serata, ANIMA IF offre un momento di condivisione e convivialità, con un aperitivo in collaborazione con le cantine di Lu Colbu, Dolianova, Faragò e Santadi e Stazione di Transito. Uno spazio informale di condivisione tra gli artisti e il pubblico, che aiuta il festival a farsi comunità.

Partner

ANIMA IF è sostenuto dal contributo di Fondazione Banco di Sardegna, Regione Sardegna, Assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Sardegna e Ministero della Pubblica Istruzione.
Il festival è patrocinato da Unima Italia e realizzato in collaborazione con Sa Manifattura, Sardegna Teatro, ATF, Corsica Sardinia Ferries, Amleta, Finsardegna, Progetto Cantiere, Teatro del Drago, Inmediazione, Campsirago Residenza, Teatro Instabile, Tuttestorie e Spazio Danza.

About Michela Noga

Studentessa del III anno di Lingue e Comunicazione residente a Oristano. Studio inglese e cinese e ho una grande passione per la danza sportiva. Aspiro a lavorare in un contesto internazionale.

Controlla anche

stefano masciarelli 1024x672 1

Etnia e Teatralità : sul palco dell’Astra arriva Stefano Masciarelli

Get Widget La grande prosa a Sassari sul palco dell’Astra In scena giovedì 1 dicembre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *