Alexa Unica Radio
Serra e Morittu Film Lab

Carbonia Cinema Giovani Filming Lab

Carbonia Cinema Giovani Filming Lab: otto giovani filmmakers da tutta Italia per raccontare la città ed il suo territorio.

Quattro ragazze e quattro ragazzi, da tutta Italia, per raccontare Carbonia e il suo territorio. Sono in corso sino al 25 ottobre le riprese del Carbonia Cinema Giovani Filming Lab. Il progetto del CSC Carbonia della Società Umanitaria che prevede la produzione di uno o più cortometraggi collettivi. Capaci di raccontare il territorio, la sua cultura, il suo tessuto sociale, il suo paesaggio.
Guidati dal regista Daniele Gaglianone con la collaborazione di Chicco Angius, gli otto giovani – di età compresa tra i 25 e i 30 anni – sono al lavoro da domenica 16 ottobre nella città mineraria. Impegnati tra scouting del territorio, stesura del soggetto e riprese. L’attività sul campo arriva in seguito alla visione e all’analisi dei film prodotti dalla Fabbrica del Cinema, dedicati alla memoria della città. E dei filmati del progetto regionale di raccolta del cinema di famiglia La tua memoria è la nostra storia. Dopo la conclusione delle riprese comincerà la terza fase del progetto. Che prevede la finalizzazione dei prodotti audiovisivi, “lavorati” a distanza con un premontaggio. Sempre sotto la supervisione del tutor di corso e del regista Daniele Gaglianone.
I lavori verranno poi presentati a dicembre in una serata pubblica. Prima di essere distribuiti gratuitamente in tutta Italia da UccaUnione Circoli Cinematografici Arci. All’interno del catalogo della rassegna itinerante di cinema del reale “L’Italia che non si vede”.
Le attività del Carbonia Cinema Giovani Filming Lab si inseriscono insomma nel solco tracciato dalle ultime edizioni del Carbonia Film Festival. Che a partire dal 2016, supportate dalle iniziative di How to Film the World, sono fortemente votate alla formazione dei giovani, alla scoperta del territorio, e al racconto del reale.
Le ragazze e i ragazzi del Carbonia Cinema Giovani Filming Lab sono stati accolti stamattina, lunedì 17 ottobre, dal sindaco di Carbonia Pietro Morittu. Nella sede della Società Umanitaria alla Fabbrica del Cinema. «Siamo felici come amministrazione comunale di poter ospitare questo corso diretto da un importante regista come Daniele Gaglianone. E che vedrà protagonisti ragazze e ragazzi da tutta Italia. Carbonia, pur con le sue criticità, è una città ricca di potenzialità e di bellezza. E vede nella cultura un volano per lo sviluppo. Siamo sicuri che il lavoro che emergerà da questo corso residenziale di cinema, meritoriamente proposto dalla Società Umanitaria, saprà raccontare la nostra città con un occhio nuovo e contemporaneo».
Daniele Gaglianone si è detto invece convinto che «le ragazze e i ragazzi ospiti di questa residenza sapranno calarsi al meglio nel ruolo di interpreti della realtà che andremo a visitare. E del film che andremo a realizzare. Carbonia ha sempre rappresentato per me, che l’ho conosciuta tanti anni fa per partecipare a una delle attività del centro giovani, un luogo affascinante per la sua storia ma anche per la sua particolare realtà contemporanea».
Infine, secondo il direttore del Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria,Paolo Serra, la sfida del progetto è quella di «provare a capire come potremmo essere visti, senza condizionamenti e sovrastrutture, da un gruppo di ragazze e ragazzi provenienti da diverse aree dell’isola e della penisola. Gli chiederemo di vivere, per un periodo definito, un momento di conoscenza e connessione profonda con la realtà cittadina. Le risposte che otterremo, sono certo, non potranno che essere molto interessanti».
L’obiettivo del corso è anche quello di restituire uno sguardo esterno, fresco e non stereotipato su una realtà stratificata e complessa come quella della città di Carbonia. Che ancor prima delle sue origini minerarie si è sviluppata intorno alla tradizione rurale dei medaus, che ha convissuto poi con il declino delle aree industriali, e più recentemente ha registrato uno sviluppo perfettamente globalizzato. Fatto di espansione urbanistica e commerciale verso la periferia a scapito delle storiche attività del centro.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

people ge55e95782 1920

ASL – Spazio Giovani per parlare di sessualità, identità e bullismo

Get Widget Il servizio della ASL di Cagliari, attivato all’interno dei Consultori familiari del Distretto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *