Alexa Unica Radio
07 Focus CarenzeVitaminiche 1
07 Focus CarenzeVitaminiche 1

Lancet Global Health afferma: bambini e donne nel mondo soffrono di carenze di micronutrienti

Una ricerca pubblicata su Lancet Global Health indica che 1 bambino su 2 e 2 donne su 3 sono affetti da carenze vitaminiche e minerali

La ricerca pubblicata oggi su Lancet Global Health indica che 1 bambino su 2 in età prescolare e 2 donne su 3 in età riproduttiva in tutto il mondo sono affetti da carenze di micronutrienti spesso definite “fame nascosta”. Per decenni si è creduto che 2 miliardi di persone soffrissero di questa fame nascosta. Ma questi nuovi risultati relativi alle sole donne e ai bambini piccoli – che costituiscono solo un terzo della popolazione mondiale – suggeriscono che il numero è molto più alto se si includono tutti i bambini in età scolare, gli adolescenti, gli uomini e gli anziani esclusi da questa analisi a causa della mancanza di dati.

La ricerca

Micronutrient deficiencies among preschool-aged children and women of reproductive age worldwide” (Carenze di micronutrienti tra i bambini in età prescolare e le donne in età riproduttiva in tutto il mondo), è un progetto di collaborazione guidato dalla Global Alliance for Improved Nutrition (GAIN), attraverso il progetto Advancing Nutrition dell‘USAID, insieme a un team di esperti mondiali di micronutrienti, tra cui un gruppo consultivo riunito dal Micronutrient Forum. Ogni fase dell’analisi è stata vagliata attraverso un processo formale e il documento è stato sottoposto a una rigorosa revisione paritaria in una delle principali riviste di salute globale.
Lynnette Neufeld, Direttore della Divisione Alimentazione e Nutrizione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), ha dichiarato: “Le diete che non forniscono i giusti livelli di vitamine e minerali possono compromettere il sistema immunitario, compromettere la cognizione e il rendimento scolastico, diminuire la produttività lavorativa e contribuire al rischio di malattie non trasmissibili come i problemi cardiaci. Si tratta di un problema diffuso, che ha un impatto su individui, soprattutto nei Paesi a basso reddito”.

I Paesi e le loro alimentazioni

Le carenze di micronutrienti sono più elevate nei Paesi a basso reddito perché le diete spesso mancano di una varietà di alimenti ricchi di sostanze nutritive e tendono a fare affidamento su un’ampia quota di calorie provenienti da riso, grano, mais o da alimenti di base simili. In effetti, nove donne su 10 in diversi Paesi dell’Asia meridionale e dell’Africa subsahariana presentano carenze. Tuttavia, le carenze sono sorprendentemente elevate anche nei Paesi ad alto reddito. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ad esempio la metà delle donne in età riproduttiva è carente di uno o più micronutrienti. Nei Paesi ad alto reddito questo è probabilmente il risultato di diete ricche di alimenti trasformati ma poveri di micronutrienti. Secondo Saskia Osendarp, direttore esecutivo del Micronutrient Forum, “ci sono soluzioni molto chiare. Dobbiamo garantire a tutti l’accesso a una varietà di alimenti densi di micronutrienti. La fortificazione degli alimenti può contribuire a colmare la differenza quando una dieta sana non è accessibile. I programmi sanitari possono fornire integratori a chi ne ha bisogno, come le donne in gravidanza e i bambini malnutriti”.
Potrebbe sembrare semplice, ma realizzare queste soluzioni non è facile perché i nostri sistemi alimentari non sono adatti allo scopo, e lo sono sempre meno. Questi problemi esistono da molto tempo e devono essere affrontati con urgenza. I problemi sono ora aggravati dall’impatto a lungo termine del cambiamento climatico, dai danni duraturi alle catene di approvvigionamento causati dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina e dall’imminente recessione economica. Tutti noi dobbiamo lavorare insieme, ora, per implementare soluzioni durature che garantiscano a tutti l’alimentazione sana e nutriente di cui hanno bisogno per raggiungere il proprio potenziale ora e in futuro.

Le soluzioni

Molte soluzioni sono già disponibili. L’accessibilità e l’economicità possono essere affrontate dando priorità alla produttività e alla diversità di una varietà di colture e allevamenti nutrienti, ad esempio sviluppando colture più nutrienti e resistenti alla siccità , riducendo i costi di commercio e trasporti. Chi si trova in situazioni di vulnerabilità ha spesso bisogno di assistenza diretta, come trasferimenti di denaro e sussidi per alimenti ad alto contenuto di micronutrienti.
Il direttore esecutivo di GAIN, Lawrence Haddad, ha concluso: “Questo nuovo documento cambia le carte in tavola. La fame nascosta potrebbe colpire quasi la metà delle persone sul pianeta, e non un quarto come avevamo ipotizzato in precedenza. In particolare, la nostra incapacità di nutrire i più giovani minerà la salute pubblica e ci perseguiterà socialmente e economicamente. Tutti gli angoli della società, guidati dai governi, devono affrontare il peso della fame nascosta, attraverso tutti i canali disponibili. Personalmente, questi risultati lanciano il guanto di sfida al GAIN e a tutte le organizzazioni che lavorano per un mondo senza malnutrizione. Dobbiamo lavorare tutti insieme e raccogliere la sfida”.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

About Eleonora Montis

Sono Eleonora, ho 24 anni e sono una studentessa di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cagliari. Ho la passione per la scrittura, l'arte, il cinema e per il disegno.

Controlla anche

408EA45E C1E6 4AB9 A1F9 E761630C747D

Contro la violenza sulle donne 500 cure pro bono per trattare le cicatrici

Get Widget RigeneraDerma di Biodermogenesi in occasione della Giornata mondiale del 25 RigeneraDerma (Adnkronos) – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *