Alexa Unica Radio
sard
sard

Sardinia film festival, trionfa il corto “My tiger”

Vince il premio dei cortometraggi “My Tiger” al Sardinia film festival, Francia sul podio anche con il lungometraggio “The Crossing”

Il vincitore assoluto dell’edizione 2022 del Sardinia Film Festival di Alghero è “My tiger“, cortometraggio d’animazione del francese Jean Jean Arnoux. Oltre a conquistare il Gran Premio al regista del corto prodotto da Xbo films, Eddy e L’Image d’Après va il riconoscimento speciale Edison: un voucher che gli consentirà di partecipare al festival algherese del prossimo anno in qualità di giurato.

La Francia si afferma anche come miglior lungometraggio: intitolato ad Anton Gino Domenghini, è stato assegnato alla regista e sceneggiatrice Florence Miailhe in gara con il filmThe crossing” prodotto da Les Films de l’Arlequin con Maur Film e Balance Film. La serata di premiazione della 17/a edizione della manifestazione, direzione artistica di Luca Raffaelli, esperto di fumetti e film d’animazione si è svolta ad Alghero nelle sale del Complesso Monumentale di San Francesco.

nella sezione corti ha primeggiato la produzione slovena “Granny’s sexual life” dei registi Urška Djukić ed Emilie Pigeard.

Momento più importante delle Cinque giornate di cinema d’animazione e cartoon a carattere internazionale con una ventina di ospiti e un pubblico di studenti, appassionati e curiosi. Premio Fabrizio Bellocchio per l’opera dal più forte messaggio sociale, nella sezione corti ha primeggiato la produzione slovena “Granny’s sexual life” dei registi Urška Djukić ed Emilie Pigeard. Fra i lungometraggi la scelta è caduta su “Flee” del danese Jonas Poher Rasmussen, vincitore anche del Premio Nino e Toni Pagot per l’originalità. Sempre per i corti il Premio Bruno Bozzetto, dedicato al film più ambientalista, la giuria ha indicato l’olandese “Pig” di Jorn Leeuwerink, a cui va la medaglia messa in palio dalla Presidenza della Camera dei Deputati.
Il one-man-film che riceve il Premio Osvaldo Cavandoli è “Pentola”, realizzato in Italia da Leo Cernic mentre l’opera più originale scelta per il Premio Giulio Gianini è “The Blind Writer” del greco Georges Sifianos. A Manfredo Manfredi è dedicato il premio al lavoro che dà spazio al dubbio: a conquistarlo è “Ding” del tedesco Malte Stein. È invece la sintesi a caratterizzare “Cocodrilos” di Maxime Saillard che porta in Francia il Premio Fusako Yusaki, mentre il Premio Pino Zac assegnato al il film più ribelle in concorso, va in Ungheria con “Amok” di Balázs Turai.

About Francesco Zicconi

Nato a Sassari, studio Economia Manageriale e seguo il corso di Direzione e Creazione d'Impresa. Sono un grande appassionato di sport.

Controlla anche

AttivitaEruttivaStromboli FOTO CREDIT MATTEO TROLESE 2

Etna e Stromboli, possibili cause di eruzioni esplosive

Get Widget Uno studio di un team internazionale mette in luce le differenze composizionali di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *