Alexa Unica Radio
Margarethe Von Trotta
Margarethe Von Trotta

“Hannah Arendt”


Martedì 27 settembre alle 20:45 al Circolo del Cinema Laboratorio 28, in via Montesanto 28, a Cagliari, si proietta e si discute il film “Hannah Arendt” di Margarethe Von Trotta (Germania Lussemburgo Francia 2012, 113’).

L’iniziativa approfondisce il tema della diserzione, all’interno della rassegna “Preferirei di no. Disobbedienza, rabbia e pratiche di reincanto nel cinema”, percorso che si propone quale attraversamento delle molteplici possibilità di dire e di agire il no e che proseguirà nei mesi successivi con proiezioni, incontri e momenti musicali.

Trama


Il film Siamo nel 1960, a New York, dove Arendt vivrà fino alla morte, nel 1975. Il periodo che Von Trotta, e la cosceneggiatrice del film Pamela Katz hanno scelto per il film, è quando la filosofa accetta la proposta del New Yorker di coprire per loro con una serie di articoli il processo al nazista Adolf Eichmann, catturato dai Servizi Segreti israeliani in Argentina e condotto come imputato a Gerusalemme.

Hannah Arendt a differenza di altri vuole capire cosa è accaduto, le ragioni e le modalità. Evidenzierà come Eichmann, uno dei gerarchi artefice dello sterminio degli ebrei nei lager, altro non sia che un mediocre burocrate, che si dichiara semplice esecutore di ordini odiosi.

I suoi resoconti e il testo “La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme” (1963) suscitano scandalo e violenti attacchi nei suoi confronti sia in Israele che negli USA.


«Arendt crede ancora nell’utopia del pensiero, nella forza della filosofia che può costruire un mondo diverso» dice Von Trotta. «Mi piace mettere al centro nei miei film personaggi che amo e che mi interessano.

Non cerco di dare un messaggio, e qui se ce ne è uno, è che si deve sempre pensare con la propria testa. Arendt in questo è stata una grande maestra».


Le prossime iniziative La rassegna proseguirà: martedì 4 ottobre con “XY Chelsea” di Tim Travers Hawkins e martedì 11 ottobre con “Gli invisibili” di Claus Rafle.
L’ingresso alle iniziative è libero con tessera FICC 2022 del Circolo del Cinema Laboratorio28, la cui sottoscrizione può essere fatta in loco al costo di 5 euro.

Per informazioni scrivere via email a [email protected] e consultare il sito laboratorio28.it o la pagina facebook del circolo.

About Eleonora Melis

studentessa di Beni culturali e spettacolo con la passione per la fotografia, la musica e i viaggi. Dopo essermi diplomata alle superiori sono andata a vivere alle Canarie, a Lanzarote e dopo 5 anni sono tornata qua in vacanza e ho conosciuto quello che ad oggi è mio marito e papà dei miei 2 bambini.

Controlla anche

Bullo Gruppo semifinali centroSud

Un Bullo da palcoscenico, a Cagliari la Semifinale CentroSud

Get Widget La settima edizione di Un Bullo da palcoscenico sbarca a Cagliari con una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *