Alexa Unica Radio
istockphoto 1369010531 170667a
istockphoto 1369010531 170667a

“La notte è mia sorella” al Teatro Massimo

Maria Laura Berlinguer presenta “La notte è mia sorella” in dialogo con Claudia Rabellino Becce e Maria Francesca Chiappe. Appuntamento giovedì 22 settembre 2022 alle ore 18.30 – Foyer del Teatro Massimo di Cagliari.

Giovedì 22 settembre alle 18.30 nel Foyer del Teatro Massimo di Cagliari, Maria Laura Berlinguer presenta il suo romanzo “La notte è mia sorella” in una conversazione con Claudia Rabellino Becce e Maria Francesca Chiappe.

Il libro

Il libro racconta il ritorno in Sardegna, sua terra natale, di Julia Carta, una donna in carriera, dirigente di una multinazionale con sede a New York: a Trinità d’Agultu, la protagonista ritrova i profumi e i sapori della sua infanzia, ma si ritrova suo malgrado coinvolta in un delitto. L’amicizia con Teresa, la questora che segue le indagini, le permette di seguire da vicino il caso, in cui compaiono strani indizi, come i simboli legati a oscuri rituali: la narrazione intreccia passato e presente, eventi storici e contemporanei, in un ideale viaggio alla (ri)scoperta delle storie e leggende dell’Isola, tra superstizione e magia.

Miti e leggende dell’Isola e l’enigma di un delitto per un nuovo appuntamento con la letteratura sarda contemporanea sotto le insegne di Legger_ezza 2022 – il progetto per la Promozione della Lettura a cura del CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna in collaborazione con la Libreria Edumondo.
Viaggio tra le righe ma anche spunti di riflessione sul presente nell’incontro che sposa cronaca e invenzione: “La notte è mia sorella”, opera prima di Maria Laura Berlinguer, con all’attivo una intensa carriera nel mondo della comunicazione, prima di decidere di imprimere una svolta al suo percorso professionale con la creazione del suo blog e la valorizzazione e promozione delle eccellenze del Made in Italy attraverso le sue rubriche, racconta la tragica fine di una giovane donna, già vittima di violenze e abusi, la cui morte è avvolta nel mistero.

La trama

Il corpo della vittima viene scoperto, durante una cavalcata all’alba, dalla protagonista del romanzo, Julia Carta, affermata manager di una multinazionale con sede a New York, appena ritornata, in seguito a un grave incidente, nella sua terra natale, la Sardegna: una coincidenza che la spinge a cercare di risolvere il mistero, collaborando alle indagini portate avanti dalla questora Teresa Batista e riuscendo a fornire elementi utili grazie alla sua particolare sensibilità e empatia.

Una moderna donna in carriera e una poliziotta abituate ad affrontare la realtà con lucida razionalità si confrontano con il retaggio di una civiltà arcaica intrisa di magia: gli arcani simboli presenti sulla scena del delitto suggeriscono l’idea di un macabro rituale, ma l’inchiesta si fonda sulle prove e sugli indizi emersi durante perquisizioni e interrogatori, su testimonianze e alibi da verificare, sulla ricerca di un possibile movente. Tra i sospettati, inevitabilmente, le persone più vicine alla vittima, mentre vengono alla luce aspetti drammatici dell’esistenza di una donna apparentemente serena e appagata, i dissidi e le incomprensioni con il marito, la sua inquietudine e l’infelicità che cercava di nascondere agli occhi del mondo, minimizzandola per non ferire i suoi cari e in particolare il padre, così fiero dell’intelligenza e dei successi della figlia, ora distrutto dal dolore, ma determinato nel voler sapere la verità.

Le tematiche

Insomma, un giallo in piena regola: un libro denso di suggestioni e memorie, tra la nostalgia per una patria lontana e il desiderio di conoscere le proprie origini, la riscoperta di riti e i saperi tramandati per secoli, insieme all’acuta consapevolezza delle ingiustizie e delle discriminazioni subite dalle donne nella civiltà patriarcale, dalla persecuzione delle cosiddette “streghe” all’epoca dell’Inquisizione fino alle violenze di genere e i femminicidi di oggi.

Il libro attinge all’immaginario popolare, alle leggende sulle “janas” e altre creature soprannaturali e ai documenti sui processi e sulle torture inflitte alle donne sapienti, sciamane e guaritrici, accusate di praticare la magia contro i dettami della Chiesa.
Nel libro sono presenti varie figure femminili: oltre a Julia Carta e Teresa Batista, legate da un’antica amicizia, che condividono la passione per la giustizia, la Tata che ha cresciuto la bambina affidatale quasi come una figlia, e ora continua a preoccuparsi per lei, con istinto quasi materno; un’archeologa, un’anatomopatologa, la stessa vittima, un’imprenditrice che aveva saputo risollevare le sorti dell’azienda di famiglia.

Un romanzo di formazione

Perfino una “bruja”, erede delle antiche “streghe”, da cui tanti si recano in segreto, vergognandosi un po’, per risolvere questioni d’affari e di cuore, emarginata e temuta. Tante le professioniste che hanno saputo e potuto conquistare un loro posto nel mondo, dimostrandosi perfettamente in grado di fronteggiare le difficoltà, alla pari con i loro colleghi. La soluzione del mistero arriva, inattesa, alla fine, attraverso un concatenarsi di eventi, ma anche una serie di sogni rivelatori o premonitori, quasi a sottolineare come in qualche modo i destini dei personaggi siano annodati tra loro, e quel delitto così singolare sia scaturito dalle umane passioni. “La notte è mia sorella” è anche un romanzo di formazione, il racconto di un percorso interiore che mette la protagonista finalmente in contatto con la sua essenza, il suo sé più profondo, attraverso il superamento di ostacoli e paure, e la cura delle ferite dell’anima.

Diversi piani narrativi

Nel libro si intrecciano differenti piani narrativi: le vicende personali e familiari di Julia, trasferitasi oltre oceano come per mettere una distanza fra sé e la tragedia che l’aveva colpita, ma fatalmente attratta da quella patria lontana, fanno da sfondo alle indagini sul delitto, mentre dalle nebbie dei secoli riemerge la storia di un’altra Julia, condannata per stregoneria, e come in una dimensione onirica e fuori dal tempo, risuona un’altra voce, quella della vittima, che in una serie di flashback rivela frammenti della sua storia. Il finale, come d’obbligo per i gialli e i romanzi noir, non può né deve essere svelato in anticipo, ma val la pena aggiungere che insieme alla soluzione dell’enigma l’autrice mette l’accento, indirettamente, attraverso accenni, atteggiamenti e comportamenti dei personaggi, sulla lunga strada ancora da percorrere verso la parità.

Una lettura tutta d’un fiato

Una narrazione avvincente sul filo della suspense, una trama intricata e ricca di colpi di scena: “La notte è mia sorella” si legge d’un fiato, sulle tracce della protagonista, tra scenari naturali di vertiginosa bellezza, accanto ai musei e ai siti archeologici, nell’ansia di sapere chi sia responsabile di tanta sofferenza: ogni delitto infatti lascia dietro di sé altre vittime innocenti, familiari e amici, improvvisamente travolti da una sciagura. La scrittura di Maria Laura Berlinguer, che cerca di rendere conto dello sguardo e della sensibilità dei personaggi nati dalla sua fantasia, permette di soffermarsi su temi cruciali e di forte attualità, oltre che di immergersi tra le atmosfere di una Sardegna sospesa tra passato e presente.

About Marta Collu

Appassionata di storia dal 1996, amo scrivere da quando ho memoria. Quando non ascolto i podcast di Barbero ascolto le playlist più disparate in base all'umore del giorno (e ovviamente Unica Radio). Lavoro come animatrice in una casa di cura e provo ad affrontare il mondo con gentilezza.

Controlla anche

1 OTTOBRE PETRELLA KINCH

European Jazz Expo, dal 30 settembre al 2 ottobre

Get Widget European Jazz Expo European Jazz Expo, tre giorni di appuntamenti internazionali con oltre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.