Alexa Unica Radio

Italiani pronti all’acquisto di un veicolo elettrico

Dall’analisi Ey emerge che il 45% degli italiani è pronto ad acquistare un veicolo elettrico. Ma pochi saranno prodotti in Italia.

Il 45% degli intervistati in Italia è intenzionato ad acquistare un veicolo elettrico. A fronte di una quota del 66% di veicoli elettrici che verranno lanciati sul mercato italiano entro il 2026, solo il 18% sarà prodotto sul territorio nazionale. Sono i risultati della nuova analisi di Ey Ev (Electric Vehicle) Country Readiness Index che classifica i 14 principali mercati automobilistici nel mondo nell’ambito della mobilità elettrica. In particolare, analizzando tre principali driver. Ovvero, l’offerta del mercato, la domanda da parte dei consumatori e la regolamentazione in vigore negli Stati presi in esame.

Cina, Norvegia e Svezia sul podio dei Paesi leader nella mobilità elettrica

I recenti dati raccolti nel primo semestre dell’anno confermano le tendenze emerse nella precedente rilevazione Ey. In particolare, la Cina mantiene la prima posizione per quanto riguarda i progressi realizzati in termini di veicoli elettrici. Dove, sia a livello manifatturiero che infrastrutturale, consolida saldamente la propria leadership. Assecondata anche da un mercato interno in cui oltre il 51% dei consumatori intervistati è intenzionato ad acquistare un veicolo elettrico come prossima vettura.

In seconda posizione si trova la Norvegia, da sempre pioniera nel campo dell’e-mobility. Con un sistema maturo a livello di infrastrutture e mercato che sconta però un settore manifatturiero poco sviluppato nel Paese. Seguono Svezia, Germania e Regno Unito. Dove, soprattutto in questi ultimi due Stati, si osserva un impegno significativo per colmare il gap infrastrutturale ma anche manifatturiero. Spinto dagli investimenti dei più importanti Oem (produttori di apparecchiature originali) con, per esempio, oltre 10 stabilimenti per la produzione di batterie in cantiere.

L’Italia occupa nel ranking il 12° posto. Seguita in fondo da Giappone, Canada e India all’ultima posizione. Sono diversi i fattori ancora in fase di sviluppo che separano l’Italia dai Paesi leader nel settore. Dove è presente una filiera industriale già in stadio avanzato di conversione all’elettrico oltre a un sistema solido di infrastrutture e mercato.

Per Giovanni Passalacqua, Partner e Automotive Consulting Leader di Ey in Italia, “l’indagine Ey fotografa un Paese. Che, nonostante le sfide che sta affrontando, sostiene lo sviluppo dell’e-mobility grazie a una serie di iniziative recentemente intraprese e può contare sull’impegno di tutto il settore nel rispondere ai bisogni del consumatore. Secondo la nostra indagine, solo per il 24% degli italiani la difficoltà legata alla ricarica di un veicolo elettrico influisce sull’acquisto. Un dato che è più basso rispetto ad altri paesi. Tuttavia, il caro energia e la spinta inflazionistica, potrebbero frenare lo sviluppo del mercato. Per sostenere e accelerare lo sviluppo del settore nel medio-lungo termine sarà fondamentale la semplificazione normativa. Oltre a far convergere incentivi e interventi di investimento pubblico con iniziative industriali esistenti e future sul territorio”.

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

intelligenza artificiale

Intelligenza Artificiale determinante contro i cambiamenti climatici

Get Widget La diffusione di analisi avanzate basate sull’uso di Intelligenza Artificiale può rappresentare oggi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.