Alexa Unica Radio
20211214 1977
20211214 1977

La Zona economica speciale è realtà in Sardegna

La Zona economica speciale della Sardegna, l’unica incompiuta delle otto previste per il sud Italia, è adesso una realtà.

“La Sardegna taglia un traguardo importantissimo – spiega il presidente della Regione Christian Solinas – insieme a tutti gli altri strumenti messi in campo dalla Regione per arginare la crisi e sostenere la ripresa, oggi possiamo programmare realmente il rilancio dell’economia sarda con uno sguardo fiducioso al futuro, assicurando al sistema produttivo quella fiscalità agevolata attesa da decenni che può essere il vero motore della ripresa economica della nostra Isola”. Con la zona economica speciale, per Solinas “ora si può programmare la ripresa con fiducia”.

La firma del commissario straordinario Aldo Cadau avvia una delle più importanti misure di sostegno al sistema produttivo sardo, pienamente operativa dalla giornata di venerdì”. Si legge in una nota della Regione.

Le aree idonee ZES

Le aree individuate potranno cogliere le opportunità di crescita insite nello strumento Zes. Inoltre gioverebbero dei benefici indotti dalla politica di sviluppo (credito d’imposta, sportello unico digitale, semplificazione del sistema di governance volto a favorire la cantierabilità degli interventi in tempi rapidi nonché l’insediamento di nuove imprese) e coniugando l’incremento economico con quello sociale e urbanistico delle aree coinvolte.

Dopo il confronto e la consultazione con i vari soggetti interessati e l’analisi ispettiva territoriale, è stato creato un elenco delle amministrazioni locali di interesse. Inoltre, è stata effettuata l’identificazione specifica di tutti i dati catastali suddivisi per Consorzio industriale. Le complesse concertazioni tra amministrazione regionale e Governo alla fine del 2018 avevano individuato otto aree idonee ad accogliere nuovi e vecchi insediamenti per un totale di 2.770 ettari.

L’area al Casic a Cagliari si estenderà per 1.628 ettari. Mentre quella a Portovesme (110 ettari) interesserà anche i grandi stabilimenti dell’Alcoa e della Sider Alloys. Completano la mappa il complesso nel nord-est attorno a Olbia e Buddusò (180 ettari), quelli di Porto Torres, Sassari e Alghero (500 ettari), Oristano (219 ettari) e Ogliastra (56 ettari).

Informazioni tratte da: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/09/10/la-zona-economica-speciale-e-realta-in-sardegna_718749a8-7a65-48b5-82e1-84a457939f5f.html#:~:text=Solinas%2C%20%22ora%20si%20pu%C3%B2%20programmare%20la%20ripresa%20con%20fiducia%22&text=La%20Zona%20economica%20speciale%20della,Italia%2C%20%C3%A8%20adesso%20una%20realt%C3%A0.

About Michela Noga

Studentessa del III anno di Lingue e Comunicazione residente a Oristano. Studio inglese e cinese e ho una grande passione per la danza sportiva. Aspiro a lavorare in un contesto internazionale.

Controlla anche

ZES

Zes in Sardegna, da fine settembre sportello unico operativo

Get Widget Da settembre le imprese potranno investire nella ZES della Sardegna tramite lo sportello. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.