Alexa Unica Radio
AlessandroMarzoMagno medium

Alessandro Marzo Magno al Teatro Massimo

Il fascino dei grandi capolavori della letteratura e della filosofia, tramandati attraverso i secoli in volumi rilegati. Elemento che riaffiora tra le righe de “L’inventore di libri. Aldo Manuzio, Venezia e il suo tempo”.

Alessandro Marzo Magno presenta il suo saggio “L’inventore di libri. Aldo Manuzio, Venezia e il suo tempo”, il 2 Settembre alle 18.30 al Teatro Massimo di Cagliari, in una conversazione con la giornalista Gabriella Saba.

La figura di Aldo Manuzio

Tra i pionieri dell’editoria moderna, Aldo Manuzio nasce tra il 1449 e il 1452 a Bassiano nel Lazio. Fu conoscitore del latino e del greco antico, e amico e compagno di studi Giovanni Pico della Mirandola. Non solo, fu precettore di Alberto III Pio e Lionello Pio, principi di Carpi. Si trasferì poi a Venezia, dove avrebbe dato vita alla sua tipografia.

Nella Serenissima, all’epoca del suo massimo fulgore, dove la Biblioteca Marciana ospitava manoscritti e codici greci, l’impresa culturale di Manuzio poté fiorire anche grazie ai rapporti dell’intellettuale e editore con letterati e artisti e con gli studiosi greci rifugiatisi nella città dopo la caduta dell’Impero Romano d’Oriente. Nel 1502 vide la luce l’Accademia Aldina, dedicata agli studi ellenistici, che poté vantare tra i suoi membri insigni studiosi, come Erasmo da Rotterdam, Pietro Bembo e Thomas Linacre.

La tipografia, attiva dal 1494 nella contrada di Sant’Agostin, diede nuovo impulso alla conoscenza dei classici e i suoi volumi, le famose “edizioni aldine” che riproducevano le opere più importanti dell’antichità, preservandole dall’oblio. Si diffusero in Europa: l’attenta cura filologica ne fa tuttora inestimabili punti di riferimento per appassionati e studiosi.
Tra il 1495 e il 1498 pubblicò l’opera omnia di Aristotele in 5 volumi. L’edizione aldina delle “Bucoliche” di Virgilio è il primo libro della storia dell’editoria stampato interamente in corsivo. Tra le opere moderne pubblicate da Manuzio (scomparso a Venezia nel 1515), gli “Adagia” di Erasmo da Rotterdam, inserite in un corpus che comprende circa 130 edizioni in greco, in latino e in volgare, tra cui opere di autori contemporanei ma soprattutto di grandi classici, come Omero a Virgilio.

L’autore, Alessandro Marzo Magno

Alessandro Marzo Magno, veneziano di nascita e milanese per lavoro, si è laureato in Storia all’Università di Venezia Ca’ Foscari. Giornalista, dopo essere stato per quasi dieci anni responsabile degli esteri del settimanale “Diario”, dirige il semestrale “Ligabue Magazine” e collabora con le pagine culturali del “Gazzettino”. Ha pubblicato libri di argomento storico, tra i quali L’alba dei libri. Quando Venezia ha fatto leggere il mondo (Garzanti 2012, più volte ristampato e tradotto in inglese, spagnolo, giapponese, coreano e cinese). Per Laterza è autore di La splendida. Venezia 1499-1509 (2019) e L’inventore di libri. Aldo Manuzio, Venezia e il suo tempo (2020, tradotto in giapponese, portoghese e spagnolo).

Ne “L’inventore di libri”, Alessandro Marzo Magno ricostruisce le tappe di una straordinaria carriera, che ha lasciato un’impronta fortissima e influenzato profondamente tutta la storia dell’editoria sullo sfondo di una delle più vivaci città italiane tra Umanesimo e Rinascimento: Venezia.

About Marta Collu

Appassionata di storia dal 1996, amo scrivere da quando ho memoria. Quando non ascolto i podcast di Barbero ascolto le playlist più disparate in base all'umore del giorno (e ovviamente Unica Radio). Lavoro come animatrice in una casa di cura e provo ad affrontare il mondo con gentilezza.

Controlla anche

bf4ad7a5b4db021281e526fdda0da5dd

Quintetto Sardò al MusicAlFoyer

Get Widget Mercoledì 28 settembre alle 20.30, nel foyer di platea, si tiene l’undicesimo appuntamento di MusicAlFoyer …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.