Alexa Unica Radio
animal 1554745 960 720
animal 1554745 960 720

Stop ai test sugli animali in UE: 1,4 milioni di firme raccolte

Le firme raccolte sono 1,4 milioni contro ai test su animali. OIPA: «La Commissione Europea ora obbligata ad andare verso una scienza animal-free»

Bagnato: «L’iniziativa europea che abbiamo promosso è volta a superare una contraddizione tra Regolamenti che consente ancora i test sugli animali in UE». Completata con successo l’iniziativa dei Cittadini europei (Ice) contro la sperimentazione. Iniziativa che richiede il passaggio a una scienza animal-free e un divieto dell’UE più forte sulla sperimentazione animale per ingredienti cosmetici e sostanze chimiche.

1,4 milioni di firme sono state raccolte e sono attualmente sottoposte alle autorità nazionali per la verifica. Sono concessi tre mesi per verificare la validità le dichiarazioni di sostegno. Per convincere la Commissione europea a portare avanti l’iniziativa, sono necessarie 1 milione di firme verificate di cittadini dell’UE.

«L’Ice, promossa e sostenuta in Europa dall’Oipa insieme a Peta e altre associazioni, chiede l’istituzione di un piano per porre fine a questi esperimenti in UE e ora la Commissione dovrà approntarlo». Ha commentato Valentina Bagnato, la responsabile Relazioni esterne di Oipa International. «Il Regolamento Reach stabilisce che qualunque sostanza chimica con la quale l’uomo può venire in contatto debba essere testata sugli animali, qualora non siano disponibili metodi sostitutivi. Questo significa che è ancora possibile il ricorso a escamotage da parte delle aziende per continuare a sperimentare su animali anche sostanze che poi rientreranno nell’industria della cosmesi».

L’Oipa ricorda che sono circa 9 milioni i topi, ratti, pesci, cani e altri animali usati durante la sperimentazione. Vengono utilizzati ogni anno in esperimenti crudeli e altri processi nell’Unione europea. Sebbene la maggior parte dei test non fornisca previsioni affidabili sull’esposizione umana, tuttavia gli sperimentatori immobilizzano cani, conigli e porcellini d’India e sostanze chimiche potenzialmente tossiche vengono applicate intenzionalmente sulla pelle rasata o spinte in gola per infettare gli animali con tumori, ustioni, o rendendoli ciechi.

Per approfondire: endanimaltesting.eu/it

Informazioni tratte da: https://www.oipa.org/italia/test-sugli-animali-in-ue-firme-raccolte-oipa-la-commissione-europea-ora-obbligata/

About Michela Noga

Studentessa del III anno di Lingue e Comunicazione residente a Oristano. Studio inglese e cinese e ho una grande passione per la danza sportiva. Aspiro a lavorare in un contesto internazionale.

Controlla anche

Riconoscimento facciale

L’Ue si pronuncia sull’uso del riconoscimento facciale

Get Widget L’Unione Europea potrebbe vietare l’uso del riconoscimento facciale per tre o cinque anni. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.