Alexa Unica Radio
Su molinu ‘e sorcu a Lei
Su molinu ‘e sorcu a Lei

Campagna di scavi in sito nuragico legato a culto dell’acqua

Un’area archeologica ancora inedita in provincia di Nuoro nel sito di Su mòlinu ‘e s’orcu

Riprendono i lavori una campagna di bonifica e ricerca preliminare presso il sito di Su mòlinu ‘e s’orcu, nel territorio del comune di Lei (Nuoro), un’area archeologica ancora inedita scoperta, all’interno del bosco comunale, a circa 800 metri di altitudine, grazie all’interessamento dell’amministrazione comunale e degli archeologi della Cooperativa Musarte.

I lavori di pulizia, la ricerca e il rilievo preliminare, iniziati il mese scorso, coinvolgeranno gli archeologi Pier Tonio Pinna e Antonella Unali, protagonisti dell’indagine sul campo, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro, con il funzionario di zona, l’archeologo Gianluigi Marras.

Cominciano quindi ad emergere i primi ritrovamenti, che saranno il preludio alle ulteriori ricerche necessarie vista l’eccezionale importanza di questo sito.

Secondo gli archeologi incaricati, “si tratta di un’area sacra ascrivibile al periodo nuragico dedicata al culto delle acque con diverse strutture che si sviluppano a partire da una camera principale e che sembrano in parte inglobare un corso d’acqua naturale”. La camera principale è realizzata utilizzando anche la roccia naturale, sulla quale si impostano parti di copertura a tholos. L’accesso alla camera era chiuso da un muro in conci perfettamente squadrati, del quale restano pochi elementi. Attorno all’accesso, una struttura muraria delimita probabilmente l’area del temenos, il recinto sacro dedicato allo svolgimento dei riti. Attorno si sviluppano numerose altre strutture che possono far ipotizzare la presenza di un santuario sicuramente esteso.

“Il sito di Su mòlinu ‘e s’orcu, unico nel suo genere, si inserisce nel più ampio panorama delle strutture cultuali legate alla religione nuragica. Si esprime attraverso un’ampia varietà di soluzioni architettoniche – sottolineano Pinna e Unali -. Un nuovo tassello per lo studio del periodo nuragico in Sardegna. Fornirà in futuro nuovi dati per la comprensione di questo importante periodo della storia sarda”.

Informazioni tratte da: https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/arte/2022/08/30/campagna-di-scavi-in-sito-nuragico-legato-a-culto-dellacqua_23a159ce-4fea-471b-a15b-3e9b5a2f391f.html

About Michela Noga

Studentessa del III anno di Lingue e Comunicazione residente a Oristano. Studio inglese e cinese e ho una grande passione per la danza sportiva. Aspiro a lavorare in un contesto internazionale.

Controlla anche

rondini

Nuoro premia con le Rondini d’oro 6 eccellenze della città

Get WidgetCerimonia di premiazione in Camera di commercio a Nuoro, un riconoscimento per i talenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.