Alexa Unica Radio
nanniangeli©paoloangeli r

Ai Confini tra Sardegna e Jazz, Paolo Angeli in concerto a Nuxis

Conclude il suo primo fine settimana di eventi “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, lo storico festival organizzato dall’Associazione Culturale Punta Giara giunto alla sua trentasettesima edizione, che sta vivendo la sua prima tranche di anteprime nel mese di agosto (ulteriori date saranno annunciate a breve), racchiuse sotto l’insegna “Jazz Around”, con diversi concerti in siti di interesse paesaggistico, storico e culturale del Sulcis-Iglesiente.

E sarà il prezioso sito geo speleo archeologico di “Sa Marchesa” a Nuxis (SU) ad accogliere, domani (sabato 20), le sperimentazioni sonore di Paolo Angeli al festival Ai Confini tra Sardegna e Jazz, a cui (alle 21) spetta il compito di chiudere la quattro giorni di musica di questa settimana.

Artista da sempre capace di abbattere le barriere tra i generi musicali, alla costante ricerca di nuove ispirazioni creative, Angeli vive la musica da artigiano e la plasma come si fa con materia viva. Il musicista gallurese, classe 1970, ha trovato la sua dimensione di ricerca e sperimentazione con la costruzione e ideazione della “chitarra sarda preparata”: nata dall’incontro-scontro tra avanguardia extra-colta e tradizione popolare, è uno strumento orchestra a 18 corde, ibrido tra chitarra baritono, violoncello e batteria, dotato di martelletti, pedaliere, eliche a passo variabile con cui rielabora, improvvisa e compone una musica sospesa tra free jazz, folk noise e pop minimale.

“Rade” è il suo ultimo album, il quattordicesimo della sua carriera, uscito lo scorso maggio (ReR Megacorp), tra popolare e contemporaneo, tra pulsazioni balcaniche, influssi mediorientali e nordafricani, citazioni di rebetiko e memorie delle avanguardie storiche, reminiscenze flamenche, fraseggi dissonanti, crescendo epici art-rock e convergenze in squarci di liricità.

In apertura di serata, le note libere da schemi del duo Immuginazione, nato dall’incontro tra il chitarrista Sandro Perdighe (suona anche il contrabbotto), e il trombettista Marco Pittau, colleghi in musica dal 2006, uniti dallo stesso approccio genuino e informale alla musica, basato sull’ improvvisazione e sulla ricerca timbrica, influenzata da suggestioni sonore di ogni sorta, dai guizzi dei pesci al ridere delle scimmie.

About Enrica Pistis

Controlla anche

LA GROTTA

La Grotta di Acquacadda ospite di Amadeus su Rai1

Get Widget L’archeologo Marco Cabras, tra i partecipanti de “I soliti ignoti – il ritorno”, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.