Alexa Unica Radio
Teatro da Balcone 2 1

Teatro del Segno: Massimo Carlotto a Santu Lussurgiu

Una storia in noir e “Una Favola al giorno” per il XIV Festival “Percorsi Teatrali” organizzato dal Teatro del Segno a Santu Lussurgiu.

Domani (mercoledì 3 agosto) alle 11.30 iniziano le letture di fiabe e racconti fantastici per i più piccoli e le famiglie nel Parco della Biblioteca a cura degli artisti del Teatro del Segno con la colonna sonora curata dal contrabbassista e bassista Tancredi Emmi (prossimi appuntamenti giovedì 4 e venerdì 5 agosto sempre alle 11.30) mentre sempre DOMANI (mercoledì 3 agosto) alle 22 al Teatro che non c’era nel Cortile dell’ex Asilo va in scena “Volevo vedere il cielo” di Massimo Carlotto, nella mise en scène de L’Effimero Meraviglioso con un’intensa Miana Merisi e la partecipazione di Michela Cidu, per la regia di Maria Assunta Calvisi.

Una donna (si) racconta, tra amarezza e disincanto, mette l’accento sui fallimenti e le delusioni di un’esistenza trascorsa nel degrado e nello squallore delle periferie metropolitane, a fronte della ricchezza e del lusso delle case delle “signore” presso cui va a servizio per cercare di sbarcare il lunario, parla del marito, infaticabile lavoratore ma sempre più estraneo e distante, e della figlia, la “ragazzina” per cui immagina un futuro da “velina” o concorrente del “Grande Fratello”.

Tra stanchezza e rabbia, cresce il desiderio di riscatto: la protagonista riflette sulla sua attuale condizione e sulle circostanze che l’hanno portata a quell’impasse, ricorda le incomprensioni e i conflitti, in particolare con la figlia, per nulla interessata al mondo dello spettacolo… in una sorta di “flusso di coscienza”… con finale a sorpresa.

2 Agosto

Teatro da Balcone nel “paese nel vulcano”: STASERA (martedì 2 agosto) dalle 22 per il XIV Festival “Percorsi Teatrali” un itinerario nel centro storico di Santu Lussurgiu con quattro pièces originali o ispirate a testi classici e contemporanei, da Euripide a Giuseppe Manfridi a Stefano Benni, tra ironia e pathos, eros e poesia. Dal dilemma di “Medea” – tra amor materno e orgoglio ferito – nella versione di Elisabetta Mocci, ai tormenti di un uomo innamorato e respinto dalla ‘sua’ “Maria” con Stefano Carta, al viaggio fino verso “L’Abisso” con il monologo scritto e interpretato da Alessandro Congeddu, alle atmosfere notturne tra thriller e noir di “L come Luna”.
S’intitola “Mi sono scritto addosso” il laboratorio per attori e allievi a cura di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari in programma da oggi a venerdì nel paese del Montiferru.

4 e 5 Agosto

Il Festival prosegue con le letture di “Una Favola al giorno” – giovedì 4 e venerdì 5 agosto al Parco della Biblioteca e un ricco carnet di spettacoli: Marta Proietti Orzella propone “Chi ti credi di essere? / A spasso tra un io e l’altro” insieme con Stefania Secci Rosa (voce) e Daniele Porta (chitarra) giovedì 4 agosto alle 22 al Teatro che non c’era, poi venerdì 5 agosto un doppio appuntamento alle 19 ai Contrafforti di via Frati Minori con “Tracce – in cammino” del Theatre en Vol con Michèle Kramers e Anna Melchiorri e dalle 22.30 nuove pièces di Teatro da Balcone.

6 Agosto

Infine sabato 6 agosto alle 18.30 in anteprima nazionale “Io Andersen” di e con Marco Nateri, in scena con Anna Paola Marturano al Teatrino della Ludoteca (abbinato a un laboratorio creativo per artisti in erba) mentre al Teatro che non c’era alle 21.30 appuntamento con “Amleto Take Away” di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari per un ironico affresco del Belpaese, e a seguire la Festa Finale.

About Enrica Pistis

Controlla anche

Rodari

“Giovane Teatro Diffuso” in scena al Teatro del Segno

Get Widget Al Teatro Maria Carta di Elmas il terzo appuntamento col concorso organizzato dalla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.