Alexa Unica Radio
San Francesco

Nuoro, ospedale San Francesco al collasso

La parlamentare Mara Lapia denuncia il totale collasso dell’ospedale nuorese e chiede al Ministro della Salute, Roberto Speranza, l’invio immediato degli ispettori.

Prima accorpamento della Nefrologia ai reparti di Medicina e Geriatria, che denotano chiaramente il continuo depotenziamento dell’ospedale San Francesco. Ora anche il pronto soccorso della struttura nuorese è ormai al collasso. I medici sono costretti a lavorare sino a diciotto ore consecutive e con l’impossibilità di garantire la piena assistenza ai pazienti.

La denuncia arriva dalla deputata Mara Lapia. Dopo aver personalmente verificato la situazione che sta interessando il pronto soccorso del presidio ospedaliero di Nuoro in queste ore, ha deciso di scrivere al Ministro della Salute, Roberto Speranza. Una richiesta: l’invio immediato degli ispettori. Al tempo stesso, la deputata, sollecita con urgenza ancora una volta il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas e l’assessore alla Sanità Mario Nieddu. Si richiede di procedere con il potenziamento del pronto soccorso “che rischia di chiudere completamente già nelle prossime settimane”.

Le parole di Mara Lapia

“Il pronto soccorso dell’ospedale San Francesco non è più ormai un luogo sicuro. Non lo è infatti per i pazienti, né tantomeno per i medici e tutto il personale sanitario impiegato presso la struttura. Siamo al punto in cui viene garantita la presenza di un solo medico strutturato per un solo turno e, molto spesso, gli stessi medici sono costretti a lavorare sino a diciotto ore consecutive. Questo mette a rischio la propria salute e quella dei pazienti.

È quanto accaduto nelle ultime ore a ben due medici del pronto soccorso. Terminato il turno, hanno infatti dovuto proseguire oltre con il loro lavoro sino a oltre diciotto ore consecutive. Un fatto di una gravità inaudita – prosegue la parlamentare – che sta seriamente mettendo in ginocchio tutta la struttura e che rischia di generare conseguenze drammatiche per la salute degli operatori e di tutti i pazienti. È davvero vergognoso che si stia chiaramente andando verso la chiusura del pronto soccorso e soprattutto che stia avvenendo in questo modo, lasciando morire la struttura in una lenta agonia: se si vuol definitivamente chiudere la struttura – denuncia la deputata – allora che lo si dica chiaramente e lo si faccia subito, assumendosi la responsabilità delle proprie scelte”.

Chiusura di altri due reparti

La deputata Lapia avverte inoltre della imminente chiusura di altri due reparti della struttura, Ortopedia e Urologia, per consentire al personale di andare in ferie. “Ad agosto – precisa la deputata – rischiamo la chiusura di altri due reparti: quello di Urologia, che già in questo momento garantisce solo un servizio diurno feriale, ed il reparto di Ortopedia. La chiusura dovrebbe avvenire per consentire al personale di andare in ferie, non essendoci altri medici a disposizione per coprire i turni: si ha minimamente idea – termina la parlamentare – di cosa significhi chiudere il reparto di Ortopedia in pieno agosto ed in piena stagione estiva? Un ulteriore colpo che, di fatto, ci avvicina ad un chiaro e preciso disegno: privare completamente Nuoro del suo ospedale”.

About Renato Cabras

Studente di Scienze della Comunicazione

Controlla anche

Sardegna

Nuova collaborazione tra Fondazione Barumini sistema cultura e associazione Sardegna verso L’Unesco

Get Widget Barumini, 4 agosto 2022. L’associazione “Sardegna verso l’Unesco” parteciperà al prossimo ‘Expo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.