Alexa Unica Radio
6d17bcf7 f18b 4f13 9e95 614bc721a683

Una giornata storica per Oliena e per la Chiesa sarda. La beatificazione di Padre Solinas

Oggi la celebrazione nella chiesa di Oran, in Argentina, per la beatificazione del gesuita di Oliena Padre Solinas.

La solenne celebrazione per la beatificazione, si è tenuta alle 10 locali, nelle vicinanze del luogo dove avvenne il martirio.
Un cammino lungo 340 anni, quello della proclamazione ufficiale della beatificazione.

Un evento atteso da tempo e vissuto con grande trasporto di fede sia nel paese barbaricino che nell’intera Diocesi di Nuoro.

Atteso anche l’annuncio da parte del pontefice, Papa Francesco ha avuto un ruolo importantissimo quando era cardinale Bergoglio.

Il momento della proclamazione è stato vissuto sul posto con una piccola delegazione sarda guidata dal vescovo di Nuoro e Lanusei, monsignor Antonello Mura.

Con i religiosi una rappresentanza significativa rappresentanza del paese di Oliena, guidata dal sindaco Sebastiano Congiu.

“E’ veramente una forte emozione per me essere qua oggi in rappresentanza della comunità di Oliena, paese natio di padre Giovanni Antonio Solinas.

Per la nostra comunità oggi è una giornata speciale, di grande felicità che condividiamo con gioia insieme al popolo argentino. In occasione della beatificazione dei due martiri padre Giovanni Antonio Solinas e padre Pedro Ortiz.

Ringrazio il nostro vescovo per l’opportunità che mi ha dato di venire qua insieme a tutto il gruppo di pellegrinaggio, ed un ringraziamento va anche alla gente che ci ospita qua in Argentina, per il loro affetto nei nostri confronti, la gentilezza e l’entusiasmo veramente coinvolgente.

Un pensiero speciale va naturalmente a tutta la comunità di Oliena che ci sta seguendo con trepidazione da casa, ma con il cuore qua insieme a noi. E per questo li abbraccio tutti, uno per uno”, ha detto il primo cittadino.

Davvero grande in queste ore la gioia da parte di tutti i fedeli della Diocesi di Nuoro per il terzo beato, dopo Antonia Mesina di Orgosolo e Maria Gabriella Sagheddu di Dorgali e in particolare della parrocchia di Sant’Ignazio da Loyola a Oliena per il raggiungimento dell’obiettivo che qualche anno fa sembrava quasi irrealizzabile.

About Ilaria Incani

Vivo a Gonnosfanadiga e sono una studentessa del corso di Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari. Le mie passioni sono la musica, il cinema e l'arte.

Controlla anche

Biblioteca Centro di Documentazione e Studi delle Donne

Adriana Salinas e il ruolo della donna in argentina

Get Widget Centro di Documentazione e Studi delle Donne di Cagliari Il Centro di documentazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.