Alexa Unica Radio
mobilita sostenibile

Urban Award, Comuni in gara per la mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile, uno degli obiettivo che fa parte dell’Agenda 2030 Onu

Mobilità sostenibile, uno degli obiettivo che fa parte dell’Agenda 2030 Onu. I progetti di transizione ecologica, tra cui i più importanti in questo momento sono quelli sullo sviluppo della ciclabilità, ne saranno protagonisti.

L’Italia ha una rete di piste ciclabili e di cicloturismo di circa 58.000 chilometri. La strada è aperta, ma i Comuni italiani devono continuare a investire nella mobilità sostenibile e in particolare nella ciclabilità. Far conoscere i migliori progetti delle amministrazioni comunali per incrementare l’utilizzo della mobilità sostenibile è l’obiettivo di Urban Award. Si tratta di un progetto presentato a Roma nella sede Anci.

Progetto di Ludovica Casellati

Ideato nel 2017 da Ludovica Casellati, direttrice di Viagginbici.com e Luxurybikehotels.com, Urban Award è organizzato con Anci e intende premiare i Comuni virtuosi. Non solo anche incentivare le amministrazioni a investire nel futuro. I Comuni vincitori dell’edizione 2022 saranno premiati in occasione della trentanovesima assemblea nazionale Anci che si terrà a Bergamo in autunno. Il Comune vincitore riceverà un parco bici messo a disposizione dalle aziende di Ancma, Associazione nazionale ciclo motociclo accessori, di Confindustria.

“I Comuni che puntano sulla mobilità sostenibile investono per il futuro – dice Ludovica Casellati -, spiegando che l’obiettivo di Urban Award è quello di incentivare le amministrazioni a promuovere la realizzazione di piste ciclabili adeguate nelle città e percorsi che facilitano in sicurezza il bike to work e il bike to school. In questi anni Urban Award ha valorizzato le buone pratiche di tante città, facendo in modo che si innescasse una gara virtuosa a riprodurre questi modelli”.

“C’è da dire che negli ultimi due anni la bicicletta è più utilizzata nelle città come mezzo di trasporto -conclude-, questo per motivi di distanziamento sociale, per fare attività fisica, per una maggior sensibilità ambientale, ma anche per l’aumento delle infrastrutture ciclabili. Cosa che ha spostato il focus di tutta la giuria a prendere maggiormente in considerazione l’utilizzo di questo mezzo più di altri”.

About Isabella Murgia

Isabella Murgia nata a Sassari, ma vivo a Cagliari dalla quinta elementare. Diploma di Liceo scientifico, laurea triennale in filosofia. Passione per il giornalismo e l'informazione.

Controlla anche

migranti

A Cagliari un progetto per aiutare i migranti

Get Widget “Mens sana in corpore migrantis” per capire meglio chi arriva da lontano. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.