Alexa Unica Radio

“Rispetti.amoci”, poesia sull’8 marzo premiata a Quartu

A Quartu classe premiata per la poesia sull’8 Marzo: il Comune contribuirà alle spese della gita d’istruzione della classe vincitrice.

Il concorso è stato indetto in occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale sui Diritti delle Donne. Ed è nato con l’obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni sul fenomeno della violenza di genere e sulla necessità di un maggiore rispetto reciproco.

In particolare l’invito era rivolto agli studenti delle scuole secondarie di I grado in città. Tanti gli elaborati presentati dai ragazzi, nelle varie forme artistiche e letterarie previste dal concorso. La scelta della commissione esaminatrice è caduta su una poesia. Premiata con un contributo a un viaggio di istruzione la classe 2C dell’Istituto comprensivo n. 1. “Questo concorso di idee è molto importante e ahimè anche molto attuale – ha detto la presidente del Consiglio comunale Rita Murgioni.

“I ragazzi hanno dimostrato con gli elaborati presentati di essere coscienti del tema trattato. D’altronde i dati in Italia sono allarmanti: in media ogni anno sono 200 le donne uccise dal proprio compagno. Sono numeri che ci devono far riflettere e che non possono farci rimanere inerti. Ogni violenza su una donna è un’offesa alla civiltà e la scuola è di sicuro lo strumento più giusto è più adatto per combattere questa battaglia”. Ha aggiunto la presidente.

Presente anche l’assessora alla Pubblica Istruzione e alle Politiche di Genere Cinzia Carta. “Comune e scuola devono lavorare insieme con l’obiettivo condiviso di migliorare la società in un clima di benessere – ha detto-. Siamo reduci da un periodo molto difficile a causa della pandemia, ancora non del tutto sconfitta, ma ora questi contributi ci permettono di riprendere il filo della socialità e della solidarietà. Speriamo sia l’inizio di una lunga seria di lavori sulle tematiche che a noi stanno più care”.

La consegna dei riconoscimenti si è svolta alla Biblioteca Centrale di via Dante di Quartu.

(ANSA).

About Laura Piras

Studentessa della facoltà di Scienze Politiche. Vivo a San Sperate, un paese a circa 20 minuti da Cagliari. Mi piace seguire l'attualità e discuterne. Sono impegnata nel mondo del volontariato da circa 4 anni presso un'associazione di soccorso.

Controlla anche

Teatro Massimo donne 2 giugno

Congresso Donne sarde: di nuovo in marcia per la parità

Get Widget Si celebra in Sardegna l’altra Festa della Repubblica, quella delle Donne in marcia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.