Alexa Unica Radio
sindacati sardi

Inps: sindacati sardi pronti a mobilitazione contro tagli

Appello ai parlamentari sardi per rafforzare presidi

La parola ai sindacati sardi. “Solo un deciso e tempestivo intervento della Giunta regionale sul Governo può modificare la visione tecnocratica di complessi problemi sociali, sanitari, assistenziali e lavorativi dei vertici Inps ancorati a valutazioni matematiche e tassi di ipercopetura devastanti per l’Isola, i lavoratori e i pensionati”.

È la richiesta di Cgil, Cisl e Uil dopo che il Comitato regionale dell’Istituto di previdenza ha denunciato una carenza di presidi e personale in Sardegna.

L’appello dei sindacati

I sindacati sono pronti alla mobilitazione. “Non c’è più tempo. La fuga sta assumendo le caratteristiche di quelle clamorosamente già viste: delle Poste; della scuola; delle banche e perfino delle forze dell’ordine, che si sono tradotte nel graduale abbandono della Sardegna da parte dello Stato”. Così avvertono le tre sigle.

Appello ai parlamentari. “La vertenza Inps, che non riguarda interessi di parte o di gruppi, ma la generalità dei cittadini e anche la qualità della presenza dello Stato, richiede una particolare attenzione, possibilmente unitaria, di senatori e deputati eletti nell’Isola. Con un ruolo – precisano Cgil, Csil e Uil – necessariamente più attivo dei parlamentari sardi che occupano incarichi di grande responsabilità”.

In assenza di segnali concreti di ripensamento da parte dell’Istituto di previdenza e di iniziative da parte della Giunta regionale e dei parlamentari, le sigle annunciano di essere “pronte alla mobilitazione. In particolare le categorie dei pensionati più esposte ai tagli.”

About Renato Cabras

Studente di Scienze della Comunicazione

Controlla anche

Bob Marongiu

Bob Marongiu firma mondi di colore in ricerca della felicità

Get Widget Fino al 31 agosto alla Mem di Cagliari la mostra “Je Mem” Colore, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.