Alexa Unica Radio
laboratorio ricerca fg
laboratorio ricerca fg

Epatite acuta pediatrica, cause: anche i cani sotto lente

Epatite acuta pedriatica, in UK si è valutato l’uso del paracetamolo o altre esposizioni e si investiga a 360 gradi, ma finora l’indiziato numero uno resta l’adenovirus.

Per scoprire le cause dell’epatite acuta pediatrica, sotto la lente degli esperti che stanno investigando finisce ogni aspetto della vita dei piccoli pazienti, ogni contatto, viaggio, farmaco assunto e in questa ricerca ad ampio raggio si guarda persino agli animali domestici, protagonisti di un focus dell’ultimo report di aggiornamento della Uk Health Security Agency, quello che fa il punto sulle possibili esposizioni. Sebbene l’indiziato numero uno resti sempre l’adenovirus.

Gli esperti fanno riferimento all’esito dei questionari somministrati ai genitori di bambini colpiti dalle epatiti. “La revisione delle risposte – riferiscono – ha rilevato un numero relativamente alto di famiglie proprietarie” di cani “o di esposizioni ad altri cani”. Si parla si un “70%” dei bambini, 64 su 92, per i quali i dati erano disponibili. “Il significato di questa scoperta è in fase di studio”, spiegano nel briefing tecnico. Avere un cane domestico, infatti, “è comune nel Regno Unito”. E la segnalazione di contatti con altri cani “può includere contatti transitori non significativi”.

Nei questionari ad ampio raggio rientra tutto e gli esperti britannici non vogliono lasciare nulla di inesplorato. Si è indagato sui viaggi, sull’occupazione dei genitori, la dieta, l’acqua, su sostanze tossiche o associazioni con situazioni di immunosoppressione, sui farmaci utilizzati. E a questo proposito, “circa tre quarti degli intervistati, per l’Inghilterra, ha menzionato l’uso di paracetamolo”. Questo è notoriamente “un importante agente epatotossico in caso di sovradosaggio”. Il paracetamolo “rimane in considerazione come potenziale agente eziologico, ma al momento le prove” a supporto di questa ipotesi “sono deboli”.

Intanto, mentre c’è un’apparente riduzione dei casi confermati nelle ultime 2 settimane complessivamente nel Regno Unito, ci sono nuove segnalazioni in Scozia, e il numero di casi in attesa di classificazione in Inghilterra è notevole”. Quindi al momento gli esperti britannici non si sbilanciano: “Non possiamo ancora dire che c’è una diminuzione dei nuovi casi”.

Le ipotesi di lavoro sono state affinate. E le principali restano quelle che coinvolgono l’adenovirus. “Tuttavia, continuiamo a studiare anche il potenziale ruolo di e lavorare per escludere qualsiasi componente tossicologica”, spiega l’Ukhsa. L’adenovirus resta il potenziale patogeno rilevato più frequentemente. Tra 163 casi nel Regno Unito, 126 sono stati testati per adenovirus e 91 avevano l’adenovirus (72%). Tra casi positivi, il virus in questione è stato rilevato principalmente nel sangue. E il tipo costantemente rilevato è l’adenovirus 41F. Mentre Sars-CoV-2 è stato rilevato in 24 casi su 132 con risultati disponibili (18%). Le indagini tossicologiche continuano senza risultati positivi fino ad oggi.

Le ipotesi di lavoro sono 6. La prima è che si tratti di una normale infezione da adenovirus. Questa potrebbe trovare una anomala suscettibilità o risposta dell’ospite che consente all’infezione di progredire verso l’epatite. La seconda ipotesi di lavoro è una nuova variante di adenovirus. La terza è una sindrome post Sars-CoV-2 (compreso un effetto limitato di Omicron). La quarta è un eventuale farmaco, una tossina o un’esposizione ambientale. Quinta ipotesi di lavoro in campo è “un nuovo agente patogeno che agisce da solo o come coinfezione”. Infine, la sesta è una nuova variante di Sars-CoV-2. Le indagini continuano.

About Alessia Porcu

21 anni, studentessa di Lingue e Comunicazione all'Università di Cagliari. Appassionata di fotografia.

Controlla anche

Cancro vie biliari

Tumori: scoperto un marcatore per cancro delle vie biliari

Get Widget Lavoro equipe Cagliari pubblicato nel British journal of cancer   Scoperto a Cagliari …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.