Alexa Unica Radio
calcio

Il Cagliari è ancora vivo. 1-1 con la Salernitana

I sardi pareggiano con il gol di Altare allo scadere e tengono viva la lotta per la permanenza in serie A

Termina 1-1 lo scontro salvezza tra Salernitana e Cagliari. Il gol di Altare sul finale regala una speranza di salvezza ai sardi, a due giornate dalla fine.

Davanti alla bolgia dell’Arechi, il match si sblocca nella ripresa. I padroni di casa passano con un rigore di Verdi, i sardi agguantano il pari praticamente al 99′. Ai 6 minuti di recupero iniziali, infatti, se ne sono aggiunti altri 4 per un lungo controllo Var. La lotta salvezza resta dunque apertissima. Anche il Venezia, oggi vittorioso dopo 10 ko di fila, matematicamente puo’ ancora sperare.

La cronaca

Nicola, nonostante tre partite in sei giorni, conferma nove-undicesimi della squadra che ha battuto la Fiorentina, cambiando Zortea con Ruggeri e Bonazzoli con Verdi.

Il Cagliari, alla prima con Agostini in panchina, riparte dal 3-5-2 con Joao Pedro e Pavoletti in avanti.

La partita resta a lungo bloccata. Meglio i sardi nella prima mezz’ora: la squadra rossobù approfitta di un avvio meno arrembante della Salernitana e riesce a tenere in mano il pallino del gioco.

Sepe, in almeno due circostanze, è costretto ad anticipare in uscita Pavoletti. Il numero 30 rossoblù al 14′ mette i brividi all’Arechi, anticipando di testa Fazio sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma senza riuscire ad inquadrare lo specchio.

Un avvio che scuote la Salernitana, brava ad alzare ritmo nella seconda parte del primo tempo: dal piede del solito Mazzocchi partono dei palloni interessanti ma Djuric non riesce quasi mai a colpire. L’unica volta in cui il bosniaco sovrasta gli avversari, al centro dell’area non c’è nessuno per il tap-in.

L’ultimo squillo del primo tempo è di marca sarda: Bellanova crossa dalla destra, Lykogiannis impatta di testa ma la palla termina a lato.

Il secondo tempo inizia esattamente come il primo: il Cagliari prova a sfruttare la maggiore freschezza atletica, la Salernitana gioca di rimessa.

La mossa giusta, però, arriva nuovamente dalla panchina: Nicola lancia nella mischia Kastanos per Bohinen. È proprio il cipriota al 20′ ad inventarsi l’azione che propizia il rigore per fallo di Lovato sul centrocampista granata.

Dal dischetto va Verdi che spiazza Cragno e fa esplodere l’Arechi e saltare i nervi in campo (espulsi dalla panchina Ribery e Radunovic). Il Cagliari accusa il colpo, la Salernitana prova a chiudere i conti ma senza riuscirci. Sono i sardi, allora, a tentare il tutto per tutto. Prima Grassi (31′) sfiora il pari con un tiro che si stampa sul palo. Poi i sardi conquistano un rigore per un contatto tra Sepe e Baselli. Ma Di Bello dopo aver rivisto tutto al Var cambia la decisione. Nonostante tutto, nel nono dei dieci minuti di recupero, il Cagliari riesce a pareggiare con Altare che di testa batte Sepe.

Un’altra possibilità dunque, per provare a portare a casa una salvezza complicata. Il Cagliari scenderà in campo il prossimo turno contro l’Inter di Inzaghi.

About Renato Cabras

Studente di Scienze della Comunicazione

Controlla anche

Siddi Chiesa San Michele jpeg

Monumenti aperti XXVI edizione

Get Widget Il 21 e 22 Maggio a Genoni, Siddi e Villanovaforru Dopo la versione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.