Alexa Unica Radio
Credits Citta della terra cruda 1

A Samassi i vent’anni dell’Associazione Città della Terra Cruda

Domani 30 Aprile a Samassi

Dopo aver discusso del contributo dell’architettura di terra cruda alla transizione ecologica, proseguirà domani a Samassi l’evento “Viaggio nella terra cruda in Italia 2001-2021”. Esso racconterà quanto è stato fatto in vent’anni dall’Associazione Internazionale Città della Terra Cruda e, soprattutto, il ruolo della rete internazionale, sempre più solida.
Grazie al lavoro svolto dall’Associazione, le tematiche legate all’architettura in terra cruda, sempre più attuali, diventano oggetto a livello internazionale di una serie di riflessioni da tradurre in atti concreti per affrontare le nuove sfide che attendono la società sul fronte della sostenibilità e della transizione ecologica.
Il ruolo della rete delle Città della terra cruda è sempre più attivo e presente in ambito europeo. Questo anche grazie al sostegno della Regione Sardegna, e dell’assessorato dell’Urbanistica in particolare, che ne ha favorito e sostenuto l’internazionalizzazione.
L’appuntamento di domani 30 aprile, al cinema Italia di Samassi, permetterà di conoscere i partner europei, le buone prassi e i progetti da questi portati avanti. Tutto questo per chiudere le celebrazioni del ventennale della fondazione dell’Associazione con chi ne fa parte. Atteso, per l’occasione, l’intervento dell’assessore regionale dell’Urbanistica Quirico Sanna.
L’incontro sarà introdotto dal videodocumentario “La terra cruda in Italia” realizzato dal regista Alonso Crespo.

L’associazione

Nasce a Samassi il 16 novembre 2001. Tra i fondatori dell’Associazione ci sono per la Sardegna i Comuni di Samassi, Villamassargia e Serramanna. Oggi aderiscono all’Associazione quaranta Comuni in rappresentanza delle Regioni Sardegna, Abruzzo, Marche, Piemonte e Basilicata. Aderiscono anche alcuni enti territoriali, un ente Parco, liberi professionisti, associazioni e imprese. Una realtà sempre più orientata anche all’internazionalizzazione con una rete solida di Comuni europei.
È un’alleanza tra le città che riconoscono il valore delle architetture e degli insediamenti in terra cruda quali componenti del paesaggio che caratterizzano il loro territorio. Hanno come base per un modello di sviluppo sostenibile. Promuove il riuso del materiale terra cruda nella filiera dell’edilizia contemporanea, a partire dalla tutela, il recupero, il riuso degli edifici tradizionali in terra cruda e l’impiego di materiali naturali in edilizia per sostenere l’abitare sostenibile. Aderisce al Documento internazionale “Abitare la terra, per il diritto a costruire in terra cruda”, promosso nel 2010 da CRATerre, Ecole Nationale Supérieure d’Architecture di Grenoble e dalle numerose istituzioni e personalità che promuovono l’architettura di terra nel mondo.

About Giacomo James Federico Marongiu

Sono laureato in Scienze della Comunicazione. Suono il pianoforte dall'età di 6 anni e adoro la musica e il cinema.

Controlla anche

man g5f7b2b4d0 1920

Boom di truffe e frodi informatiche nell’Isola, +89%

Get Widget Report Confartigianato, Sardegna sesta in Italia Nell’ultimo decennio, in Sardegna i reati informatici denunciati dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.