Alexa Unica Radio
sardinia flag 3408149 1920

Commemorazione martiri di Palabanda

Quella avvenuta a Palabanda, in una località all’epoca fuori Cagliari, è stata bollata a volte come “congiura”, altre come “sedizione”

Recenti studi hanno invece messo in luce come nel 1812 ancora ribollivano in tutta la Sardegna gli animi dei rivoluzionari angioyani, che non avevano certo messo in un cassetto il sogno di una Sardegna repubblicana e libera dal giogo di feudatari e piemontesi.

Il tentativo di rivolta di Palabanda

In effetti, il tentativo di rivolta di Palabanda fu l’ultimo atto di ribellione intrapreso dai Cagliaritani contro i Savoia e il loro regime oppressivo. Erano gli anni in cui la Corte regia era di stanza a Cagliari a causa delle guerre napoleoniche e la popolazione sarda era stremata dalle tasse per mantenere il fasto del re Vittorio Emanuele e di tutti i nobili.

La spiegazione di Andrea Laterza

«Ancora oggi si usa dire “famini de s’annu doxi” – spiega Andrea Laterza, presidente di Assemblea Natzionale Sarda – proprio in riferimento al peso insopportabile della crisi, che ricadeva interamente sulle spalle dei sardi». «Carestia, crisi economica ed epidemie – completa Maurizio Onnis, presidente di Corona de Logu – contribuirono a innescare la miccia di quell’ultima ribellione dei sardi contro il governo piemontese, che si inserì a pieno titolo nel processo rivoluzionario iniziato con la resistenza antifrancese a Quartu, la compilazione delle 5 domande e la cacciata dei funzionari regi il 28 aprile del 1794».
Che quella di Palabanda non fosse una mera congiura di palazzo lo rivela anche il fatto che «in quel luogo si ritrovarono con le armi in pugno popolani e intellettuali, professori universitari e conciatori di pelli, operai e dottori in giurisprudenza – chiarisce sempre Laterza –. Vale a dire, un insieme eterogeneo di persone di cultura e semplici cittadini, stanchi di subire “sa tirannia de sos piemontesos”».

In occasione del 28 aprile

Ecco spiegato il motivo per cui il prossimo 28 aprile, in occasione delle celebrazioni di Sa Die De Sa Sardigna, ufficialmente istituita dal Consiglio regionale della Sardegna con la Legge Regionale 14 settembre 1993, n. 44, l’associazione Assemblea Natzionale Sarda e l’insieme degli amministratori indipendentisti riuniti nella Corona de Logu ricorderanno i sardi sorpresi dalle guardie regie appena prima che la rivolta avesse inizio e trucidati davanti alla porta di Palabanda.

Una corona di fiori davanti alla Porta di Palabanda

Le due associazioni, alle 11:30, in Corso Vittorio Emanuele a Cagliari, deporranno una corona di fiori davanti alla Porta di Palabanda, nel luogo dove oggi sorge una lapida a perenne memoria dei sardi che non si arresero alla restaurazione dell’assolutismo e continuarono a progettare un futuro di libertà e sovranità.

About Claudia Atzori

Sono Claudia Atzori. Sono nata nel '97 e ho la passione per il disegno e tutto ciò che è artistico.

Controlla anche

Gruppo Certamen 2022

Latino e scienze: un binomio vincente. I premiati del Certamen Karalitanum 2022

Get Widget Si è svolta il 18 maggio 2022 nell’Aula Magna del Liceo Pitagora di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.