Alexa Unica Radio
l'itticoltura
itticoltura

Progetto Bugs & Fish per l’itticoltura regionale

Il 13 aprile, su Buongiorno Regione del TGR RAI Sardegna, è andato in onda il servizio sul Progetto Bugs&Fish per l’itticoltura regionale. Le riprese sono state realizzate presso l’Azienda didattico-sperimentale del Dipartimento di Agraria a Ottava in cui è stato allestito un allevamento massale di Tenebrio molitor, il coleottero destinato alla produzione di farine di insetto destinate alla mangimistica. Intervistate la dott.ssa Tiziana Nuvoli, tecnica di laboratorio, e la dott.ssa Carolina Pirino, borsista, della Sezione di Patologia Vegetale ed Entomologia (SPAVE) del Dipartimento di Agraria – UNISS.

Il Progetto, per l’itticoltura regionale, finanziato dalla Regione SARDEGNA

Questo ha coinvolto non solo l’Università di Sassari, con il Professor Ignazio Floris come referente scientifico e l’Università di Cagliari, con il Professor Alberto Angioni come coordinatore del Progetto, ma anche il mangimificio Profenda di Macomer e l’Istituto di BioEconomia del CNR di Sassari.

L’obiettivo è stato quello di favorire lo sviluppo di una filiera sostenibile per il settore mangimistico dell’itticoltura regionale, attraverso la produzione di farine di insetto a elevato valore nutrizionale, da integrare come ingrediente base nell’alimentazione di alcune specie dell’acquacoltura sarda.

Bugs&Fish4SQ

Valorizzazione e tipizzazione delle produzioni ittiche sarde: approccio integrato di filiera per la produzione di mangimi sostenibili da insetti allevati su residui agroalimentari, miglioramento delle caratteristiche nutrizionali e di salubrità, lavorazione e packaging ecosostenibile dei prodotti ittici

Descrizione sintetica del progetto

Obiettivi: Costruire filiere di prodotti ittici sardi, sostenibili, competitivi commercialmente, ad elevata qualità salutistico/nutrizionale e salubri. L’asse portante del progetto si basa sullo sviluppo di una filiera sostenibile nella mangimistica per l’itticoltura regionale, attraverso la produzione di farine ad elevato valore nutrizionale ottenute da insetti allevati su sottoprodotti e scarti dell’industria agroalimentare. Queste farine permetteranno di diminuire la dipendenza dalle farine di pesce e altre fonti proteiche di origine vegetale, riducendo il peso sugli stock ittici selvatici e da quelle vegetali ottenute dalla soia (95% OGM) per creare una filiera sostenibile a livello regionale. Mangimi a base di farine d’insetti verranno sperimentati nell’allevamento di specie dell’acquacoltura sarda come: anguilla, ombrina e orata; ed alcune specie emergenti: riccio di mare e oloturia. Un secondo asse del progetto intende affrontare le criticità legate alla contaminazione dei prodotti ittici e del loro ambiente, da macro e microplastiche. Verranno messi a punto e testati materiale alternativi alle reti in plastica usate per l’allevamento e il confezionamento dei molluschi bivalvi e nuovi materiali ecosostenibili per il packaging del fresco e del trasformato. Inoltre, verranno sviluppati protocolli di lavorazione specifici per il controllo dei contaminanti lungo la filiera ittica. Un terzo asse si base sull’innovazione dei processi di produzione e trasformazione dei prodotti ittici, in particolare verranno innovati i processi di salagione e affumicatura. Il progetto attraverso l’aggregazione di imprese del settore mangimistico, di produzione e trasformazione e OdR intende sviluppare nuovi prodotti e processi innovativi per risolvere alcuni punti critici della filiera ittica; migliorare le caratteristiche qualitative e salutistiche, aumentare la shelf life dei prodotti ittici regionali, e la loro ecosostenibilità. Verranno, infine, messe in atto attività di formazione, animazione e trasferimento tecnologico, mediante la creazione di un Living Lab.

About Marco Fadda

Cittadino del mondo. Amo viaggiare e il confronto con nuove culture, mantenendo però le mie radici ben salde alla mia terra. Appassionato di letture fantasy e scienza.

Controlla anche

sailing 4945855 1920

Cambiamenti climatici, mare sempre più caldo e cambia la biodiversità marina

Get Widget Le rilevazioni di Greenpeace I nostri mari si stanno riscaldando anche in profondità e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.