Alexa Unica Radio
Cus foto squadra1

CUS, il rush finale parte da Civitanova

Striulli: “Artefici del nostro destino”. Universitarie impegnate nel recupero del 20° turno sul campo delle marchigiane, fin qui fanalino di coda del torneo

Il tour de force che porterà alla fine della regular season è ufficialmente cominciato. Sarà un periodo intensissimo per il CUS Cagliari, a caccia di punti per blindare la salvezza diretta e regalarsi l’approdo ai playoff. Il primo ostacolo è la trasferta di mercoledì sul campo della Feba Civitanova Marche, valida per il recupero della 20esima giornata.

Le cussine arrivano all’impegno dopo le due sconfitte interne maturate in rimonta contro La Spezia e Patti: “Entrambe sono state frutto di un calo mentale e fisico – fa notare il capitano Erika Striulli –non va dimenticato però che abbiamo giocato contro due super squadre, comunque messe in grossa difficoltà per 20 minuti”.

Il commento del capitano, Erika Striulli

Ora il CUS ha voltato pagina e si prepara per il rush finale: “Il gruppo – aggiunge Striulli – ha compiuto un percorso di crescita importante, anche se ogni tanto cade ancora sui limiti che, inevitabilmente, ogni componente può manifestare. Giocare sotto pressione li fa emergere, del resto. Ora arriva il momento in cui ogni giocatrice è chiamata a essere protagonista, guardando in faccia i propri limiti, accettandoli e arginandoli. Si tratta di una scelta individuale che ognuna dovrà compiere per decidere cosa diventare”.
Le rossoblù sono focalizzate sull’obiettivo: “In questo momento non c’è una battaglia playoff – chiarisce – ma una salvezza da raggiungere senza passare per i playout. Se poi, alla fine, risulteremo tra le prime otto squadre del girone, ne riparleremo”.

Civitanova Marche occupa l’ultimo gradino della classifica con un bilancio di 4 vittorie e 17 sconfitte in 21 gare. La squadra di coach Carmenati arriva da una sosta forzata di 2 settimane causa Covid, ma prima dell’interruzione aveva tenuto onorevolmente testa a Vigarano arrendendosi soltanto nel finale. Le “momo” faranno leva sull’impatto dell’ala Rylichova, arrivata a febbraio e subito protagonista con varie escursioni sopra i 20 punti. “Quello di Civitanova è storicamente un campo difficile – conclude la numero 7 – anche se quest’anno sono state protagoniste di un campionato sottotono rispetto agli ultimi anni. Poco importa: siamo nelle condizioni di poter essere artefici del nostro destino. È tutto nelle nostre mani”.
Palla a due mercoledì 13 aprile alle 15.30 al Palasport “Città Alta” di Civitanova Marche. Arbitrano i signori Antimiani e Giardini.

About Lorenzo Puddu

Sono nato a Cagliari, l'11 aprile del 1998. Studio presso l'università di Cagliari e sono iscritto al corso di laurea in scienze della comunicazione. Attualmente vivo a Selargius.

Controlla anche

Museum Experience

Primo Museum Experience sulla civiltà nuragica

Get Widget A Cagliari il progetto inedito, percorso multisensoriale con spazio per realtà virtuale. Nuragica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.