Alexa Unica Radio
44 buone pratiche per i piccoli comuni

Dalle foreste all’energia, 44 buone pratiche per i piccoli Comuni

Realacci: “I piccoli comuni sono parte importante della nostra identità”

Quarantaquattro buone pratiche relative ad undici ambiti: agricoltura, agroalimentare, cultura e turismo, energia, gestione delle acque, gestione delle foreste, interconnessione e networking, mobilità, prevenzione e sicurezza, scuola e formazione e mobilità, servizi alla comunità. Sono le ‘Soluzioni e Tecnologie per i Piccoli Comuni e le aree montane’, rapporto che si inserisce nell’ambito dell’attività dell’Osservatorio di Officina Italia, promosso da Fondazione Symbola, Fondazione Hubruzzo e Carsa, con il patrocinio di Anci, Uncem, Touring Club Italiano, Fondazione Garrone, Fondazione Cariplo, Federparchi, Coldiretti, Legambiente, Ance, Cna Pcc, Cni, Cngg, Mobility in Chain, Linfa, Andropolis, Comunità Montana Valle Trompia, Cgil, Cisl, Uil.

Un rapporto coerente con la filosofia della legge Realacci (158/2017) sulla valorizzazione dei piccoli comuni. Un territorio rappresentativo di realtà prevalentemente montane ed alto collinari. Questo interessa ben il 66,8% della superficie nazionale non riconducibile a periferia delle grandi conurbazioni urbane. Sono proprio queste aree chiamate a svolgere un ruolo decisivo nella risposta alle sfide poste dalle crisi climatica e pandemica.

Il contributo decisivo dai territori e dalle comunità

“Nel grande mosaico di un’economia a misura d’uomo, come recita il Manifesto di Assisi, necessaria per contrastare le sfide che abbiamo davanti come la pandemia, la crisi climatica e la drammatica crisi prodotta dall’invasione dell’Ucraina” dichiara Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola.

“Le 44 tessere presentate in questo rapporto confermano il contributo decisivo che può venire dai territori e dalle comunità. C’è un’Italia che sfida le crisi, compete e si afferma senza perdere la propria anima. I piccoli comuni sono parte importante della nostra identità. Mi sono battuto per avere una legge sui piccoli comuni e ora c’è. Un comune è il suo campanile, la sua comunità, i suoi servizi. Servono scuole, un nuovo modello di sanità, uffici postali, piccoli esercizi commerciali, banda larga anche per attrarre i giovani e creare nuove imprese: un’economia più forte proprio perché più a misura d’uomo. Un’Italia che fa l’Italia e si muove entro le chiavi proposte dal Next Generation Eu per affrontare la crisi e rilanciare l’economia: coesione, transizione verde e digitale”.

Attraverso la presentazione di 44 buone pratiche relative ad 11 ambiti, dal rapporto emerge come l’innovazione sia una chiave per la trasformazione delle sfide in opportunità per contesti depositari di un immenso patrimonio storico, artistico, ed enogastronomico, della quasi totalità delle aree protette italiane, in cui abbondano risorse boschive ed idriche.

Il rapporto è ampio sia dal punto di vista delle tecnologie che dei soggetti presi in esame. Dalle strategie promosse da soggetti pubblici e privati, università, centri di ricerca e start up promotrici di innovazioni e studi, per arrivare alle realtà non-profit. Sono state selezionate esperienze e soluzioni persino futuribili; tra queste alcune applicazioni della blockchain o dei big data per il monitoraggio dei territori e la semplificazione dell’apparato burocratico o per migliorare la tracciabilità delle filiere agroalimentari.

Tre i parametri chiave adottati

il primo territoriale relativo alla loro applicabilità nelle aree meno densamente abitate e urbanizzate; il secondo riguarda l’innovatività (digitale, tecnologica o di modello); il terzo attiene alla replicabilità.

Molto significativo è anche il patrimonio enogastronomico. Delle 293 Dop e Igp mappate da Fondazione Symbola e Coldiretti sul territorio nazionale, ben 270 coinvolgono i piccoli comuni (92,2%), filiere produttive locali valorizzabili attraverso l’introduzione di tecnologie, meccaniche e digitali, che contribuiscono a ridurre i costi, fornire strumenti di tracciabilità e di valorizzazione, promozione e vendita dei prodotti.

Leggi anche:

Green economy in Italia:una impresa su tre investe in sostenibilità  

COLDIRETTI NELLE SCUOLE PER LA GIORNATA DELLE FORESTE

Erasmus+ 2019. Altissima la partecipazione italiana

Come proteggere la privacy quando si naviga su internet?

Narrativa come cura, per pazienti diabetici

About Nicola Palmas

Imprenditore digitale e manager culturale. Founder & CEO della startup Billalo, direttore artistico di Sardegna Concerti. Appassionato di musica, innovazione e marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.