Alexa Unica Radio
Ceccarelli Silvia

Savona amara per la Techfind

La Techfind San Salvatore deve ancora rimandare l’appuntamento con la vittoria. Termina, infatti, con una sconfitta la spedizione giallonera sul parquet dell’Azimuth Wealth Savona, vittoriosa tra le mura amiche con il punteggio finale di 78-63.

Dopo aver approcciato bene la gara, Ceccarelli e compagne sono calate nella fase centrale della gara scivolando indietro anche di 22 lunghezze. Con un grande sforzo, le selargine sono riuscite a rimettersi in scia, ma nel finale hanno pagato lo sforzo venendo ricacciate definitivamente indietro.

La gara

La neo arrivata Konstantinova parte subito in quintetto con Rosellini, Ceccarelli, Cutrupi ed El Habbab. Per le padrone di casa, invece, ci sono Zanetti, Sansalone, Nezaj, Paleari e Tyutyundzhieva.
L’impatto della regista bulgara della Techfind è ottimo: le sue letture puntuali nella metà campo d’attacco consentono alle giallonere di premere subito sull’acceleratore (10-4 e timeout Dagliano). La stessa Konstantinova, però, spende molto presto il suo secondo fallo e costringe coach Fioretto a dosare il suo minutaggio. Savona ne approfitta, e con la tripla dall’angolo di Salvestrini torna a contatto. La gara prosegue sui binari dell’equilibrio, con le selargine che riescono comunque a chiudere in vantaggio al 10′ sul 15-14.
La difesa a zona proposta dalla Techfind non riesce a frenare più di tanto l’attacco delle liguri, che si portano per la prima volta al comando col piazzato di Tyutyundzhieva e poi allungano fino al +10 (32-19) grazie alle triple di Paleari. Il San Salvatore arranca, complici anche i problemi di falli di El Habbab e Cutrupi, e resta a secco per quasi 6 minuti contro la difesa molto fisica di Savona, che vola sul +15 alla pausa lunga (37-22).
Al rientro in campo le padrone di casa continuano a tirare bene e scavano il solco doppiando la Techfind sul 44-22. Sembra notte fonda per le selargine, che però trovano le risorse per risalire la china. Il nuovo ricorso alla zona, unito alla press a tutto campo e a un sensibile innalzamento delle percentuali da fuori, consentono di rientrare fino al -4 con la bomba dall’angolo di capitan Ceccarelli (50-46).
Lo sforzo si fa sentire in avvio di ultimo periodo, con Paleari che lancia la nuova fuga delle sue con il canestro del 60-48. Il San Salvatore stavolta non ha le forze per rimettere le cose a posto, allora Zanetti e compagne amministrano chiudendo in vantaggio sul definitivo 78-63.
Così coach Roberto Fioretto: “Dopo i primi due quarti da dimenticare, siamo tornati in campo con atteggiamento diverso e abbiamo rimesso in piedi la partita. Poi alla fine lo sforzo ci è costato un calo evidente. Non ci ha giovato nemmeno l’uscita per falli di El Habbab, che stava dando un apporto di sostanza. Ci teniamo la reazione d’orgoglio del terzo quarto, mentre dovremo migliorare nelle scelte difensive oltre che nelle percentuali al tiro”.

Azimuth Wealth Savona-Techfind San Salvatore 78-63
Savona: Nezaj 13, Tyutyundzhieva 13, Sansalone, Paleari 12, Zanetti 20, Ceccardi ne, Pitzalis, Salvestrini 12, Dagliano 8, Picasso, Leonardini. Allenatore Dagliano
Techfind: Rosellini 5, El Habbab 13, Cutrupi 2, Ceccarelli 15, Konstantinova 9, Corongiu ne, Mura 11, Pandori 4, Pinna 1, Valenti 3. Allenatore Fioretto
Parziali: 14-15; 37-22; 52-46
Arbitri: Vicentini e Rodi

About Valentina Matzuzi

Sono una studentessa in Scienze della Comunicazione all'università di Cagliari. Ho 22 anni e vivo a Cagliari.

Controlla anche

2015 16 LBA 0

Dinamo Sassari: decima volta ai playoff

Get Widget Vittoria con Cremona e esordio in A per il 18enne Sanna Missione compiuta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.