Alexa Unica Radio
Luca Locci sequestro

Luca Locci: storia di un rapimento

Il sequestro del piccolo Luca Locci di appena 7 anni, prelevato dai banditi di fronte alla sua abitazione di Macomer, avvenne mentre giocava con i compagnetti.

Era il 24 giugno 1978. Le strade deserte e l’assenza di traffico per l’evento sportivo tanto atteso, la partita di calcio Italia-Brasile, avevano portato la maggior parte dei cittadini a rintanarsi nelle case o nei pubblici locali per assistere a quell’avvenimento, favorendo in questo modo la fuga dei banditi.

La famiglia Locci aveva trascorso la giornata al mare a Bosa, per poi rientrare a casa alla sera. La madre del piccolo, Paola, era appena salita a casa quando Luca, attardatosi con degli amichetti fuori da casa, venne rapito dai banditi.

Una volta resasi conto dell’accaduto, la madre diede l’allarme. Nessuno si era accorto o aveva visto nulla. L’intero paese, quella sera, era impegnato a seguire davanti alla tv la finale per il terzo e quarto posto della Coppa del Mondo in Messico fra Italia e Brasile.

Il papà di Luca, Franco, concessionario della Fiat e pilota automobilistico, quel giorno era lontano da casa perché impegnato in una gara a Macerata.

Quello di Luca Locci fu il secondo sequestro di un bambino in quell’anno. Ad aprile, infatti, l’undicenne Mauro Carassale, figlio di un commerciante di Olbia, fu rapito a Portisco.

scrnli 22 3 2022 23 01 13

Il fatto venne seguito con apprensione dall’intera opinione pubblica nazionale che rimase col fiato sospeso assieme alla famiglia fino al giorno del rilascio.

I ricordi

“Ho ancora nitidi i ricordi di quei giorni – ha raccontato Luca Locci, di recente ospite della trasmissione I fatti vostri, condotta da Giancarlo Magalli su Rai Due – un’esperienza che ha segnato me e la mia famiglia per tutta la vita”. 

“Avevo sempre un cappuccio in testa che mi levavano per mangiare – ancora Locci in un’intervista a L’Unione Sarda – però loro erano sempre dietro e mi dicevano di non girarmi, perché se li avessi visti in faccia mi dovevano ammazzare. Mi davano da mangiare pane e Nutella. Dormivo all’aperto, sotto le stelle dentro un sacco a pelo adagiato in terra. Avevo sempre la armi puntate, la canna del mitra anche quando mangiavo per evitare che mi girassi. Avevo paura, la parte peggiore è stata il primo periodo, poi uno si abitua talmente a tutto che diventa normale anche il mitra. Uno di loro era un cane, non mi cambiava neanche l’acqua”.

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.