Alexa Unica Radio

Covid, Clementi: “Non chiamiamola quinta ondata, avanti verso freedom day”

“A fine marzo o ai primi di aprile i contagi dovrebbero tronare a decrescere”

Contagi da covid in Italia, “è vero, i casi salgono. Ma non si può parlare di quinta ondata di Covid-19, a mio avviso. C’è chi, come l’infettivologo Matteo Bassetti, l’ha definita prima ondata di un altro virus. E ritengo che sia quello che sta succedendo: il virus è cambiato, togliamoci dalla testa il vecchio Sars-Cov-2 in questa fase. E’ un virus che nella sua evoluzione ha modificato non soltanto le caratteristiche genetiche, ma anche quelle fenotipiche: dà cioè un’infezione diversa. Se continua così, auspicabilmente potrebbe diventare un’infezione stagionale delle vie aeree superiori”. E’ l’analisi di Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Alla luce di questo, spiega all’Adnkronos Salute, “il percorso di riaperture va portato avanti così come è stato annunciato. A fine marzo o ai primi di aprile penso che i casi dopo essere aumentati torneranno a decrescere. Non vorrei essere smentito, però penso che ci avvieremo verso una situazione più tranquilla. Poi sarà tutto da riverificare a settembre-ottobre, ma con una situazione che forse si è stabilizzata”.

Covid e freedom day

Quindi avanti verso il ‘freedom day’, è la visione di Clementi. Che concorda anche con il collega Andrea Crisanti quando dice che con questo livello di trasmissione indugiare sulle restrizioni non serve a nulla. “E’ un po’ che dico che dobbiamo farlo circolare questo virus, adesso che dà queste infezioni leggere” nei vaccinati “perché facendolo circolare stiamo immunizzando delle persone. Certo i fragili vanno protetti e concordo anche su questo punto”.

L’analisi su Omicron 2 e sulle varianti di covid

Ha una contagiosità superiore a quella di altri coronavirus e rispetto alle altre varianti di Sars-CoV-2. Certamente però non ha le caratteristiche del morbillo: non ha la capacità che di indurre una risposta immunitaria molto potente, né di abbassare le difese immunitarie. Ci sono delle caratteristiche biologiche molto diverse rispetto ad altri virus. Però la sottovariante di Omicron BA.2 è certamente un virus molto diffusivo; replica molto nelle prime vie aeree, in una parte del nostro corpo che è più a contatto con l’esterno. Oggi vediamo prevalentemente correre il contagio fra i giovani, con una sintomatologia assente o modesta e una progressiva riduzione delle ospedalizzazioni. Omicron 2 è ancora più trasmissibile rispetto a Omicron 1. C’è chi stima di un 30% in più o anche di un dato maggiore ma sono conteggi difficili da fare. Quello che è più semplice e corretto valutare è l’andamento nella popolazione infettata, cioè quanto il nuovo virus è in grado di sostituirsi al precedente. Questo è quello che conta alla fine”.

L’analisi sulle varianti

“In passato abbiamo avuto varianti come quella identificata per la prima volta in Brasile, la Gamma, che hanno preoccupato tantissimo. Succedeva mentre in Gb correva l’Alfa. Si era temuto che Gamma corresse, ma a parte alcuni casi, pochi in Italia e un po’ di più in Sudamerica e in altre parti del mondo, non è stata una variante di successo. Per Omicron 2 è diverso: la variante sostituirà la 1, ma la linea evolutiva, e questo è importante, è sempre quella di Omicron e finché rimane una variante in questo ambito evolutivo va guardata con attenzione ma ci fa confidare che il virus non sia sostanzialmente cambiato molto”.

About Lorenzo Puddu

Sono nato a Cagliari, l'11 aprile del 1998. Studio presso l'università di Cagliari e sono iscritto al corso di laurea in scienze della comunicazione. Attualmente vivo a Selargius.

Controlla anche

Media education 2 1

Mascherine – Notizie di abissale follia

Get Widget “MASCHERE – Notizie di abissale follia” Una sfida formato media education ad alto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.