Alexa Unica Radio
medicina nucleare

Primo percorso clinico isolano che unisce medicina nucleare, medici di famiglia, geriatri e neurologi

Venerdì 11 marzo, dalle 13.30 alle 19, la sala Thun dell’ospedale Microcitemico – via Jenner Cagliari – ospita il seminario formativo “Ruolo dell’imaging medico nucleare nel percorso clinico del paziente con disturbi del movimento e con disturbi cognitivi”.

L’evento tratta in particolare dei Disturbi del movimento. Mentre venerdì 25 marzo si dibatte dei Disturbi cognitivi. Gli appuntamenti sono coordinati dal gruppo di Michele Boero, primario di Medicina nucleare all’Arnas Brotzu. “Stiamo sviluppando un percorso specialistico basato sulle reali esigenze del paziente e sulle risposte che il sistema sanitario deve dare ai cittadini. La rete assistenziale territorio-ospedale-territorio definirà con precisione gli ambiti di competenza di ciascuna disciplina all’interno di un circuito in cui il paziente inizia e termina il proprio percorso clinico nel territorio, con riferimento all’ospedale centrale, come il San Michele, limitato ai casi ad alta complessità o – spiega il dottor Boero – per l’esecuzione di prestazioni non erogabili localmente”.

Demenze, disturbi del movimento e cognitivi in Sardegna e in Italia.

Nell’isola sono circa ventimila i pazienti affetti da demenza, la metà di questi hanno l’Alzheimer.

E sono oltre cinquantamila le figure coinvolte a vario titolo nell’assistenza. La demenza è in crescente aumento e per l’Oms è una priorità mondiale di salute pubblica. Nel mondo oltre 50 milioni di persone sono affette da una forma di demenza. Diventeranno 152 milioni nel 2050 (per cui un nuovo caso di demenza ogni 3 secondi).

La sopravvivenza media, dopo la diagnosi va dai quattro agli otto anni con costi pari a 604 mld di dollari/anno. Il sesso femminile è un importante fattore di rischio per l’insorgenza della demenza di Alzheimer, la forma più frequente di tutte le demenze (circa il 60 per cento). La prevalenza della demenza oscilla fra 5,9 e 7,1 per cento degli ultra-sessantaquattrenni. Poiché gli italiani di questa età sono più di tredici milioni all’ultimo censimento (2015), parliamo di circa un milione di persone, di cui circa 600mila con demenza di Alzheimer.

Circa tre milioni sono le persone direttamente o indirettamente coinvolte nell’assistenza dei loro cari. Le demenze sono una delle maggiori cause di disabilità anche per la presenza di diverse malattie croniche associate. Anche per questa ragione il percorso innovativo territorio-ospedale-territorio associa medici nucleari, geriatri, medicina di famiglia, psichiatri e neurologi. Il programma di domani prevede interventi modulati sulle varie discipline mediche. Tra gli argomenti chiave Imaging medico nucleare nella malattia di Parkinson, Casi clinici, Aspetti organizzativi e gestionali, Richieste e Interazione docenti-discenti. Michele Boero, responsabile del progetto, è affiancato dagli specialisti e relatori all’evento, Michela Allocca, Nicola Pisu, Alessia Ruggiero, Silvia Sanna e Giovanna Tanda.

Leggi anche:

La prossima pandemia In Italia, ma non ci sono le terapie

AMAS Alzheimer, domenica 16 Gennaio a Sassari si parla di invecchiamento della popolazione sarda

Longevità: disturbi cognitivi, prevenire e convivere

Reti e mercato salvano i margini ma il Covid pesa sull’utile

Alzheimer individuabile tramite studio chatbot

About Nicola Palmas

Imprenditore digitale e manager culturale. Founder & CEO della startup Billalo, direttore artistico di Sardegna Concerti. Appassionato di musica, innovazione e marketing.

Controlla anche

Tom Borrow

Tom Borrow, star della tastiera, debutta al Lirico di Cagliari

Get Widget Il pianista israeliano Tom Borrow; star della tastiera e promessa del concertismo internazionale; …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.