Alexa Unica Radio
Olbia

Olbia: prima città italiana con limite a 30km/h

Il Comune di Olbia apripista in Italia per le zone con traffico limitato a 30 km all’ora. Il Sindaco Nizzi incontra il Sindaco di Ascoli, questi è pronto a seguire l’esempio.

Il Comune di Olbia apripista in Italia per le zone con traffico limitato a 30 km all’ora. Da ormai 9 mesi il capoluogo gallurese, prima a livello nazionale, ha adottato questo schema sulle strade urbane, già in vigore in molte città europee: da Bruxelles a Parigi, da Stoccolma a Barcellona. E ora altri Comuni italiani sono pronti a seguirne l’esempio.

E’ il caso di Ascoli Piceno, che è volato a Olbia con il primo cittadino Marco Fioravanti e il suo vice Giovanni Silvestri per incontrare l’omologo primo cittadino Settimo Nizzi. Al fine di saperne di più da chi da tempo ha adottato questo provvedimento.

La scelta non è stata fatta solo per garantire una maggiore sicurezza sulle strade e ridurre gli incidenti. Questa decisione significa innescare un circolo virtuoso di miglioramento della mobilità e di gestione degli spazi comuni.

Le biciclette verranno usate più volentieri, i pedoni saranno più liberi e i bambini più autonomi. Da ciò ne deriva un grande miglioramento della qualità della vita dei cittadini sotto molti punti vista, inclusa la riduzione dell’inquinamento acustico.

Città a misura d’uomo

Questo provvedimento è condiviso dagli esperti del settore mobilità urbana. Infatti, il limite dei 30 km “va nella direzione di una città sempre più vivibile e a misura d’uomo. Concetto alla base anche del nuovo progetto “Ascoli Green”, i quali promotori perseguono con grande forza e determinazione.

Olbia, quindi, su questo fa scuola. Di fatto, al centro del dibattito politico, entrano così i progetti Biciplan e “Pediplan”. L’obbiettivo è quello di rendere la città completamente ciclabile è sempre più vivibile nel suo insieme. In Consiglio comunale i progetti procedono spediti e facilitati dall’istituzione della “zona 30”.

I due piani, integrati tra loro, hanno lo scopo principale di favorire e sviluppare gli spostamenti a piedi e in bicicletta nella vita di tutti i giorni, per andare al lavoro o a scuola ad esempio. E’ ormai un concetto condiviso quello che una cultura volta alla ciclabilità rende la comunità più vivace e con una maggiore salute dei suoi cittadini.

About Alessio Zanata

Leggo libri. Ascolto la radio.

Controlla anche

Scuola civica di musica

Iscrizione ai laboratori della Scuola civica di musica

La Scuola civica di musica di Cagliari organizza dei laboratori collettivi rivolti agli iscritti e agli esterni maggiorenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.