Alexa Unica Radio
Vaccini Ucraina

Guerra Ucraina e profughi, non solo Covid: “Rischio epidemie, dare vaccini routine”

Offrire ai profughi in arrivo dall’Ucraina in guerra con la Russia non solo la vaccinazione anti-Covid, ma anche le profilassi di routine

Una delle raccomandazioni contenute nella circolare con cui il ministero della Salute fornisce alle Asl le “prime indicazioni” in relazione “alla crisi in corso in Ucraina e in previsione dei conseguenti fenomeni migratori verso il nostro Paese”.

Per quanto riguarda le vaccinazioni routinarie, dalle Direzioni generali Prevenzione sanitaria e Programmazione sanitaria del dicastero. Si segnalano notevoli criticità dovute alle basse coperture vaccinali. Come l’epidemia di morbillo nel 2019 e il focolaio di polio iniziato nel 2021 e tutt’ora in corso nel Paese. Tale situazione affonda le radici in anni di difficoltà organizzative e di approvvigionamento di vaccini, oltre che in una lunga storia di esitazione vaccinale nel paese, ampiamente diffusa sia nella popolazione generale che fra gli operatori sanitari.

Per le vaccinazioni di routine, ricordano le Dg Prevenzione e Programmazione. Il calendario vaccinale ucraino prevede le seguenti vaccinazioni. Epatite B; Tbc; difterite, tetano, pertosse; polio; Haemophilus influenzae B; morbillo, parotite, rosolia”. Il ministero detta quindi le raccomandazioni per i minori fino al compimento dei 18 anni di età. “Soggetto mai vaccinato, con documentazione insufficiente e stato vaccinale incerto: è raccomandata l’offerta delle vaccinazioni previste, in rapporto all’età, secondo il calendario del Piano nazionale di prevenzione vaccinale; soggetto regolarmente vaccinato nel Paese di origine e con stato vaccinale adeguatamente documentato: è raccomandata l’offerta delle vaccinazioni previste, in rapporto all’età, secondo il calendario del Piano nazionale di prevenzione vaccinale, per l’eventuale completamento del ciclo vaccinale primario o i successivi richiami”.

About Carla Corriga

Ciao, sono una ragazza di ventitré anni, frequento il corso di beni culturali e spettacolo all'Università di Cagliari. Mi definisco una persona ambiziosa, con tanta voglia di imparare e crescere, credo che quello che mi aspetterà qua con voi sarà bellissimo e divertente. Non vedo l'ora di iniziare !

Controlla anche

"Inverti"

“Inverti”: i danni del Covid nel lavoro femminile

Get Widget La difficoltà delle donne nel mondo del lavoro, destinato ad essere ridimensionato e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.