Alexa Unica Radio
coins g47a16d1e4 1920
coins g47a16d1e4 1920

I fondi per la ripresa

La Fondazione Antonio Segni promuove un incontro oggi alle 17.30 online sul piano nazionale di ripresa e resilienza

Si discute delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza destinate alla Sardegna nell’incontro online. L’incontro è promosso dalla Fondazione Antonio Segni ed è in programma oggi alle 17.30. Intervengono l’assessore regionale alla Programmazione Giuseppe Fasolino e l’economista Luigi Guiso, ricercatore all’Istituto “Einaudi”. Modera il confronto Luca Deidda, docente all’Università di Sassari.

Dove vederlo

E’ possibile seguire l’incontro direttamente su Youtube.

La Fondazione Antonio Segni è stata costituita a Sassari il 3 febbraio 1988 e fa parte dell’Associazione per la valorizzazione della democrazia in Italia.

E’ nata per ricordare la fi gura di Antonio Segni e per valorizzarne e illustrarne l’attività scientifica e di statista padre dell’Unione Europea. Era uno studioso e maestro del diritto, attento a favorire lo sviluppo delle regioni meridionali. La Fondazione promuove attività di ricerca e di studio in ambito socio-economico, giuridico e storico. L‘obiettivo è quello di fornire significativi apporti alla individuazione, promozione e realizzazione di strategie volte al rilancio del Paese. Per il raggiungimento dei suoi fini istituzionali si avvale di collaborazioni scientifiche, contratti di ricerca e borse di studio. Essi saranno da assegnare a giovani e meritevoli studiosi delle Università degli Studi di Cagliari e Sassari.

La Fondazione Antonio Segni è stata costituita a Sassari il 3 febbraio 1988 e fa parte dell’Associazione per la valorizzazione della democrazia in Italia.
È nata per ricordare la figura di Antonio Segni, valorizzarne e illustrarne l’attività scientifica e di statista padre dell’Unione Europea, di studioso e di maestro del diritto, attento a favorire lo sviluppo delle regioni meridionali. La Fondazione promuove attività di ricerca e di studio in ambito socio-economico, giuridico e storico e si pone l’obiettivo di fornire significativi apporti alla individuazione, promozione e realizzazione di strategie volte al rilancio e al progresso economico e culturale del Paese con speciale riguardo alla Sardegna nel contesto europeo.
Per il raggiungimento dei suoi fini istituzionali si avvale di collaborazioni scientifiche, contratti di ricerca e borse di studio da assegnare a giovani e meritevoli studiosi delle Università degli Studi di Cagliari e Sassari.

Il PNRR

Il PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) è il documento che ciascuno Stato membro deve predisporre per accedere ai fondi del Next Generation EU. Il NGEU è lo strumento introdotto dall’Unione europea per la ripresa post pandemia Covid-19. Serve a rilanciare l’economia degli Stati membri e rendendola più verde e più digitale.

Il PNRR è lo strumento che deve dare attuazione al NGEU definendo un pacchetto coerente di riforme e investimenti per il periodo 2021-2026, dettagliando i progetti e le misure previste.

Il Governo italiano ha quindi predisposto il PNRR per illustrare alla Commissione europea come intende gestire i fondi del NGEU, descrivere i progetti che intende realizzare con questi fondi e delineare il calendario delle riforme associate all’attuazione del Piano e, più in generale, finalizzate alla modernizzazione del Paese.



About Giacomo James Federico Marongiu

Sono laureato in Scienze della Comunicazione. Suono il pianoforte dall'età di 6 anni e adoro la musica e il cinema.

Controlla anche

siotto

A Palazzo Siotto l’incontro sul patrimonio botanico urbano a cura del FAI Sardegna e dell’Università di Cagliari

Get Widget Una riflessione sulla gestione dell’ambiente nei contesti metropolitani “Quale futuro per il patrimonio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.