Alexa Unica Radio
marmi
marmi

Dalle discariche del marmo alle pitture

Economia circolare nell’industria del marmo: dagli scarti di pietra alle vernici sostenibili a base d’acqua

Gli scarti della lavorazione dei blocchi estratti a Orosei possono essere impiegati per produrre nuovi tipi di vernici murali a base d’acqua, con caratteristiche migliori in termini di resistenza e potere coprente. Il procedimento e il risultato dello studio sperimentale targato UniCa in un articolo scientifico del gruppo di ricerca guidato dal professor Nicola Careddu, docente del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar)

Oltre al professor Careddu, sono coinvolti nel gruppo di ricerca anche la ricercatrice Graziella Marras, la professoressa Paola Meloni (Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali – Dimcm) e il dottor Gianfranco Carcangiu dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (Cnr-Isac).

Nell’articolo si dimostra come gli sfridi, provenienti dalla lavorazione dei blocchi nel bacino estrattivo del marmo di Orosei, possano essere impiegati nella produzione di pitture bianche per muro. Il giacimento ha infatti un elevato tenore di carbonato di calcio, materia prima impiegata in molti processi industriali di produzione, ad esempio per cemento, gomma, carta, ma anche in cosmesi e farmaceutica.


Lo studio ha coinvolto alcune importanti realtà del territorio sardo, tra cui le principali aziende del Marmo di Orosei (Simg e Sardegna Marmi) e la EdiChem di Elmas, che produce vernici

I risultati ottenuti confermano che le vernici prodotte sostituendo il carbonato di calcio commerciale con gli sfridi del marmo di Orosei, hanno caratteristiche migliori in termini di resistenza agli alcali, potere coprente e resistenza al lavaggio.Come spiega il professor Careddu: “L’importanza dello studio è indubbiamente legata all’economia circolare applicata all’industria marmifera: il Marmo di Orosei – che dal punto di vista petrografico è un calcare lucidabile – rappresenta la terza voce nell’export della Sardegna (dopo il petrolchimico e il caseario, fonte Istat), in quanto esportato in tutto il mondo. L’ingente di produzione di sfridi, attualmente collocati e stoccati nella discarica consortile di Orosei, spinge per un riutilizzo dello stesso materiale che non può essere ulteriormente rimandato e che è anche economicamente molto interessante, proprio per il suo alto tenore di CaCO3“.

Lo studio si inserisce in uno dei principali filoni di ricerca del Dicaar, dipartimento fortemente impegnato nell’ambito delle materie prime, della sostenibilità e dell’economia circolare, come ampiamente dimostrato nel corso degli appuntamenti inseriti nel programma della Terza Conferenza della Ricerca, “per fare il punto in una fase cruciale nella quale la comunità scientifica deve riorganizzare le sue priorità, in un mondo così interconnesso che ogni azione locale assume una valenza planetaria, e viceversa”.

 

About Marco Fadda

Cittadino del mondo. Amo viaggiare e il confronto con nuove culture, mantenendo però le mie radici ben salde alla mia terra. Appassionato di letture fantasy e scienza.

Controlla anche

san francesco d'assisi chiesa

Chiesa: dopo 20 anni Sardegna ad Assisi per olio S. Francesco

Get Widget Sarà la Sardegna, dopo vent’anni, a offrire l’olio per la lampada che arde …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.